laRegione
senza-alcun-senso-la-formula-della-coppa
Basket
18.01.22 - 14:34
Aggiornamento: 21:34
di Dario ‘Mec’ Bernasconi

Senza alcun senso la formula della Coppa

Il sorteggio libero è anacronistico e sfavorisce troppo le squadre di categoria inferiore. Domani in campionato torna in campo (a Monthey) la Sam Massagno

I risultati di Coppa Svizzera hanno messo in evidenza, una volta di più, come sia anacronistico continuare nella direzione dei sorteggi liberi. Lo diciamo, inascoltati ovviamente, da anni. In virtù di non si sa bene quale spirito sportivo, si continuano a penalizzare le squadre di categoria inferiore e, nel contempo, a limitare le fortune delle compagini di Lna che nella Coppa potrebbero trovare un lumicino di successo. Per le squadre dalla Lnb in giù, la Coppa non ha alcun senso: un tempo, almeno, sui campetti di periferia accorrevano centinaia di spettatori per vedere lo Yelveron o il Raga di turno che approdava lì per la Coppa: oggi non corre certamente nessuno per vedere un George o un Tutonda o un Criswell, quando gli stessi tifosi di Lna vanno in palestra a sostenere la propria squadra col contagocce. Eppure si continua e allora ci sono risultati come Goldcoast-Monthey, 50-116 o Veyrier-Nyon, 48-98 che certamente hanno fatto la felicità di chi ama il basket. Ma per favore! Già un risultato come Olympic-Swiss Central, due squadre di Lna, 114-54, lascia più che perplessi, ma per lo meno in campo sono scese due compagini di pari categoria e gli stessi Swiss Central erano reduci dall’estromissione dei Lions a Ginevra. Dunque la sconfitta di 60 punti può avere delle attenuanti ben diverse da quelle che hanno definito il risultato scontatissimo quanto assurdo, delle altre due gare citate sopra.

Pensare che sia utile alla propaganda del basket continuare a procedere in questa direzione, quando il basket latita alla grande, è farsi del male. Del resto basta guardare quanto poco spazio sia stato dato alla Coppa Svizzera da parte dei media in generale: e si parlava dei quarti di finale, non dei trentaduesimi. Ulteriore segno evidente che la visibilità che si vuole dare al nostro sport è sempre più in calo.

Alle porte, vale a dire a fine mese, va in scena la Swissbasketball Cup con la Final Four a Montreux che prevede Massagno contro Neuchâtel e Olympic contro Ginevra nelle semifinali di sabato. Lo scorso anno questa Coppa si è svolta praticamente a porte chiuse, in un ambiente che era tutto fuorché di festa dello sport: ma, in clima di pandemia, era già stato qualcosa che si giocasse. Quest’anno le cose dovrebbero andare meglio, perché l’accesso sarà certamente codificato da regole severe ma, per lo meno, il pubblico ci potrà essere, anche se ci dovrebbe essere una limitazione mirata per ogni club. Ma, almeno, avremo una sfida fra le migliori quattro della stagione e lo spettacolo dovrebbe essere garantito, sempre che qualche quarantena non venga a rovesciarne i contenuti.

Sam a Monthey, rinviata Swiss Central-Tigers

Per Massagno è un rientro in campo dopo un mese di assenza e per Gubitosa una importante gara che precede quella di sabato a Boncourt. Ancora molti dubbi sull’impiego di Juwan James il cui infortunio al piede presenta tempi lunghi di recupero. L’obiettivo è decisamente quello di averlo in campo a fine mese nelle Final Four di Monthey, per cui non si correranno inutili rischi. Il Lugano di Nikolic dovrà pazientare. I lucernesi dello Swiss Central sono infatti finiti in quarantena.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
massagno monthey sam swiss central tigers
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
16 ore
‘Contro il Lugano II voglio vedere l’atteggiamento giusto’
Debutta domani a Giubiasco il Bellinzona di David Sesa, già rimasto colpito da Pablo Bentancur e ‘dal suo amore ed entusiasmo per il club’
Nuoto
16 ore
Rientro da Budapest con (spiacevole) sorpresa per Noè Ponti
Reduce dai Mondiali in Ungheria, il gambarognese, via social, ha comunicato la sua positività al coronavirus
Tennis
18 ore
Golubic non stecca l’entrata. Laaksonen e Bencic invece sì
La zurighese supera il primo turno di Wimbledon battendo in due set (chiusi con il punteggio di 6-4 6-3) la tedesca Perkovic
Tennis
19 ore
Wimbledon finisce ancora prima di iniziare per Berrettini
Finalista lo scorso anno, l’italiano deve alzare bandiera bianca a poco dal suo esordio. Fermato dalla positività al coronavirus
Atletica
19 ore
Doping, quattro anni di stop per Alex Wilson
Lunga squalifica per lo sprinter elvetico, positivo al trenbolone. A 31 anni, la sua carriera rischia di chiudersi qui
Storie mondiali
1 gior
Buff Donelli, una star del football prestata al soccer
La seconda edizione della Coppa del Mondo di calcio, nel 1934, fu voluta e accomodata da Mussolini in persona
nuoto sincronizzato
1 gior
Il nuoto sincronizzato in Svizzera fa i conti con gli abusi
Bufera sul dipartimento gestito da Swiss Aquatics, respingono le accuse ma si dimettono i co-direttori sportivi Markus Thöni e Patricia Fahrni
Tennis
1 gior
Wawrinka cede alla distanza a Jannik Sinner
Il vodese deve salutare Wimbledon al primo turno, sconfitto dal talentuoso italiano 7-5 4-6 6-3 6-2
ginnastica artistica
1 gior
Ginnastica, oro e argento ai Campionati svizzeri per Lena Bickel
La ticinese è prima alle parallele asimmetriche e seconda nel concorso multiplo. Argento e bronzo (ad anelli e sbarra) anche per Mattia Piffaretti
Calcio
1 gior
Simone Rapp a Karlsruhe
Il ticinese lascia Vaduz per la Germania
© Regiopress, All rights reserved