laRegione
il-trionfo-di-al-attiyah-ma-la-dakar-e-in-lutto
Si era già imposto nel 2011, nel 2015 e nel 2019 (Keystone)
RALLY RAID
14.01.22 - 19:29
Aggiornamento: 20:55

Il trionfo di Al-Attiyah, ma la Dakar è in lutto

Quarto successo del principe del Qatar, davanti a Loeb e ad Al-Rajhi. Ma la corsa piange la morte di Quentin Lavallée, ventenne meccanico francese

Il venerdì è il gran giorno di Nasser Al-Attiyah, il principe del Qatar che mette in bacheca la sua quarta edizione della Dakar, dopo quelle vinte nel 2011, 2015 e 2019: è l’esito della giornata conclusiva in Arabia Saudita, dopo una dodicesima tappa vinta dall’Audi di Stéphane Peterhansel e conclusasi nella seconda città più importante del Paese, Gedda, segnata però anche dal grave incidente costato la vita a un giovane meccanico, il ventenne francese Quentin Lavallée, vittima di un incidente d’auto mentre si stava recando alla zona del traguado.

Anche stavolta, insomma, Al-Attiyah non ha rivali. E dopo aver vinto il prologo e la prima tappa, arrivando ad accumulare fino a 58 minuti di vantaggio, ha amministrato il margine, chiudendo davanti al campione alsaziano Sébastien Loeb (Prodrive), staccato di 27’46”, e al saudita Yazeed Al-Rajhi (Toyota), finito a 1 ora 1’13”.

Nelle moto, invece, a trionfare è stato il 32enne britannico Sam Sunderland (GasGas), al suo secondo successo dopo quello del 2017 in Sud America. Alle sue spalle, 3’27”, è finito il cileno Pablo Quintanilla (Honda), vincitore della frazione finale, mentre a 6’47” è arrivato l’austriaco Matthias Walkner, su Ktm.

Il dramma di Quentin. ‘Non ha potuto evitare lo scontro’

Come detto, l’ultima giornata della Dakar è stata segnata dal tragico incidente in cui ha perso la vita Quentin Lavallée, capo meccanico alla PH Sport, mentre al termine dell’ultima speciale si stava dirigendo a Gedda, in zona traguardo. Sulla vettura si trovava anche un belga, Maxime Frère, rimasto a sua volta ferito, e subito elitrasportato all’Ospedale delle Guardie nazionali di Gedda. «Stavamo attraversando un villaggio al termine dell’ultima speciale, quando un camion ha tagliato la strada alla vettura di Quentin senza preavviso e lui non ha potuto evitare lo scontro – spiega Bernard Piallat, il team manager di PH Sport, al “Journal de la Haute-Marne” –. Quando abbiamo appreso dell’incidente abbiamo fatto marcia indietro, ma quando siamo arrivati noi sul posto c’erano già i medici dell’organizzazione».

Quanto all’altro occupante della vettura, si legge nella nota della Dakar, «la verifica delle sue condizioni è in corso».

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
ATLETICA
2 ore
Anche Kälin è da podio: quarta medaglia agli Europei
La grigionese sale sul podio nell’epathlon e regala una nuova soddisfazione alla Svizzera, che sembra partita per battere il proprio record di medaglie
MOUNTAIN BIKE
2 ore
Positivo allo Zeranolo: niente Europeo per Flückiger
Il bernese sospeso a titolo provvisorio dopo essere stato trovato positivo alla sostanza anabolizzante in occasione di un test ai Nazionali di Leysin
GINNASTCA
2 ore
Noè Seifert è quinto, e la Svizzera va in finale
Il ventenne argoviese brilla agli Europei, dove stacca anche il biglietto per la finale alla sbarra. Sabato, invece, sarà in lizza nella gara a squadre
ATLETICA
4 ore
La staffetta torna in pista, ma Mujinga non c’è
Come ai Mondiali il tecnico Adrien Rothenbühler decide di correre le eliminatorie senza la sua numero uno. Sarà il gran giorno di Melissa Gutschmidt
MOUNTAIN BIKE
6 ore
Europei di Monaco, Filippo Colombo ambizioso
Venerdì si assegnano le medaglie nel cross-country e il ticinese, reduce da ottime prove in Nordamerica, si sente pronto
Calcio
6 ore
L’addio all’Acb di Sesa: ‘Bentancur scorretto con me’
La società: non accettiamo le sue dimissioni
CICLISMO
9 ore
Scatta la Vuelta, Roglic cerca il poker
Venerdì a Utrecht (Olanda) prende il via l’edizione numero 77 del Giro di Spagna
Calcio
10 ore
Giovanni Simeone firma col Napoli
Dopo le indiscrezioni, ecco l’ufficialità: il Cholito lascia il Verona
CICLISMO
10 ore
Per Vingegaard momenti difficili dopo il Tour
Lo rivela il direttore sportivo della Jumbo-Visma
Calcio
17 ore
Tra David Sesa e il Bellinzona è già divorzio
L’amichevole col Lugano U21 è stata l’ultima da allenatore dei granata: due mesi dopo il suo arrivo, il 48enne tecnico lascia la panchina dell’Acb
© Regiopress, All rights reserved