laRegione
Basket
23.09.21 - 21:15
Aggiornamento: 21:35

La Sam non si nasconde: ‘Pronti a vincere’

A poco più di due settimane dall’inizio della stagione una Spinelli Massagno ulteriormente rinforzata si è presentata tra nuovi arrivi e ambizioni

di Dario 'Mec' Bernasconi
la-sam-non-si-nasconde-pronti-a-vincere
Robbi Gubitosa in compagnia dei volti nuovi (Ti-Press/Gianinazzi)

La spinelli Massagno ha presentato la stagione 2021/2022 a Nosedo, centro storico della sua vita agonistica. Una società che negli ultimi tre anni è diventata via via la squadra maschile faro del Ticino del basket. Il vicepresidente Patrick Manzan ha aperto l’incontro, ricordando il valore del sodalizio nel tessuto sociale massagnese e gli impegni a favore della gioventù.

Il sindaco Bruschetti: ‘Un valore importante, ha un legame stretto con la popolazione’

«Racconto una storia, che parte dal 1964, per spiegarvi come i legami fra Sam e famiglia Spinelli risalgono a quei tempi – le parole del sindaco di Massagno Giovanni Bruschetti –. Un rapporto che si è sviluppato in questi cinquant’anni, fino a portare, la scorsa stagione, ad abbinare il nome della squadra alla Spinelli. Un percorso importante che sta anche a evidenziare come un realtà di paese come era Massagno a quei tempi, oggi ha una valenza nazionale. Un grazie a questa società, una delle più importanti del comune, che ha un legame stretto con tutta la popolazione. In queste ultime stagioni la squadra ha frequentato i quartieri alti del campionato e senza pur vincere un titolo, ci è arrivata vicina. La Sam è un valore importante per il nostro comune e il suo impegno nei settori giovanili – corrisposto e sostenuto dal Comune – è un esempio a livello nazionale. Porto quindi gli auguri di tutti i tifosi perché Massagno possa finalmente vincere un titolo per dare ancor più impulsi a tutto il movimento».

Ha poi preso la parola il presidente Fabio Regazzi, che ha illustrato le scelte societarie per la stagione entrante... «Il budget a disposizione è di circa 800’000 franchi, 160’000 però per il settore giovanile. La stagione scorsa è stata chiusa in pareggio malgrado le difficoltà generate dalla pandemia e mi auguro che la squadra possa arrivare a vincere un trofeo nazionale, cosa sfuggita per un niente qualche mese fa. Un grazie particolare, oltre alla Spinelli e al comune di Massagno, agli sponsor principali Giovanni Agustoni, Banca Stato, Raiffeisen, Artisa, Aem, Renzetti&partners, Fox Town, Fresco, L-evento, Ail, Tertianum, Eventmore, Tognolagroup, oltre agli sponsor tecnici Errea, Teamsportstore e Hub, senza dimenticare tutti gli altri che ci sostengono».

Coach Gubitosa: ‘Innesti di spessore, vogliamo il nostro primo trofeo’

A seguire, il tecnico Robbi Gubitosa ha illustrato la stagione entrante... «Partiamo dai cambiamenti: in panchina ci sarà Uros Slokar come vice; Molteni ci ha lasciato per un posto in Federazione nell’ambito del 3x3; Andjelkovic dovrà essere operato e potrebbe tornare a gennaio; Grüninger è ancora out. Sono per contro arrivati Vernon Taylor, Roberto Kovac e Uros Nikolic, tre pedine di grande spessore, come evidenziano le statistiche della scorsa stagione. È evidente che il settore dei lunghi è carente ma ci stiamo attivando per trovare un giocatore adeguato sul mercato, se possibile prima dell’inizio del campionato (che per la Sam scatterà il 10 ottobre ospitando lo Starwings, ndr). Siamo partiti con la ricostruzione nel 2013 e ogni anno siamo saliti un gradino. La scorsa stagione, fra pandemia, quarantene e qualche infortunio di troppo, siamo arrivati a un pelo dal vincere un trofeo. Quest’anno puntiamo a vincere il primo trofeo nazionale e sono certo che saremo pronti per arrivare a questo storico evento».

È toccato poi a Franco Facchinetti presentare l’attività del settore giovanile del quale è responsabile... «Siamo sempre in una situazione ottimale per numero di aderenti e di squadre, da quelle del minibasket fino alle compagini che competeranno a livello nazionale come le U16 e U18. Lo scorso anno abbiamo garantito l’attività del settore giovanile quando tutto era chiuso, ed è stata la vittoria più importante. Quando sono ricominciati i campionati la stagione era oramai compromessa, ma siamo riusciti ad arrivare in finale nel campionato nazionale U17 e abbiamo perso la finale cantonale con la U20. Abbiamo 200 ragazzi, siamo sempre vicini alle famiglie e ai ragazzi, dando la possibilità di praticare basket dai sei anni in poi. Abbiamo avuto giovani entrati nei quadri nazionali a dimostrazione del buon lavoro effettuato, che continueremo a svolgere anche in futuro».

L’intervista al presidente Fabio Regazzi

Presidente, prima di guardare avanti, un pensiero alla stagione passata...

Dire che è stata anomala è dire poco e la nostra squadra è fra quelle che ha patito di più in fatto di quarantene e infortuni. Aspetti che non ci hanno permesso di avere l’indispensabile continuità con qualche sconfitta all’ultimo secondo che ci ha impedito il successo finale. Ma nello sport ci sta anche questo.

La Spinelli si presenta in grande spolvero: bastano i tre nuovi arrivati?

Come detto da Gubitosa, c’è una carenza di centimetri, avendo perso elementi come Molteni e Andjelkovic e non avendo recuperato Grüninger. Però abbiamo preso tre signori giocatori che vanno a completare una rosa già importante. L’arrivo di Nikolic è essenziale sotto le plance perché ci garantisce quello che Chukwu non aveva. Kovac è una pedina nazionale, Taylor uno che il basket svizzero lo conosce. Vedremo se avremo uno sponsor che allarga le maglie per consentirci un quarto straniero.

Avete un budget importante, ma quanto ha pesato la pandemia sui conti?

Siamo una società che fa il passo secondo le disponibilità: la stagione scorsa si è chiusa in pareggio e partiamo senza problemi con questa anche perché gli sponsor ci hanno dato fiducia e sostegno seppur in un momento non facile per l’economia. Grazie a loro possiamo guardare avanti con serenità.

I contributi ricevuti per il Covid vi hanno soddisfatto?

Il basket non gode certamente degli aiuti del calcio e dell’hockey: siamo dei parenti poveri e come tali ci trattano. Diciamo che i contributi di sostegno sono stati neanche sufficienti a pagare le varie tasse, anche se non vanno disprezzati. Mi aspettavo un maggior sostegno, visto quanto abbiamo patito. Per fortuna il comune di Massagno è stato più magnanimo e ci ha concesso contributi maggiori rispetto alle scorse stagioni e di questo lo ringrazio.

Da ottobre si tornerà a giocare davanti al pubblico: che effetto avrà?

Giocare a porte chiuse è quanto di più deprimente si possa avere nello sport. Non sono certamente le entrate a farci felici quanto il tifo e la vicinanza dei nostri tifosi. Una squadra gioca anche per il pubblico e sentirlo è uno stimolo in più a dare il massimo. Lo scorso anno era una tristezza assoluta vedere quegli spalti vuoti e credo che anche le motivazioni dei giocatori sono state altalenanti a causa di questo atroce silenzio. Si torna a vivere lo sport come deve essere.

Obiettivi?

Vincere finalmente almeno un trofeo. Nelle ultime due stagioni ci siamo avvicinati molto, ora dobbiamo arrivare ad alzarne uno. Lo meritano tutti i protagonisti, lo meritano i nostri tifosi e anche per il comune avere una formazione campione darebbe ulteriori stimoli. Perché va ricordato che la prima squadra è il faro, ma tutto il nostro settore giovanile ci riempie d’orgoglio e anche di vittorie nazionali e cantonali, frutto di un lavoro certosino e attento dei nostri responsabili che ringrazio. Siamo una presenza essenziale nel tessuto sociale di Massagno e porteremo avanti questo splendido feeling con tutta la popolazione.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
il dopopartita
5 ore
È un Lugano poco cinico: ‘Abbiamo fatto tutto da soli’
A Bienne i bianconeri partono bene ma poi calano. Gianinazzi: ‘È mancata concretezza, ma a volte bisogna accettare che le partite girino in questo modo’.
il dopopartita
5 ore
I due volti dell’Ambrì: ‘Vinto con le nostre forze e col gruppo’
Successo biancoblù con il Rappi nonostante le assenze e il brutto inizio. Mentre si avvicina la Spengler: ‘Atmosfera che non vediamo l’ora di rivivere’.
Qatar 2022
7 ore
Tre gol al Senegal, l’Inghilterra brinda ai quarti
Dopo mezz’ora di difficoltà, la selezoine dei Tre Leoni sblocca la partita e poi tira dritta per la propria strada, mentre gli africani sparicono di scena
Sci
9 ore
La domenica incorona Corine Suter. Per due centesimi
Terza gara nel weekend canadese, terzo podio per la ventottenne svittese. Poca fortuna invece per Lara, fuori dai giochi proprio mentre stava spingendo
Sci
10 ore
Il duello Kilde-Odermatt va di nuovo al norvegese
Nel SuperG di Beaver Creek i due sono separati da 20 centesimi. Terzo a 30 centesimi Pinturault, buon quarto Gino Caviezel.
Basket
10 ore
La Sam e un weekend che è un bell’affare
Spinelli sempre più leader, con quattro punti di margine grazie alla sconfitta del Vevey a opera del Boncourt. Il Lugano, invece, s’arrende a Ginevra
QATAR 2020
11 ore
Mbappé incontenibile, la Francia annienta la Polonia
Doppietta per il fenomeno del Psg, ma la selezione di Deschamps concede troppe occasioni a una Polonia finalmente propositiva
Volley
12 ore
Düdingen troppo forte, luganesi costrette alla resa
Dopo sette vittorie filate le bianconere cadono in casa propria, con le friborghesi che chiudono il match vincendo tutti e tre i set
Ciclismo
12 ore
Ciclocross, ad Anversa domina Van der Poel
All’esordio in Coppa del mondo l’attesissimo belga Wout van Aert si deve arrendere allo strapotere dell’olandese
Formula 1
13 ore
Il Circus piange la morte di Patrick Tambay
Ex pilota parigino di Ferrari, McLaren e Renault soffriva da tempo del morbo di Parkinson. Nel 1982 vinse il suo primo Gp, dedicandolo a Gilles Villeneuve
© Regiopress, All rights reserved