laRegione
Basket
04.01.22 - 13:52
Aggiornamento: 17:31

Il Lugano pronto a risalire la china

Il campionato di Lega nazionale A delle ticinesi si apre domani con i Tigers impegnati contro gli Starwings

di Dario ‘Mec’ Bernasconi
il-lugano-pronto-a-risalire-la-china

Con i Lugano Tigers contro gli Starwings, si apre il 2022 del basket di Lega nazionale A maschile. Entrambe le squadre avevano chiuso il 2021 con una vittoria, il Lugano a Nyon e i basilesi a Boncourt. Poi ci sono state le vacanze anche se le due squadre si sono trovate confrontate con le varie quarantene dei singoli o più. Ne consegue che anche la quindicina di giorni fra Natale e oggi è stata condizionata dalle contingenze legate alla pandemia.

I bianconeri hanno avuto non pochi problemi a singhiozzo per cui la squadra si è ritrovata al completo solo lunedì. Appare dunque chiaro che, con pochi allenamenti collettivi, è difficile pensare a meccanismi e ritmi adeguati in apertura di anno. Però si è visto come i ragazzi di Nikolic abbiano avuto una risposta di orgoglio dopo alcuni passaggi a vuoto, segno evidente che il gruppo vuole risalire la china e lasciare ad altri l’ultimo posto in classifica. Dal canto loro, gli Starwings sono un complesso ostico, al di là della loro classifica che li vede con sole quattro vittorie. Sono una compagine che sa rendere la vita difficile a chiunque, come si è visto anche contro Massagno qualche settimana fa. Fuori casa gioca senza patemi d’animo e sa sfruttare al meglio ogni occasione. Un cliente difficile per i bianconeri che devono sperare di avere una continuità di contributi dai suoi giovani. In particolare sarà importante vedere confermate le buone prestazioni in attacco di Stevanovic e l’apporto concreto dei vari Mina, Dell’Acqua, Togninalli e Matasic. Se poi anche i più esperti come Bracelli e Cafisi troveranno finalmente le giuste coordinate di carattere e tecniche per dare un apporto più concreto anche in fase realizzativa, il compito del Lugano sarà facilitato. Anche gli stranieri, lo abbiamo visto a Nyon, con il supporto dei compagni, trovano maggior determinazione e danno contributi migliori non dovendo fare i salvatori della patria. Vedremo domani sera se il Lugano tornerà quello di un mese fa o se, memore di Nyon, troverà la spinta giusta per fare un regalo di inizio anno ai suoi tifosi.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
4 ore
Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’
Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
6 ore
Che umiliazione
La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
8 ore
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
12 ore
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
12 ore
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
13 ore
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
13 ore
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
15 ore
Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza
La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
1 gior
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
1 gior
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
© Regiopress, All rights reserved