laRegione
CICLISMO
14.10.21 - 16:12
Aggiornamento: 16:48

Donna con il cartellone, chiesti 4 mesi con la condizionale

A Brest si è aperto il processo contro la 31enne che aveva provocato una caduta generale nella prima tappa dell’ultimo Tour de France

donna-con-il-cartellone-chiesti-4-mesi-con-la-condizionale

Quattro mesi con la condizionale: è questa la pena richiesta dal procuratore pubblico Solenn Briand nei confronti della donna all’origine della caduta generale nella prima tappa del Tour de France 2021. La 31enne aveva imprudentemente esposto un cartellone con gli auguri per i nonni, cartellone contro il quale era andato a cozzare Tony Martin che aveva poi trascinato a terra praticamente tutto il gruppo. Solenn Briand ha sottolineato come la giovane donna (31 anni) ha “riconosciuto la pericolosità del suo comportamento” e ha espresso il suo rincrescimento.

Vestita con pantaloni e pullover blu, la 31enne disoccupata e incensurata, al suo arrivo al tribunale ha evitato le telecamere. Il suo avvocato, Julien Bradmetz, che aveva inutilmente chiesto lo svolgimento a porte chiuse, ha presentato la sua cliente come una “personalità da molti anni fragile. Una fragilità che si è decuplicata, tant’è che oggi la mia cliente vive un inferno”.

In un primo tempo il Tour de France aveva espresso l’intenzione di far causa alla donna, ma in seguito ha fatto marcia indietro, in modo da “appianare le cose”. Diverso il punto di vista dell’organizzazione internazionale Ciclisti professionisti associati, la quale si è costituita parte civile: “Mostrando alle telecamere il suo cartellone, la donna ha fatto cadere una cinquantina di corridori, alcuni dei quali sono stati costretti al ritiro a causa di ferite serie”.

Davanti al tribunale correzionale di Brest, la donna rischia una pena di un anno e un massimo di 15’000 euro di multa.

SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
MOUNTAIN BIKE
6 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
8 ore
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
8 ore
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
10 ore
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
12 ore
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
15 ore
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
16 ore
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
Sci
1 gior
Prosegue il dominio di Mikaela Shiffrin
La statunitense fa suo anche il secondo Gigante di Plan de Corones, solo Mowinckel sta sotto al secondo di ritardo. Gut-Behrami quinta in crescendo
© Regiopress, All rights reserved