laRegione
Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
0
1. tempo
(0-0)
Langnau
1
Lugano
3
1. tempo
(1-3)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
2
Bienne
0
1. tempo
(2-0)
Davos
2
Berna
0
1. tempo
(2-0)
Zugo
3
Ajoie
0
1. tempo
(3-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
1. tempo
(1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
0
1. tempo
(2-0)
Ticino Rockets
0
Langenthal
3
1. tempo
(0-3)
Sierre
1
GCK Lions
1
1. tempo
(1-1)
Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
1. tempo
(0-0)
Aarau
0
Xamax
0
1. tempo
(0-0)
Langnau
1
Lugano
3
1. tempo
(1-3)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
2
Bienne
0
1. tempo
(2-0)
Davos
2
Berna
0
1. tempo
(2-0)
Zugo
3
Ajoie
0
1. tempo
(3-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
1. tempo
(1-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
0
1. tempo
(2-0)
Ticino Rockets
0
Langenthal
3
1. tempo
(0-3)
Sierre
1
GCK Lions
1
1. tempo
(1-1)
il-trionfo-di-al-attiyah-ma-la-dakar-e-in-lutto
Si era già imposto nel 2011, nel 2015 e nel 2019 (Keystone)
RALLY RAID
14.01.22 - 19:290
Aggiornamento : 20:55

Il trionfo di Al-Attiyah, ma la Dakar è in lutto

Quarto successo del principe del Qatar, davanti a Loeb e ad Al-Rajhi. Ma la corsa piange la morte di Quentin Lavallée, ventenne meccanico francese

a cura de laRegione

Il venerdì è il gran giorno di Nasser Al-Attiyah, il principe del Qatar che mette in bacheca la sua quarta edizione della Dakar, dopo quelle vinte nel 2011, 2015 e 2019: è l’esito della giornata conclusiva in Arabia Saudita, dopo una dodicesima tappa vinta dall’Audi di Stéphane Peterhansel e conclusasi nella seconda città più importante del Paese, Gedda, segnata però anche dal grave incidente costato la vita a un giovane meccanico, il ventenne francese Quentin Lavallée, vittima di un incidente d’auto mentre si stava recando alla zona del traguado.

Anche stavolta, insomma, Al-Attiyah non ha rivali. E dopo aver vinto il prologo e la prima tappa, arrivando ad accumulare fino a 58 minuti di vantaggio, ha amministrato il margine, chiudendo davanti al campione alsaziano Sébastien Loeb (Prodrive), staccato di 27’46”, e al saudita Yazeed Al-Rajhi (Toyota), finito a 1 ora 1’13”.

Nelle moto, invece, a trionfare è stato il 32enne britannico Sam Sunderland (GasGas), al suo secondo successo dopo quello del 2017 in Sud America. Alle sue spalle, 3’27”, è finito il cileno Pablo Quintanilla (Honda), vincitore della frazione finale, mentre a 6’47” è arrivato l’austriaco Matthias Walkner, su Ktm.

Il dramma di Quentin. ‘Non ha potuto evitare lo scontro’

Come detto, l’ultima giornata della Dakar è stata segnata dal tragico incidente in cui ha perso la vita Quentin Lavallée, capo meccanico alla PH Sport, mentre al termine dell’ultima speciale si stava dirigendo a Gedda, in zona traguardo. Sulla vettura si trovava anche un belga, Maxime Frère, rimasto a sua volta ferito, e subito elitrasportato all’Ospedale delle Guardie nazionali di Gedda. «Stavamo attraversando un villaggio al termine dell’ultima speciale, quando un camion ha tagliato la strada alla vettura di Quentin senza preavviso e lui non ha potuto evitare lo scontro – spiega Bernard Piallat, il team manager di PH Sport, al “Journal de la Haute-Marne” –. Quando abbiamo appreso dell’incidente abbiamo fatto marcia indietro, ma quando siamo arrivati noi sul posto c’erano già i medici dell’organizzazione».

Quanto all’altro occupante della vettura, si legge nella nota della Dakar, «la verifica delle sue condizioni è in corso».

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
5 ore
Dieci anni in bianconero, Sabbatini bandiera del Lugano
Il capitano uruguaiano spera di poter prolungare il contratto in scadenza. E sulla ripresa della stagione afferma: ‘Rosa da completare, ma sono fiducioso’
Freestyle
11 ore
Marco Tadè e quei cinque cerchi per chiuderne uno
Il ticinese specialista delle gobbe è pronto disputare quelle Olimpiadi sfuggitegli di un soffio già due volte. E stavolta ci si è messo pure il Covid...
Hockey
20 ore
Josephs e Arcobello risolvono a modo loro la sfida
Il sesto stagionale è un derby tutto... d’importazione: lo apre McMillan, ma lo chiudono gli stranieri del Lugano.
DOPOPARTITA
20 ore
L’entusiasmo di McSorley. ‘Fatton ha il ghiaccio nelle vene’
Il Lugano esulta dopo il successo nel sesto derby, mentre l’Ambrì fa mea culpa. Pestoni: ‘Da tempo ci diciamo che giochiamo bene, ma non vinciamo...’
Hockey
22 ore
Due guizzi di Josephs decidono il sesto (e ultimo?) derby
L’Ambrì va in vantaggio per primo ma alla fine è costretto alla resa. Il Lugano ringrazia l’ala canadese e conforta la sua posizione in classifica
Calcio
1 gior
Yann Sommer calciatore dell’anno
Il portiere del Borussia Mönchengladbach e della Svizzera ha sbaragliato la concorrenza alla Swiss Football Night
Sci
1 gior
Corinne Suter la più veloce in prova a Garmisch
Elvetiche in evidenza nel primo allenamento in vista della discesa di sabato. Terza Jasmine Flury
Tennis
1 gior
La finale dell’Australian Open sarà Barty contro Collins
La beniamina di casa numero uno al mondo e la statunitense in semifinale hanno superato in due set rispettivamente l’americana Keys e la polacca Swiatek.
Hockey
1 gior
La sfida vista da Ambrì. ‘Saranno i duelli, la chiave’
Cereda lancia la sesta sfida con il Lugano, ultimo sforzo prima della pausa. ‘Sarà benefica: le scorie post contagio non si sono del tutto dissipate”
HOCKEY
2 gior
‘Il derby? Sarà una battaglia, come sempre’
Julian Walker: ‘Tutte le sfide con l’Ambrì sono state tiratissime, non vedo favoriti. Dovremo fare bene il lavoro sporco, proprio come lo sanno fare loro’
© Regiopress, All rights reserved