laRegione
BASKET
28.11.21 - 21:03
Aggiornamento: 21:51

La Svizzera torna a galla in una povera partita

Sconfitti all’esordio in Austria nelle prequalificazioni europee, i rossocrociati rialzano la testa mettendo sotto una selezione cipriota davvero modesta

di Dario 'Mec' Bernasconi
la-svizzera-torna-a-galla-in-una-povera-partita
Marco Portannese, uno degli elvetici più in vista (Keystone)

La Svizzera si rimette in corsa nelle prequalificazioni agli Europei del 2025, mettendo sotto Cipro in una partita che, però, onestamente non poteva finire altrimenti, vista la pochezza ospite. La sfida va agli archivi sul 66-43, ma se si guardano le cifre del secondo tempo c’è da chiedersi se non fosse una gara fra scapoli e ammogliati: 10 su 27 per i nostri, 2/22 per Cipro. E qualcuno non vada a pensare a difese asfissianti, perché solo la clemenza degli arbitri ha fatto sì che nel secondo tempo si giocasse in tempi decenti: quasi un’ora la prima metà gara per una marea di falli, spinte, manate e poi le palle perse. Alla fine saranno 17 per i nostri e 17 per Cipro, ecco qualcosa in parità. I rimbalzi? 45-38, e percentuali finali a favore dei rossocrociati: 20/53 complessivo (37%) con 15/29 da 2, 5/24 da 3, 21/30 nei liberi; Cipro con 15/52 (29%), con 10/33 da 2, 5/19 da 3 e 8/15 nei liberi.

Rispetto alla sfida persa con l’Austria il rientro di Jurkovitz è stato utile (7 rimbalzi e 11 punti), e anche quello di Dubas (giovedì solo 4’) con 7 punti e 5 rimbalzi in 13’. Poi, ovviamente, il duo Kovac (16 punti)- Portannese (11). Gli altri han trovato qualcosa nella seconda parte di gara – vedi i 7 punti di Fofana – ma la regia resta un optional. Impalpabili Kozic, 1 punto, come Nzege, mentre Cotture s l’è sfangata bene a difendere, ma 1/7 è insufficiente.

Veniamo alla gara (si fa per dire). Il primo quarto è senza emozioni particolari: 8-7 al 4’, quando Cipro è già al quarto fallo di squadra. Poi la Svizzera, senza entusiasmare, sia chiaro, mette un 14-0 zero al cospetto della povertà altrui: 20-7 all’8’, con 8 punti consecutivi di Kovac, 5 dalla lunetta. Il tempo si chiude con percentuali esaltanti: 29% per la Svizzera, 38% per Cipro. Secondo quarto in fotocopia o quasi: la Svizzera va avanti contro la zona ospite, con 6 punti di Portannese e i ciprioti già al 4° fallo di squadra: 27-13 al 3’. Poi si va avanti più o meno con questi distacchi, 35 a 22 al 6’ e leggero recupero ospite nel finale, malgrado 5 errori dalla lunetta: 41 a 21 alla pausa di metà gara. Nel terzo quarto il primo canestro dopo quasi 4 minuti, poi la Svizzera allunga a +17 (52 a 35) all’8’ che è anche il risultato alla pausa, tanto per gradire. Nell’ultimo quarto ‘parzialoni’ di 3-3 dopo 5’ minuti e di 5-3 dopo 7’ (57-38). Poi la Svizzera allunga fino al 66-40. Dei ciprioti solo Simon Michail ha avuto sprazzi di buon basket, gli altri mani quadre e qualche spunto come rose nel deserto tecnico. Se si pensa che lo stesso Michail è stato il top scorer con 6 punti, il quadro della nazionale ospite si completa da sé. Non ce ne voglia nessuno, rispettiamo il grande impegno di tutti i giocatori scesi in campo che han dato il massimo, ma non possiamo raccontare storie compiacenti: è stata una povera partita.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
6 ore
Gonzalo Higuain annuncia il ritiro
L’attaccante argentino, vicecampione del mondo 2014, chiuderà la carriera al termine della stagione di Mls con l’Inter Miami
CALCIO
9 ore
La settimana della verità per Gerardo Seoane
Il Bayer Leverkusen confrontato con il peggior inizio di stagione da 40 anni a questa parte. Il tecnico lucernese obbligato a vincere con Porto e Schalke
CALCIO
11 ore
Anche 32 bambini tra le vittime del massacro di Malang
Delle 125 vittime, la più giovane aveva due o tre anni. Il governo indonesiano formerà una commissione d’inchiesta, molte Ong chiedono sia indipendente
Calcio
12 ore
Scontri allo stadio: quattro arresti e sedici perquisizioni
I fatti risalgono al 23 ottobre 2021 dopo la partita di calcio che opponeva l’Fc Zurigo e il Grasshopper e dove vi fu uno scambio di materiale pirotecnico
hockey
1 gior
Con cinismo e solidità l’Ambrì espugna Zugo
Le doppiette di Bürgler e Heim e il gol di Shore alla Bossard Arena, regalano ai biancoblù un weekend da cinque punti che li proietta al quarto posto
HCAP
1 gior
L’Ambrì giganteggia in trasferta: Zugo espugnata
Gli uomini di Luca Cereda hanno prevalso 5-4, doppiette per Spacek e Bürgler.
CALCIO
1 gior
Bellinzona tradito dai dettagli, lo Sciaffusa ringrazia
Granata sconfitti al Comunale (e i tifosi contestano la gestione del club). Inutile la rete di Pollero, determinante l’espulsione di Izmirlioglu
Calcio
1 gior
Prima vittoria casalinga stagionale del Lugano
I bianconeri, pur soffrendo, riescono a battere 1-0 il Servette
TENNIS
1 gior
A Sofia, Marc-Andrea Hüsler conquista il suo primo titolo Atp
Lo zurighese ha superato in due set il danese Holger Rune. In settimana sarà impegnato nell’Atp 500 di Astana da 61esimo giocatore del ranking mondiale
FORMULA 1
1 gior
La Red Bull si consola con il trionfo di Sergio Perez
Solo settimo, Max Verstappen non ha potuto festeggiare il suo secondo titolo mondiale. Il messicano davanti a Leclerc e Sainz
© Regiopress, All rights reserved