laRegione
01.11.21 - 16:53
Aggiornamento: 18:48

La festa la fa solo la Sam: per il Monthey non c’è speranza

Il Massagno passa in scioltezza, ma rischia di perdere Marko Mladjan. Scivolone delle Tigri contro lo Swiss Central

di Dario 'Mec' Bernasconi
la-festa-la-fa-solo-la-sam-per-il-monthey-non-c-e-speranza
Subito spezzato l’equilibrio alle palestre di Nosedo (Ti-Press)

Che dire? Questa è la laconica domanda fatta a un laconico Nikolic a fine gara. Il coach dei Tigers sconsolato ci risponde: «Se non vinci contro questi avversari, quando vincerai?». Già, quando? Perché lo Swiss Central è una squadra che fa della modestia la sua forza: sa di non disporre di fenomeni, ma di giocatori capaci di fare bene il loro piccolo: Fuchs nei tiri da 3, 5,6 la sua statistica, Leemans, sgraziato come pochi nei movimenti ma efficace, 13 punti e 5 rimbalzi e 7 falli caricati sulle spalle dell’avversario di turno! Anderson in regia, capace di ritmi e scelte per lo più intelligenti, 18 punti e 7 assist, imitato nei punti da Phillips, 8/13 e Nana, 6/7 da 2, in faccia ai vari Richardson e Humphrey e 4 rimbalzi. Aggiungeteci qualche tripla dell’uno o dell’altro, 10/15 alla fine e i 96 punti sono fatti. Corri a prendermi, Lugano! E come? Facendo le belle statuine in difesa, 16 punti beccai in contropiede, 5 falli commessi di squadra in 20 minuti.

Queste le patetiche cifre dei bianconeri, e che non si prenda la scusa dei giovani. Loro, con i limiti di tecnica, fisico e inesperienza per lo meno corrono e cercano di difendere: il trio targato Usa per nulla o quasi. Paura dei falli? Ma per favore, la difesa non è solo menar botte e lo si è visto con i falli stupidi in attacco nel secondo tempo. Il fatto è che ognuno va per conto suo: all’immagine di Criswell, 10 punti a metà gara e 23 alla fine, 9 dei quali quando i lucernesi eran già sotto la doccia e vincenti. O Humphrey, 2 punti nell’ultimo quarto. Robertson ha fatto 8/9, bravo, ma il suo o i suoi avversari ne han messi 31. E allora? Sarebbe bene che i Tigers trovassero nella grinta la loro forza e nell’insieme un modo per arrivare a un traguardo. Al coach il compito di metterci una pezza; 85-96 il finale.

In casa Spinelli, a parte l’incognita dell’infortunio a M. Mladjan al 34’, distorsione della caviglia, si respira un’aria tranquilla. Il Monthey non poteva impensierire e così è stato. Entrata in materia soft e poi 6 punti alla prima pausa, 27-21. Nel secondo quarto, partenza sprint, 11-4 di parziale per il +13, 38-25, ribaltato da un 3-12 ospite, 41-37 al 7’. Poi, finalmente, la difesa è salita di tono, 12-1 prima del 53-40 alla pausa. Terzo quarto con il parziale che in 6 minuti sale a +22, 72-50 e +25 al 30’, 74-56. A cavallo dei quarti il 15-2 segna la fine definitiva: 87-56 al 3’ e poi via libera a tutti fino al 100-68 firmato Hüttenmoser e 103-70 alla sirena. Troppa Sam per un Monthey che potrà anche dare qualche soddisfazione ma ha necessità d’inserire il redivivo, da infortunio, Payne. Sam con cinque giocatori in doppia cifra, 9 palle perse a 20, 26 punti a 11 in contropiede, 38 punti a 16 dalla panchina. Avversari cercansi, per ora.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
il dopopartita
6 ore
È un Lugano poco cinico: ‘Abbiamo fatto tutto da soli’
A Bienne i bianconeri partono bene ma poi calano. Gianinazzi: ‘È mancata concretezza, ma a volte bisogna accettare che le partite girino in questo modo’.
il dopopartita
6 ore
I due volti dell’Ambrì: ‘Vinto con le nostre forze e col gruppo’
Successo biancoblù con il Rappi nonostante le assenze e il brutto inizio. Mentre si avvicina la Spengler: ‘Atmosfera che non vediamo l’ora di rivivere’.
Qatar 2022
8 ore
Tre gol al Senegal, l’Inghilterra brinda ai quarti
Dopo mezz’ora di difficoltà, la selezoine dei Tre Leoni sblocca la partita e poi tira dritta per la propria strada, mentre gli africani sparicono di scena
Sci
10 ore
La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi
Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
11 ore
Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese
Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
11 ore
La Sam e un weekend che è un bell’affare
Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
11 ore
Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia
Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
Volley
12 ore
Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa
Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
12 ore
Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel
All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
Formula 1
13 ore
Il Circus piange la morte di Patrick Tambay
Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
© Regiopress, All rights reserved