laRegione
le-sanzioni-nello-sport-un-mezzo-di-pressione-davvero-efficace
Alex Ovechkin, uno dei numerosi sportivi russi ad aver preso posizione contro la guerra
IL TEMA
28.02.22 - 15:00
Aggiornamento: 15:55

Le sanzioni nello sport, un mezzo di pressione davvero efficace?

La Russia è sottoposta a un fuoco di fila di esclusioni, cancellazioni, boicottaggi, ma non tutti gli analisti concordano sulla loro efficacia

La fase finale della Coppa del mondo nel 2018, i Giochi olimpici invernali nel 2014 a Sochi, il Gp di Formula 1, pure quello nella località sul Mar Nero, le sponsorizzazioni varie (non da ultimo quella della Champions League): la Russia, che sotto Vladimir Putin ha fatto dello sport uno strumento di influenza esterna e di coagulazione del consenso interno, potrebbe essere toccata in modo pesante dai provvedimenti decisi a livello internazionale dopo l’invasione dell’Ucraina. Negli ultimi giorni le sanzioni sono piovute: cancellazione del Gp di Sochi, spostamento della finale di Champions League da San Pietroburgo a Parigi, atleti dichiarati "persone non grate" in Gran Bretagna, Svezia e Norvegia, rescissione dei contratti di sponsorizzazione di diverse società (dallo Zugo nell’hockey allo Schalke nel calcio), rifiuto delle federazioni di Svezia, Polonia e Repubblica Ceca di disputare lo spareggio per Qatar 2022 contro la Russia, decisione della Fifa di proibire nome, inno e bandiera per le Nazionali russe, sospensione delle squadre russe da tutte le competizioni Uefa, probabile esclusione della "Sbornaja" dai prossimi Mondiali di hockey in Finlandia…

«Per i regimi autoritari lo sport riveste un’importanza spropositata. L’eventuale impossibilità di competere a più livelli colpirebbe la Russia in maniera significativa», afferma sir Hugh Robertson, presidente del Comitato olimpico britannico (Boa) all’Afp.

«I russi sono appassionati di sport. Ospitare grandi eventi li ha entusiasmati e un’esclusione generalizzata scatenerebbe immediatamente domande su ciò che sta davvero succedendo. Può darsi che a Putin non interessi ciò che il mondo pensa di lui, ma deve prestare attenzione a ciò che di lui pensa il popolo russo», aggiunge Micheal Payne, per decenni capo del Dipartimento marketing del Cio.

Un altro pericolo per la popolarità di Vladimir Putin sono le prese di posizione espresse da sportivi che, come il tennista Andrey Rublev, il calciatore Fedor Smolov, la stella dell’hockey Alex Ovechkin e il ciclista Pavel Sivakov, hanno pubblicamente espresso il loro dissenso nei confronti della guerra. Iniziative che potrebbero «mettere in discussione agli occhi della popolazione russa le azioni del loro leader e minare il sostegno nazionale al conflitto», aggiunge Payne.

Terence Burns, pure lui ex funzionario del Cio e poi protagonista di cinque campagne di candidatura olimpica, è meno propenso ad appoggiare quest’ultima tesi… «Il governo dipingerà la Russia come vittima di una grande cospirazione internazionale ordita dagli Stati Uniti e dall’Occidente». Ma il punto focale non sta nel sapere se le sanzioni sportive potranno accelerare una sorta di ribellione popolare contro la guerra: «Adesso la Russia deve pagare per quello che ha commesso e purtroppo ad andarci di mezzo devono essere anche i suoi sportivi».

Come le sanzioni economiche, pure quelle sportive rischiano di percorrere la strada verso Mosca, per poi rimbalzare e far ritorno in Occidente. Molti già si chiedono se l’equilibrio economico dello sport professionistico europeo verrà messo in discussione, in particolare a causa della rescissione di contratti di sponsorizzazione: lo Zugo ha rinunciato ai soldi di Nord Stream, lo Schakle a quelli di Gazprom e il Manchesr United sta uscendo dal contratto con la compagnia aerea Aeroflot, mentre una fonte a conoscenza delle discussioni in corso, ha confermato che l’Uefa si sta preparando a prendere una decisione simile con Gazprom, uscendo da un contratto concluso nel 2012 e stimato dai media specializzati in 40 milioni di euro all’anno.

Haas, il team statunitense di Formula 1, ha rimosso dalle sue vetture i colori dello sponsor principale Uralkali e dovrebbe annunciare a giorni novità per quanto riguarda il suo legame con il gruppo specializzato nella produzione e nell’esportazione di potassio. «I mega sponsor russi rappresentano un fenomeno recente. Lo sport andava molto bene prima e continuerà a farlo in futuro», afferma con sicurezza Terrence Burns.

Al contrario, per il geopolitologo francese Lukas Aubin, «se l’Uefa decidesse di separarsi da Gazprom, ci sarebbero delle conseguenze. D’altra parte, la federazione europea rappresenta una delle più importanti istituzioni mondiali, per cui non dovrebbe avere difficoltà a reperire un nuovo sponsor: la Champions League è pur sempre una delle manifestazioni più seguite a livello planetario. C’è la sensazione che il momento sia troppo serio perché le istituzioni sportive dicano "si tratta della Russia per cui non possiamo farci nulla, Gazprom finanzia la Champions eccetera…". Ho la sensazione che abbiamo raggiunto un punto di rottura e che le misure che seguiranno saranno senza precedenti», prosegue l’accademico, autore di "La sportokratura sotto Vladimir Putin".

«Il mondo dello sport ha bisogno di liberarsi dal denaro russo. L’invasione dell’Ucraina avrà un impatto su tutto il movimento, ma le conseguenze dell’inazione sarebbero molto più gravi», avverte Hugh Robertson.

Gli fa eco Michael Payne: «Senza reazione il mondo dello sport avrebbe molto più da perdere. Le sanzioni possono avere un impatto enorme sulla società. Il boicottaggio dello sport sudafricano durante l’apartheid ebbe un effetto simile, se non superiore, a quello delle sanzioni economiche, spingendo il regime a cambiare la sua politica segregazionista», avverte Michael Payne.

Ammesso che la visione di Payne possa essere condivisa, affinché Pretoria decidesse di mettere fine all’apartheid ci volle un boicottaggio lungo 28 anni, dal 1964 al 1992. Gli sportivi russi sperano di non doversi armare della stessa pazienza dei loro colleghi sudafricani…

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
russiaucraina sanzioni sport
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
13 ore
Il Lugano stende il Basilea ed espugna il St. Jakob Park
La truppa di Mattia Croci-Torti ha superato i renani all’ultimo respiro con il punteggio di 2-0
Nuoto
14 ore
Noè Ponti è d’argento agli Europei
Il campione ticinese ha colto la seconda posizione nei 100m delfino, dietro all’imprendibile Krisof Milak.
Tennis
1 gior
Wawrinka contro Murray come prima portata a Cincinnati
Sfida dal sapore nostalgico all’Atp 1000 a stelle e strisce, tra il vodese (Atp 3222) e lo scozzese, numero 48 delle gerarchie
Nuoto
1 gior
Noè Ponti davanti a tutti nelle qualificazioni
Il locarnese vola in semifinale dei 100 m delfino con il miglior tempo e nuovo primato nazionale: 51"56
il ritratto
2 gior
Serena Williams, il tennis corpo a corpo
Lascia dopo 23 Slam. Il suo fisico massiccio ed esplosivo è sempre stato al centro dell’attenzione, mostrando il razzismo di chi la criticava
calcio
2 gior
Bellinzona in letargo, l’Aarau ne approfitta
Brutta prestazione e seconda sconfitta stagionale per i granata, mai realmente in partita contro gli argoviesi: uno 0-4 che non fa una grinza.
hockey
2 gior
L’Ambrì ne fa sei ai Rockets
L’amichevole di Biasca finisce sull’1-6, in gol i nuovi acquisti Hofer, Zündel, Shore e Chlapik e per i biaschesi di Bennett
nuoto
2 gior
Roman Mityukov migliora il suo record nei 200 dorso
Il 22enne migliora il suo stesso primato e si qualifica per la finale con il primo tempo assoluto. Ugolkova ottava nei 100 stile libero
Altri sport
2 gior
Ducarroz soltanto quinta
Due sbavature tengono la ginevrina fuori dal podio continentale
ATLETICA
2 gior
Crouser e Lavillenie al Galà dei Castelli
Altri due nomi importanti si aggiungono alla lista dei presenti al meeting del prossimo 12 settembre. Il pesista Usa è fresco di titolo mondiale a Eugene
© Regiopress, All rights reserved