laRegione
CICLISMO
07.07.22 - 17:30
Aggiornamento: 19:07

Tappa e maglia per Pogacar

Il vincitore delle ultime due edizioni torna padrone del Tour de France

tappa-e-maglia-per-pogacar

Ci ha messo meno di una settimana lo sloveno della Uae a riappropriarsi di una leadership alla Grande Boucle che ormai, dopo due successi finali consecutivi, pare appartenergli di diritto. Irresistibile per tutti i suoi rivali l’azione che, sull’ultima salita di giornata, gli ha permesso di transitare a braccia alzate sotto lo striscione del traguardo di Longwy, sede d’arrivo della sesta frazione. Tadej Pogacar è semplicemente un fenomeno, e al giorno d’oggi non c’è nessuno in grado di tenergli testa. Sul rettilineo finale, con due colpi di pedale è uscito dalla ruota del suo connazionale Roglic – pur bravo a recuperare dopo i problemi di mercoledì – e ha vinto la volata per distacco, permettendosi perfino di smettere di pedalare con un certo anticipo. La maglia gialla torna dunque sulle spalle del suo padrone naturale, che ora comanda la generale con 4" sull’americano Powless (EF) e 31" sul danese Vingegaard (Jumbo).

Il belga Wout Van Aert perde dunque il simbolo del comando, ma lo fa con classe, dopo una lunga fuga spettacolare terminata soltanto a 10 km dal traguardo. Una volta riassorbito dal gruppo, ha ceduto abdicando, ma è stato il grande protagonista di questa prima settimana di Tour, con 1 successo, 3 secondi posti e innumerevoli azioni esaltanti. Grazie. Poco dopo aver riacciuffato Van Aert, il gruppo si è diretto compatto verso lo strappo tagliagambe previsto a 6 km dall’arrivo, a metà del quale ha provato ad attaccare il francese Vuillermoz, riuscendo ad accumulare qualche secondo di margine. Forse credeva di poter ripetere l’impresa che fece nel 2015 sul Mur de Bretagne, ma è un’illusione, perché ai 1’500 metri, su un’altra salita, viene fagocitato dal plotone.

Alla volata si presentano tutti i migliori, da Roglic a Thomas, da Bardet a Matthews, da Quintana a Vingegaard. Ma, come detto, possono solo assistere impotenti all’esibizione di Tadej Pogacar, 24 anni da compiere, forte su ogni terreno, che alla maglia bianca aggiunge quella gialla per ipotecare, già dopo pochi giorni di gara, il terzo successo consecutivo nella corsa più importante al mondo. Venerdì il circus si sposta da Tomblaine alla Planche des belles filles, 176 km con salita finale di 7mila metri al 9%, dove Pogacar vinse nel 2020 una crono individuale di 36 km.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
5 ore
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
6 ore
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
7 ore
Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping
Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
9 ore
Ai rigori vince la Croazia
I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
QATAR 2022
9 ore
Tutti i numeri di Kylian Mbappé
Il 24enne francese sta riscrivendo una parte dei libri di storia del calcio. È il primo giocatore ad aver totalizzato 9 reti mondiali ad appena 23 anni
QATAR 2022
10 ore
Santos non si sbilancia, mezz’ora di parole senza concetti
Il tecnico del Portogallo non fornisce indicazioni sullo status di Cristiano Ronaldo, che molti lusitani vorrebbero vedere in panchina
QATAR 2022
11 ore
Achraf Hakimi e un derby tra calcio e politica
Il laterale del Psg e del Marocco è nato a Getafe ed è cresciuto al Real Madrid: ‘Ma giocare per il Marocco non ha prezzo’
Nuoto
12 ore
Anche a Coira il Ticino c’è, e non teme confronti
Ai Campionati giovanili nazionali a squadre le formazioni della Svizzera italiana fanno incetta di podi, facendo addirittura ‘en-plein’ al maschile
Qatar 2022
12 ore
La Spagna non deve sottovalutare il Marocco
Fra le favorite per il successo finale, le Furie rosse agli ottavi trovano un avversario fastidioso
Qatar 2022
14 ore
Col Portogallo quinto assalto ai quarti di finale
Rossocrociati sempre sconfitti agli ottavi contro Spagna (1994), Ucraina (2006), Argentina (2014) e Svezia (2018): che questa sia la volta buona?
© Regiopress, All rights reserved