laRegione
Brasile
Svizzera
17:00
 
Corea del Sud
2
Ghana
3
fine
(0-2)
TIRI LIBERI
26.10.21 - 18:01
Aggiornamento: 19:07

La linea verde del Lugano, l’amalgama della Sam

Ulteriori considerazioni in merito a un derby che sabato ha detto una cosa importante: il potenziale di pubblico c’è, bisogna fidelizzarlo

la-linea-verde-del-lugano-l-amalgama-della-sam

Ci sembra opportuno tornare sul derby di sabato per evidenziare alcuni aspetti che la cronaca non permetteva, per ragioni di spazio, di analizzare. Cominciamo dal pubblico: penso che ci sia lo spazio perché il pubblico torni a seguire le gare di basket. Le società devono comunque trovare un modo per promuoverlo nel migliore dei modi: innanzitutto fidelizzare il proprio movimento giovanile, coinvolgere i ragazzi e le famiglie perché in questo modo si possono anche coinvolgere di più gli adulti e avere la loro collaborazione. Non si può pretendere che ci siano tifosi se non ci sono le adeguate promozioni. Riuscire a raggiungere le 3 o 400 unità sarebbe un segnale molto forte e darebbe ulteriori stimoli a giocatori e società. Abbiamo vissuto una stagione senza pubblico e abbiamo visto quale tristezza accompagnava anche le partite più intense. Ci vuole un lavoro in profondità e le due società, pur presentando squadre di livello diverso, hanno un bacino adeguato a cui attingere.

Pe quanto riguarda gli aspetti tecnici, diremo che il Lugano ha una carenza evidente legata alla giovane età dei suoi giocatori. Lo si è visto appena Nikolic ha chiamato in panchina uno dei suoi tre stranieri. Subito il pressing dei massagnesi ha permesso il recupero di palloni, facili contropiedi e punti a iosa, 16 contro 1. Anche perché i vari Togninalli, Matasic e Dell’Acqua non erano supportati da schemi validi per uscire dal pressing, rendendo ancor più facile l’assalto massagnese. Ma questo è un aspetto che si allena in settimana e certamente il coach ci porrà rimedio. In ogni caso, il Lugano sta crescendo e, come auspicavamo una settimana fa, ci ha messo grinta e determinazione. Senza quelle sarebbe stata una catastrofe.

Dal canto suo anche Massagno è in progresso. Facile, si dirà, visto lo spessore della squadra. Invece, come a tutti i livelli, l’amalgama non è un fatto scontato. Lo si è visto anche sabato quando, a inizio partita, i meccanismi erano parziali, i movimenti sugli schemi troppo lenti e il pallone, in uscita dai blocchi, arrivava tardi. Un altro aspetto sono i rimbalzi offensivi concessi ai “piccoli” del Lugano, dove chiaramente non vi sono ancora state scelte sufficienti nell’adeguamento difensivo. Aspetti che contro i bianconeri possono essere più o meno indolori, ma contro le squadre migliori costano punti e falli evitabili. Con il recupero dei due Mladjan, Gubitosa avrà ulteriori armi offensive: se poi i due decideranno anche di difendere come basket comanda... la musica sarà ottimale.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
20 min
Il Ghana ridimensiona i sudcoreani
Imponendosi 3-2 in un match dal folle andamento, gli africani rilanciano le proprie ambizioni
QATAR 2022
32 min
Yakin ha deciso, Shaqiri partirà dalla panchina
Al posto del fantasista di Chicago, alle prese con un problema alla coscia, il giovane Fabian Rieder. Akanji ed Elvedi regolarmente in campo
Calcio
3 ore
Amichevole a Menaggio per il Bellinzona
Incontro fissato per mercoledì 30 novembre alle ore 19
Qatar 2022
3 ore
Folle pareggio fra Camerun e Serbia
Il 3-3 finale tiene lontani entrambi dalla Svizzera nella classifica del gruppo G
Calcio
6 ore
Heiko Vogel direttore sportivo del Basilea
Ritorno sulle rive del Reno per il 47enne ex allenatore
Qatar 2022
18 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
20 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
20 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
21 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
22 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
© Regiopress, All rights reserved