laRegione
derby-al-massagno-il-lugano-regge-un-quarto-d-ora
BASKET
24.10.21 - 13:20
Aggiornamento : 14:37

Derby al Massagno, il Lugano regge un quarto d’ora

All’Elvetico, i Tigers partono forte, ma con il passare dei minuti esce la Spinelli e dalla pausa grande in poi non c’è più partita

Il primo derby stagionale va alla Spinelli, come da copione, si potrebbe dire. Non da copione i Tigers che per un quarto d’ora rendono la vita complicata agli uomini di Gubitosa e danno un sapore intenso alla sfida. Sapore che ha per condimento anche la presenza di quasi 400 persone all’Elvetico, cose d’altri tempi, ma che fanno piacere.

I Tigers vanno in campo con l’atteggiamento di chi non vuole essere vittima sacrificale, la Sam con qualche intoppo di troppo in attacco. Così i bianconeri producono uno strappo iniziale, con un parziale di 8-0 che li porta dal 7-8 al 5’ al 15-8 al 7’. Gli ospiti rispondono subito con un 2-8 e così alla prima pausa si va sul 20 pari.

Il secondo quarto continua a braccetto sino al 29-30 al 4’, firmato da Bernardinello e dopo la tripla di Dell’Acqua. Ma con Robertson in panca, la Spinelli domina la scena degli ultimi 5 minuti: parziale impietoso di 1-16, condito da palle recuperate e contropiedi micidiali che non lasciano scampo ai giovani virgulti bianconeri. Il parziale di 14-28 diventa una sentenza perché i bianconeri non hanno argomenti per rientrare in partita. Chiusa metà gara sul 34-48, la Sam va in controllo e la differenza la fa lo spessore tecnico. Anche perché Criswell, dopo un primo quarto di lusso, 10 punti, diventa evanescente e ne mette solo 2 in due quarti: Humphrey viaggia a meno di un canestro per quarto, mentre sull’altro fronte Taylor straripa, ben coadiuvato da Williams, 10 rimbalzi per lui, con Nikolic e James a tagliare dal campo le torri bianconere. Il 49-69 all’ultima pausa è eloquente. Nell’ultimo quarto il Lugano non smette di lottare, ma se si perdono tre palloni consecutivi su rimessa, è chiaro che tutto si complica: sul +26 al 4’, 51-77 dopo uno 0-8, la partita va sui titoli di coda, con qualche spunto che serve solo ad abbellire il tabellino.

Il Lugano chiude con 4 giocatori in doppia cifra, con la novità dei 10 punti di Matasic che ha portato concretezza e solidità, al di là delle 4 palle perse: 4/5 al tiro e 3 rimbalzi, non male per un play di 19 anni. Troppo poco, invece, da parte di Humphrey, malgrado gli 8 rimbalzi, con 2/12 al tiro e 7/13 nei liberi. Robertson, 9 rimbalzi e 17 punti (8/10) ha fatto la sua parte, mentre Criswell (18 punti con 7/18) ha marcato assenza per oltre metà gara, risentendo dei problemi familiari che lo coinvolgono. Troppo poco per un’avversaria come la Sam che ha mandato in doppia cifra sei giocatori: Martino sempre più positivo 12 punti, Williams 12, Taylor 20, James 13 e Kovac 16. Il ticinese è incappato in una serata no, come i compagni, con 1/4 da 3 – 2 su 17 di squadra, ma è stato implacabile in difesa e dalla lunetta, 7/7. Assente Dusan Mladjan, come Stevanovic in campo avverso, il fratello Marko ha mostrato tutti i limiti della sua precaria condizione, con 2/8 al tiro. Un Lugano comunque in crescita anche se 17 palle perse e un misero 14/25 nei liberi creano un baratro a favore dell’avversario di turno. E se questo è la Sam, il dazio lo si paga a caro prezzo.

«Sono contento per quanto fatto nei primi 15 minuti – dice Nikolic –, ho visto una squadra vera: gli errori, anche per inesperienza, la latitanza di qualche giocatore e la forza dell’avversario hanno fatto la differenza. Ma l’inizio di gara ci ha fatto capire che stiamo crescendo».

Robi Gubitosa è lapidario: «Sapevo che avremmo faticato se non avessimo avuto la massima concentrazione e nel primo quarto lo abbiamo visto. Poi, quando le cose hanno cominciato a funzionare, a iniziare dal pressing, tutto si è incanalato come volevamo. Siamo forti, ma dobbiamo dimostrarlo sempre e con continuità».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basket derby lugano tigers spinelli massagno

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
BOXE
1 gior
Il giorno che Mike sbranò le orecchie a Holyfield
25 anni fa su un ring del Nevada Mike Tyson si rese protagonista di un episodio davvero clamoroso
atletica
1 gior
Us Ascona protagonista nella prima giornata degli Svizzeri
Oro di Gian Vetterli nel lancio del disco, argento di Ajla Del Ponte sui 100 m, bronzo di Emma Piffaretti nel lungo. Mujinga Kambundji da record
nuoto
1 gior
Noè Ponti chiude ottavo nella finale dei 100 delfino
Vince Kristof Milak, mentre Noè crolla nel finale ed è ultimo
CALCIO
2 gior
‘A Lugano per ultimare il mio apprendistato’
Lukas Mai, nuovo difensore centrale dei bianconeri, chiamato a sostituire Maric: ‘La dirigenza mi ha fatto capire di essere davvero interessata a me’
TENNIS
2 gior
A Wimbledon Wawrinka pesca l’italiano Sinner
Subito un pezzo grosso per il vodese, presente a Londra grazie a una wild card. In campo femminile, Golubic contro Petkovic, Bencic contro Wang
NUOTO
2 gior
Sasha Touretski eliminata, resta solo Noè Ponti
La ginevrina non ha superato le batterie dei 50 stile libero e ha chiuso con il 21° tempo. Il ticinese ultimo svizzero ancora impegnato ai Mondiali
CALCIO
3 gior
Roman Hangarter e Mijat Maric, nuovi acquisti del Team Ticino
Lo zurighese prenderà il posto di Immersi quale responsabile tecnico, mentre l’ex difensore bianconero rivestirà il ruolo di talent manager
hockey
3 gior
‘La risposta del pubblico sta tornando ai livelli prepandemici’
Il Ceo dell’Hc Lugano Marco Werder fa il punto della situazione su campagna abbonamenti, lavori alla Cornèr Arena e su diversi altri temi
nuoto
3 gior
Noè Ponti in semifinale anche nei 100 delfino
Il ticinese firma il terzo tempo delle batterie, pur rimanendo distante dal suo personale
gallery
hockey
3 gior
‘È stata una delle mie stagioni più belle’
La 17enne attaccante delle Ladies, Elena Gaberell ha disputato i Mondiali U18 da capitana. ‘In futuro vorrei giocare per un’università nordamericana’
© Regiopress, All rights reserved