laRegione
ha-iniziato-ad-arrampicare-per-gioco-ora-sogna-le-olimpiadi
Ti-Press
Davide Torroni
Bouldering
18.10.21 - 10:480
Aggiornamento : 14:41

Ha iniziato ad arrampicare per gioco, ora sogna le Olimpiadi

Incontro con Davide Torroni, quattordicenne di Gordola campione svizzero U14 e U16: ‘Prediligo corda e boulder, perché le vie sono sempre diverse’

Seleziona le parole, così come lo immaginiamo scegliere con cura gli appigli sulle pareti di arrampicata. Una riservatezza alla quale forse non è estranea la sua giovanissima età. Davide Torroni ha quattordici anni compiuti non da molto e una passione che porta raffigurata sulla maglietta che indossa, sulla quale è disegnato un uomo che scala.

Fresco di titolo svizzero U16 di boulder, che ha fatto seguito a quello già conquistato nella categoria U14, il ragazzo di Gordola arrampica da quando aveva «più o meno cinque anni; i primi tempi – ci racconta – lo faceva così, per divertimento». Ha iniziato in una piccola palestra a Riazzino, dove andava con il papà Flavio Fraschini, pure appassionato di arrampicata e istruttore per la Società escursionistica verzaschese.

«All’inizio era un gioco»; poi, verso i dieci anni, si è cimentato con le prime gare e da allora «ho deciso di praticare il bouldering più seriamente». Le prime due specialità in cui si è cimentato sono state la corda (il cui obiettivo è arrivare più in alto possibile) e il boulder (scopo: arrivare in cima scegliendo la via più breve e senza essere legati con una corda); «due o tre anni fa ho cominciato anche la terza disciplina chiamata speed (il cui proposito è impiegare meno tempo possibile nell’affrontare una via, che è sempre la medesima)». Corda e boulder rimangono quelle che predilige, «perché – spiega – le vie cambiano e, non essendo il tempo un elemento determinante, posso concentrarmi sui gesti da compiere, senza avere la pressione di dovere fare in fretta».

In Ticino non esiste una vera e propria squadra di arrampicata agonistica, «a differenza della Svizzera interna, dove esistono vari team regionali; inoltre qui i giovani che praticano questo sport a livello agonistico sono pochissimi». Quindi per allenarsi Davide percorre parecchi chilometri. «Mi preparo un po’ con il Gruppo Scoiattoli dei Denti della Vecchia e un po’ altrove; ad esempio a Milano, e a Lecco con il gruppo ‘I Ragni’, dove c’è anche il mio allenatore Fabio Palma». Di norma si esercita cinque, sei volte a settimana, alternando palestra (a Giubiasco e Taverne), uscite o schede a secco «per migliorare la preparazione atletica». Quando ne ha la possibilità, di solito nei fine settimana, e se le condizioni lo permettono («non deve avere piovuto, altrimenti i sassi sono scivolosi»), si reca in uno dei molti posti in Ticino ideali per l’arrampicata all’esterno. Come Ponte Brolla per la corda e Brione per il boulder. «Qualche volta mi ritrovo anche con i compagni della Nazionale U16». Unico ticinese dei quadri della sua età, si è comunque «sentito ben accolto e, nonostante un po’ di fatica a capirci a causa della lingua, per finire troviamo il modo di comprenderci». L’impegno sportivo non manca, dunque; ma «per ora» riesce a combinare sport e scuola (frequenta la quarta media), «anche grazie a mia mamma, insegnante, che mi segue nello studio».

Tra gli aspetti che sa di dover migliorare, «c’è la forza dei muscoli». Mentre tra le sue qualità si riconosce «la tecnica, la postura del corpo, la capacità di capire dove posizionare i piedi». Proprio la tecnica – racconta – è ciò che ha osservato con attenzione, seguendo le gare di bouldering alle Olimpiadi di Tokyo 2020. Dei professionisti «mi piace guardare proprio come arrampicano, cercando di analizzarne i dettagli».

Quando è ‘appeso’ a una parete in palestra, dice, non ha paura «perché all’interno è tutto più lineare e sicuro. All’esterno, invece, è un po’ più pericoloso: può capitare che si venga colpiti da un sasso o che, rimanendo impigliati con un piede nella corda, si cada all’indietro».

Anche scalando i massi a metri dal suolo, mantiene i piedi per terra; ma ciò non gli impedisce di sognare e finalmente sorride, quando evoca i Mondiali giovanili come l’obiettivo più vicino nel tempo. Suddivisi nelle categorie Youth B (U16), Youth A (U18) e Juniors (U20), si svolgono ogni anno e per accedervi occorre soddisfare una serie di richieste. Una di queste è ottenere almeno un top dieci in una gara di Coppa Europa, alle quali prendono parte i ragazzi delle selezioni nazionali svizzere (più eventualmente qualche altro giovane che mostra di avere raggiunto buoni livelli) che hanno superato i trial interni. In cima alla sua parete, però Davide vorrebbe un giorno riuscire a partecipare ai Mondiali assoluti e alle Olimpiadi.

SPORT: Risultati e classifiche

Ti-Press
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Sci
1 ora
Cancellate le Universiadi invernali di Lucerna
La decisione del comitato organizzatore in seguito alle restrizioni all’entrata da diversi Paesi decise dalla Confederazione
BASKET
17 ore
La Svizzera torna a galla in una povera partita
Sconfitti all’esordio in Austria nelle prequalificazioni europee, i rossocrociati rialzano la testa mettendo sotto una selezione cipriota davvero modesta
Sci
19 ore
Tra i fiocchi del Vermont fa festa Mikaela Shiffrin
Successo statunitense a Killington, davanti a Vlhova e Holdener. A Lake Louise, invece, uomini fermati ancora dalle nevicate. Ma non dal Covid
Hockey
20 ore
‘È un’altra bastonata. Non tutta meritata, ma in parte sì’
Daniele Grassi torna sulla rocambolesca sconfitta contro lo Zugo. ‘Sull’arco di tutto l’incontro abbiamo commesso tanti errori evitabili’
Gallery
Calcio
20 ore
Lugano, questione di scelte e di ‘lettura’
Bianconeri sottotono nel primo tempo del Letzigrund, ma poi Croci-Torti cambia e la squadra carbura e vince la quarta di fila: ‘Ho sbagliato e rimediato’
Tennis
22 ore
Australian Open, in dubbio la presenza di Nole
Novak Djokovic non vuole piegarsi al ‘ricatto’ dell’obbligo vaccinale imposto dagli organizzatori del primo Slam stagionale
Calcio
22 ore
Derby, un punto a testa per Bellinzona e Chiasso
La rete di Cortelezzi nel finale consente ai granata di rimediare al gol trovato da Maurin nel primo tempo
Calcio
22 ore
Martin Blaser (Fc Lugano): ‘Bene, avanti con questo entusiasmo’
Il Ceo della società bianconera, il cui futuro è garantito grazie al nuovo stadio del Pse, si dice soddisfatto e assicura: ‘Se potremo ci rinforzeremo’
Formula 1
22 ore
Il mondo dei motori piange la scomparsa di Frank Williams
L’inglese, ex pilota e patron dell’omonima scuderia dagli anni Settanta, è deceduto oggi all’età di 79 anni. Domenicali: ‘Se ne è andato un gigante’
gallery
Hockey
1 gior
Prima il Natale, poi... l’Epifania per l’Ambrì Piotta
Non basta un vantaggio di quattro reti (dopo soli 8 minuti): i biancoblù subiscono prima la rimonta e poi il sorpasso dello Zugo
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile