laRegione
coppa-svizzera-specchio-di-un-basket-in-calo-di-consensi
Ti-Press
La finale di Coppa svizzera 2022 vedrà sfidarsi Olympic e Nyon
Tiri liberi
29.03.22 - 15:39
Aggiornamento: 17:04
di Mec

Coppa Svizzera specchio di un basket in calo di consensi

Il 9 aprile si giocheranno le finali, che si prospettano poco stimolanti. L’evento, forse il più atteso della stagione, andrebbe rivisitato.

Il 9 aprile ci saranno le finali di Coppa Svizzera e il programma non è certamente di quelli stimolanti per almeno il 90% degli amanti del basket: sia in campo maschile (con Olympic contro Nyon), sia in quello femminile (con Elfic Friburgo contro Troistorrents) l’esito delle contese appare più che scontato. Forse in campo femminile ci potrebbe essere una sorpresa, se l’Elfic si farà del male da solo come in precedenti occasioni, quando ha regalato le finali al Winterthur; ma forse avrà fatto tesoro anche di queste sbandate.

Tutto ciò per dire come l’appuntamento forse più importante della stagione – la Coppa Svizzera che si assegna in una gara secca – viene buttato al vento come giornata di immagine del basket svizzero. Qualcuno dirà che la Coppa è fatta anche di queste sorprese, legata come è ai sorteggi liberi; ma va anche detto che non è più legata alla realtà del nostro basket. Ciò perché le squadre competitive e in grado di ottenere qualsiasi risultato in una sfida secca, sono meno della metà delle dieci di A. Non parliamo poi della serie B o della Prima Lega. Eppure queste divisioni inferiori entrano in campo a competere, contro squadre che hanno uno statuto di ben altro livello, a cominciare dal numero degli stranieri. È vero che anche le categorie inferiori possono ingaggiare più stranieri per la Coppa, però, con i pochi soldi che girano, chi mai butta decine di migliaia di franchi per una gara sola?

Crediamo che il basket svizzero debba adeguarsi alla realtà, che è quella di uno sport in calo di interesse in un gioco circocentrico e involutivo. In primis va rivista la formula, per dare un messaggio di qualità al contesto sportivo. Perché è inutile nasconderci dietro parole e proclami: abbiamo seri problemi di gestione delle squadre. L’ultimo segnale arriva da una società – Ginevra – fino allo scorso anno nella top tre del campionato e presente nelle finali che contano. La partenza annunciata del presidente Fattal, è vista come preoccupante sulle rive del Lemano, perché nessuno sa ancora chi sarà il suo successore. Abbiamo visto cosa è successo in altri club (ad esempio il Lugano), nei quali l’addio allo sponsor principale ha segnato un inesorabile declino della squadra. Un club che – è utile sottolineare – ha uno dei migliori settori giovanili della Svizzera, ma che da anni non produce più talenti tali da permettere alla società di competere con le altre a livello di giocatori indigeni. La differenza di ingaggio degli stranieri fa poi il paio con il resto; quindi le società devono solo sperare che le scelte di questi ultimi, siano di quelle azzeccate. Altrimenti il navigare a vista per cercare di non finire nel nulla, diventerà la regola più diffusa. Fino all’oblio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basket coppa svizzera tiri liberi
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Tennis
3 min
Toronto, per la Bencic c’è Serena Williams
Superata la Martincova, l’elvetica affronterà l’americana che presto si ritirerà
MOUNTAIN BIKE
2 ore
Filippo Colombo freccia rossocrociata per gli Europei
Campionati in programma tra 10 giorni a Monaco di Baviera. Il ticinese reduce dagli ottimi risultati ottenuti in Cdm negli Stati Uniti e in Canada
ATLETICA
16 ore
Aggressioni sessuali, coach britannico radiato
Toni Minichiello squalificato a vita dalla Federazione britannica di atletica
Tennis
17 ore
Serena Williams sulla via del ritiro
‘Il conto alla rovescia è cominciato’, dice l’americana, che vuole concentrarsi sul suo ruolo di mamma
TRIATHLON
19 ore
Successi per il TriUnion ai Campionati svizzeri
Bronzo per Sasha Caterina (U23) e oro per Tiziana Rosamilia (U16)
CALCIO
20 ore
Sarà Netanya la sede della sfida tra Beer Sheva e Lugano
La partita, in programma giovedì e valida quale ritorno del terzo turno preliminare di Conference League, non si giocherà vicino alla Striscia di Gaza
Calcio
21 ore
Domani c’è la Supercoppa, Real Madrid favorito
A Helsinki (ore 21) le merengues affronteranno l’Eintracht Francoforte
CICLISMO
22 ore
Benoot si fa male in allenamento, Lampaert ancora malato
Piccola frattura cervicale per il belga della Jumbo-Visma, convalescente il suo connazionale della Quick Step
MOUNTAIN BIKE
22 ore
Europei, ci sarà anche Flückiger
Il vicecampione olimpico – ormai rimessosi dal Covid – ha cambiato idea
Calcio
22 ore
Thiago Alcantara fuori per alcune settimane
Infortunio alla coscia per lo spagnolo del Liverpool
© Regiopress, All rights reserved