laRegione
il-riva-e-terzo-e-dire-che-per-alcuni-non-avevamo-stimoli
basket
laR
 
23.05.22 - 17:21

Il Riva è terzo. ‘E dire che per alcuni non avevamo stimoli’

Buona stagione della squadra di Valter Montini, nonostante le tante giovani in campo e qualche infortunio di troppo

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Il Riva Basket ha chiuso il campionato di Lnb salendo sul podio, al terzo posto. Nel final four di Zurigo le momò sono state sconfitte in semifinale dal Sion per 71-61, ma si sono rifatte nella finale per il bronzo contro il Gc Divac, sconfitto 71-68 con una strepitosa rimonta dal -19.

Soddisfatto l’allenatore Valter Montini, in carica ormai da sette anni: «Ci siamo qualificati al final four grazie al secondo posto della regular season, ma alcuni infortuni ci hanno impedito di arrivare in piena forma, avevamo per esempio l’americana Cierra Johnson a mezzo servizio. Avevamo comunque buone aspettative ed eravamo consci di avere una chance. Purtroppo però in semifinale non è entrato nemmeno un tiro da tre punti dei quindici tentati e in un caso del genere è impossibile pensare di vincere una partita. Nella finale per il terzo posto abbiamo effettuato una grande rimonta dal -19 per vincere di tre punti. È stata una partita sofferta nella prima parte, ma piano piano abbiamo recuperato e la vittoria finale, ottenuta in questo modo, ci ha dato grandissima gioia». La compagine rivense ha saputo guadagnarsi, con una stagione in crescendo, un posto tra le migliori quattro, dopo aver eliminato Bellinzona e Blonay nei turni precedenti. «Avevamo il sogno di andarcela almeno a giocare contro il Winterthur, ma eravamo anche consci delle condizioni non ideali della nostra americana. A inizio stagione avevamo sette nuove giocatrici, praticamente mezza squadra. Non è quindi stato facile trovare un nuovo equilibrio e una nuova struttura, tanto che c’era chi sosteneva che fossimo una squadra senza ambizioni e che non avevamo stimoli e invece da novembre-dicembre siamo riusciti a costruire una stabilità che ci ha permesso di scalare la classifica fino alle prime posizioni. È stata invece tutta quanta una stagione stimolante, grazie anche ai diversi derby, ed entusiasmante perché la squadra si è sviluppata e costruita settimana dopo settimana, raggiungendo una buona sicurezza nei propri mezzi dopo Natale. Peccato per quel paio d’infortuni che ci hanno rallentato nel momento opportuno, che però abbiamo saputo assorbire, dando maggiore minutaggio a ragazze che ne avevano avuto meno fino a lì e che hanno saputo dare stabilità. Le ragazze giovani, abbiamo giocatrici anche del 2005, hanno saputo offrire delle soluzioni, anche quando le difficoltà erano molto evidenti».

‘Un’esperienza preziosa’

Con un gruppo così giovane quella dello scorso weekend «è stata un’esperienza preziosissima, perché le ragazze più giovani non erano abituate ad affrontare squadre così fisiche ed esperte, se pensiamo che certe avversarie avevano un’età media vicina ai trent’anni. Questa esperienza sarà preziosa per il futuro, perché ci permetterà di avere un nuovo approccio alle partite così dure come quelle avute in quest’ultima parte di playoff».

A questo punto con quali aspettative si affronta la prossima stagione? «Ci dobbiamo trovare questa settimana per capire quale possa essere l’evoluzione della squadra e quindi stabilire i programmi. Ciò che è sicuro è che come tutti gli anni perderemo tre o quattro ragazze sui diciannove anni che partono per andare a proseguire gli studi universitari, magari a Zurigo o a Friborgo. Dobbiamo quindi sempre puntare sul settore giovanile e giochiamo sempre con una squadra molto giovane. Anche l’anno prossimo sarà così e proveremo a costruire una nuova avventura a questo livello. Ma ormai con la mia esperienza non c’è più nulla che stupisce».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
final four lnb riva basket valter montini
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CICLISMO
1 ora
Comincia il Tour fra sospetti e Covid
Timori vecchi e nuovi attorno alla corsa più famosa al mondo che scatta oggi a Copenaghen
ATLETICA
8 ore
Duplantis vola a 6,16 metri, nuovo record del mondo
A Stoccolma, il pupillo di casa ha strabiliato ancora una volta. Bene Mujinga Kambundji nei 200 e la 4x100 con Ajla Del Ponte
CALCIO
10 ore
‘A due settimane dal via, siamo sulla strada giusta’
Mattia Croci-Torti soddisfatto del campo d’allenamento di Malles Venosta, nonostante la sconfitta in amichevole con l’Ingolstadt
Formula 1
11 ore
Hamilton: togliere spazio alle voci del passato
Continua la polemica fra il britannico e Nelson Piquet
TENNIS
13 ore
Wimbledon indigesto alla Svizzera, anche Golubic a casa
La zurighese, unica elvetica a raggiungere il secondo turno, è stata superata in due set dalla ceca Barbora Krejcikova
Calcio
13 ore
Siebatcheu lascia lo Young Boys
Il capocannoniere dello scorso campionato va all’Union Berlino
Hockey
13 ore
‘Ho la sensazione di poter ricevere un buon minutaggio’
Prime pattinate ad Ambrì per il giovane Valentin Hofer, in arrivo dallo Zugo: ‘Fisico, pattinaggio e tiro sono le mie principali qualità’
Hockey
17 ore
Kevin Fiala firma con i Los Angeles Kings
L’attaccante svizzero, scambiato dai Minnesota Wild, giocherà in California le prossime sette stagioni
Calcio
18 ore
Torna Shaqiri e Chicago ritrova il successo
Buona prova dello svizzero dopo l’infortunio alla coscia
calcio
1 gior
‘L’entusiasmo del pubblico può essere la marcia in più’
L’esperienza di Gaetano Berardi al servizio della difesa del Bellinzona. ‘È anche una scelta familiare’.
© Regiopress, All rights reserved