laRegione
CICLISMO
08.07.22 - 18:02

Le Belles Filles baciano la maglia gialla

Nell’arrivo in salita sui Vosgi, Tadej Pogacar vince ancora e aumenta il suo vantaggio sugli avversari. Solo Vingegaard riesce a resistere allo sloveno

le-belles-filles-baciano-la-maglia-gialla

L’hanno definito il Cannibale del ventunesimo secolo e se proprio occorre trovargli un paragone, quello con Eddy Merckx è forse il più calzante. Non tanto a livello tecnico, ma per quella voglia di non cedere ad altri nemmeno una garetta di paese, quello spasmodico desiderio di vincere sempre e comunque che non è patrimonio genetico di qualsiasi campione (Miguel Indurain, ad esempio, nelle cinque cavalcate al TdF non ha mai vinto una tappa di montagna). Tadej Pogacar con il Cannibale 1.0 ha in comune proprio quell’irrefrenabile desiderio di essere il migliore. E lo ha ribadito alla Super Planche des Belles Filles, primo arrivo in salita del Tour de France 2022. Ventiquattro ore dopo aver strappato dalle spalle di Wout van Aert la maglia gialla, lo sloveno ha messo sul piatto della Grande Boucle un altro capolavoro. Nell’ultimo chilometro in sterrato, con pendenze ben superiori al 20% (che fa della Planche la Super Planche), Pogacar si è messo lì davanti a fare l’andatura. Sembrava che nessuno potesse scattargli in faccia, ma a 300 metri dall’arrivo ci ha provato Jonas Vingegaard. Il danese si è trascinato dietro la maglia gialla e assieme sono andati a riprendere, a 80 metri dallo striscione, l’ultimo superstite della fuga di giornata, il tedesco Lennard Känma. Con Vingegaard davanti, lo sloveno avrebbe potuto concedergli la vittoria, ma negli ultimi 20 metri ha deciso di sprintare per conquistare la seconda vittoria consecutiva... «Dal giorno della presentazione del percorso, questa tappa l’avevo cerchiata di rosso – ha affermato Pogacar –. Ci tenevo molto a vincere, anche perché oggi avevamo dedicato la frazione alla ricerca contro il cancro. Proprio per questo indossavo scarpette particolari, dedicate all’evento e che non metterò più».

Vingegaard ha chiuso con lo stesso tempo del vincitore, mentre Roglic ha concesso 12" e il povero Känma 14". Thomas (14"), Gaudu (19"), Mas e Bardet (21") hanno limitato i danni, mentre Yates ha accusato 29" di ritardo, Uran 45", come Martin e Pidcock, Quintana è giunto a 51". In classifica generale soltanto Vingegaard rimane sotto il minuto (35"). Per Thomas (1’10"), Yates (1’18"), Gaudu 1’31"), Bardet (1’32"), Quintana (2’06") e Roglic (2’45") il distacco inizia già a essere importante.

Sabato il Tour varcherà la frontiera e giungerà in Svizzera, più precisamente a Losanna, con lo strappo finale verso la Pontaise che potrebbe invogliare gli attaccanti. Domenica tappa quasi interamente elvetica con il Col des Mosses, il Col de la Croix e il Pas de Morgins, da dove la carovana tornerà in Francia per l’arrivo a Châtel les Portes du Soleil.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
10 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
13 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
13 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
14 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
14 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
15 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
16 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
16 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
18 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
Tennis
19 ore
Coppa Davis, nelle qualificazioni Svizzera-Germania
Trasferta impegnativa per i rossocrociati, che sfideranno Zverev e compagni all’inizio di febbraio
© Regiopress, All rights reserved