laRegione
senza-alcun-senso-la-formula-della-coppa
Basket
18.01.22 - 14:34
Aggiornamento : 21:34

Senza alcun senso la formula della Coppa

Il sorteggio libero è anacronistico e sfavorisce troppo le squadre di categoria inferiore. Domani in campionato torna in campo (a Monthey) la Sam Massagno

di Dario ‘Mec’ Bernasconi

I risultati di Coppa Svizzera hanno messo in evidenza, una volta di più, come sia anacronistico continuare nella direzione dei sorteggi liberi. Lo diciamo, inascoltati ovviamente, da anni. In virtù di non si sa bene quale spirito sportivo, si continuano a penalizzare le squadre di categoria inferiore e, nel contempo, a limitare le fortune delle compagini di Lna che nella Coppa potrebbero trovare un lumicino di successo. Per le squadre dalla Lnb in giù, la Coppa non ha alcun senso: un tempo, almeno, sui campetti di periferia accorrevano centinaia di spettatori per vedere lo Yelveron o il Raga di turno che approdava lì per la Coppa: oggi non corre certamente nessuno per vedere un George o un Tutonda o un Criswell, quando gli stessi tifosi di Lna vanno in palestra a sostenere la propria squadra col contagocce. Eppure si continua e allora ci sono risultati come Goldcoast-Monthey, 50-116 o Veyrier-Nyon, 48-98 che certamente hanno fatto la felicità di chi ama il basket. Ma per favore! Già un risultato come Olympic-Swiss Central, due squadre di Lna, 114-54, lascia più che perplessi, ma per lo meno in campo sono scese due compagini di pari categoria e gli stessi Swiss Central erano reduci dall’estromissione dei Lions a Ginevra. Dunque la sconfitta di 60 punti può avere delle attenuanti ben diverse da quelle che hanno definito il risultato scontatissimo quanto assurdo, delle altre due gare citate sopra.

Pensare che sia utile alla propaganda del basket continuare a procedere in questa direzione, quando il basket latita alla grande, è farsi del male. Del resto basta guardare quanto poco spazio sia stato dato alla Coppa Svizzera da parte dei media in generale: e si parlava dei quarti di finale, non dei trentaduesimi. Ulteriore segno evidente che la visibilità che si vuole dare al nostro sport è sempre più in calo.

Alle porte, vale a dire a fine mese, va in scena la Swissbasketball Cup con la Final Four a Montreux che prevede Massagno contro Neuchâtel e Olympic contro Ginevra nelle semifinali di sabato. Lo scorso anno questa Coppa si è svolta praticamente a porte chiuse, in un ambiente che era tutto fuorché di festa dello sport: ma, in clima di pandemia, era già stato qualcosa che si giocasse. Quest’anno le cose dovrebbero andare meglio, perché l’accesso sarà certamente codificato da regole severe ma, per lo meno, il pubblico ci potrà essere, anche se ci dovrebbe essere una limitazione mirata per ogni club. Ma, almeno, avremo una sfida fra le migliori quattro della stagione e lo spettacolo dovrebbe essere garantito, sempre che qualche quarantena non venga a rovesciarne i contenuti.

Sam a Monthey, rinviata Swiss Central-Tigers

Per Massagno è un rientro in campo dopo un mese di assenza e per Gubitosa una importante gara che precede quella di sabato a Boncourt. Ancora molti dubbi sull’impiego di Juwan James il cui infortunio al piede presenta tempi lunghi di recupero. L’obiettivo è decisamente quello di averlo in campo a fine mese nelle Final Four di Monthey, per cui non si correranno inutili rischi. Il Lugano di Nikolic dovrà pazientare. I lucernesi dello Swiss Central sono infatti finiti in quarantena.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
massagno monthey sam swiss central tigers

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
58 min
La vendetta di Salah contro il potere Real
Quattro anni dopo Kiev, il Liverpool del gioco spettacolare affronta il Madrid, la squadra dell’ordine costituito che vince prima di entrare in campo
formula 1
9 ore
Montecarlo, il sogno di Charles Leclerc
Il ferrarista, padrone di casa, è stato il più veloce nelle prove libere. Ci sono però le incognite della meteo e della tenuta del motore
Tennis
11 ore
Jil Teichmann fa fuori Azarenka e vola agli ottavi a Parigi
La 24enne di Bienne ha vinto al tie-break del terzo set la battaglia contro l’ex numero uno al mondo e ora se la vedrà con l’americana Stephens
Ciclismo
12 ore
Lo zurighese Schmid battuto solo da Bouwman a Castelmonte
L’olandese fa sua la 19esima tappa del Giro d’Italia precedendo il corridore elvetico e altri compagni di fuga. Tutto immutato nella generale
Hockey
13 ore
L’Hc Lugano tra la gente studiando i prossimi colpi di mercato
Il club bianconero presente a Lugano Marittima. Domenichelli: ‘Sì, l’idea è avere a disposizione un portiere straniero, ma bisogna avere pazienza’
Tennis
15 ore
Belinda Bencic cede a Leylah Fernandez e saluta Parigi
La sangallese si è inchinata in tre set alla talentuosa canadese nel terzo turno del Roland Garros
hockey
17 ore
La Svizzera e quelle scelte per il futuro pagate nel presente
Al Mondiale in Finlandia chiusosi in modo deludente, i vertici elvetici hanno preferito elementi come Riat ed Egli agli esperti Brunner e Diaz
Hockey
17 ore
Mondiali, nel 2026 appuntamento in Svizzera
Sfumata, causa Covid, l’edizione 2020, il nostro Paese ospiterà la rassegna iridata tra quattro anni a Zurigo e Friborgo. Nel ’24 ragazze U18 in Ticino?
Calcio
17 ore
Dopo il derby con il Chiasso la festa granata per la promozione
Sabato al termine della sfida con i rossoblù (che inizierà alle 16), l’Acb attende dalle 18 i propri tifosi per festeggiare il ritorno in Challenge League
Hockey
1 gior
Giovedì nero in salsa rossocrociata: si torna a casa
Dopo sette vittorie, al Mondiale in Finlandia la Nazionale di Fischer incassa la sua prima sconfitta. Ma è decisiva: in semifinale vanno gli Stati Uniti
© Regiopress, All rights reserved