laRegione
Ambrì
3
Langnau
6
3. tempo
(2-1 : 0-5 : 1-0)
Lakers
5
Zurigo
4
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 0-2)
Olten
5
Winterthur
0
fine
(0-0 : 2-0 : 3-0)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
3. tempo
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
1
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 0-0)
Ambrì
3
Langnau
6
3. tempo
(2-1 : 0-5 : 1-0)
Lakers
5
Zurigo
4
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 0-2)
Olten
5
Winterthur
0
fine
(0-0 : 2-0 : 3-0)
La Chaux de Fonds
7
Ticino Rockets
0
3. tempo
(1-0 : 5-0 : 1-0)
Kloten
6
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 2-1)
Visp
2
Zugo Academy
4
3. tempo
(1-2 : 1-0 : 0-2)
Turgovia
0
Sierre
1
3. tempo
(0-1 : 0-0 : 0-0)
lugano-e-il-futuro-prossimo-della-palla-ovale
In aumento l'interesse generale per la palla ovale (rugbylugano.ch)
RUGBY
04.09.21 - 13:150

Lugano e il futuro prossimo della palla ovale

La società milita in Lnb, ma vanta un passato in Lna. Il presidente: ‘Sport inclusivo’

Non tutti lo conoscono, pochi lo praticano, ma la realtà del rugby è ben presente anche in Ticino. Chi non si sentisse adatto alla pratica di questa disciplina, si ricreda. «Dal punto di vista fisico, il rugby è uno sport inclusivo perché non discrimina la stazza di un individuo ed è un’attività che può aiutare molto i giovani nell’età dello sviluppo – spiega il presidente del Rugby Lugano Juan Carlos Schuemperli –.  Sia da un punto di vista psicologico, sia a livello fisico, consente ai più insicuri di superare le proprie paure e ai più aggressivi di controllare l’esuberanza».

La maggior parte delle persone pensa che si tratti solo di andare in campo a scontrarsi in maniera totalmente casuale, ma è molto più di questo. Il rugby è uno sport di intelligenza, nel quale occorre trovare gli spazi in ogni modo possibile, muovendo velocemente il pallone. 

Oltre a questo è anche una disciplina in cui regna il rispetto in ogni contesto. Dentro al campo, nei confronti dell’arbitro (ogni decisione che si prende è indiscutibile) e verso gli avversari. Fuori dal campo è molto diffusa la pratica del terzo tempo, momento in cui le squadre avversarie si riuniscono alla fine di ogni partita per condividere risate e grandi mangiate.

La realtà più importante a livello cantonale è quella del Rugby Lugano, società che milita nel campionato di Lega nazionale B con un passato in Lna.

Con il presidente Schümperli facciamo un passo indietro: quali sono state le tappe più importanti della società partendo dalle sue origini? «Il Rugby Lugano ha raggiunto subito un certo livello di importanza nel contesto nazionale perché poteva contare su una squadra d’esperienza fin dall’inizio. I giovani che sono cresciuti all'interno del club, a cavallo tra il 2007 e il 2009, hanno avuto la possibilità di confrontarsi con giocatori di buon calibro e oggi sono loro che in gran parte formano la prima squadra. Nel 2012 l’arrivo dell’attuale direttore sportivo e allenatore della prima squadra, Alessandro Borghetti, ha ulteriormente alzato il livello di gioco e motivato i giocatori. Proprio grazie a questo, la società ha raggiunto la tanto ambita Lna dopo soli 6 anni dalla sua fondazione. Per ultimo, ma non meno importante, nel 2018 sono state create le prime squadre giovanili con le categorie U10 e U12, completando così la struttura delle selezioni giovanili che in passato componevano la società».

Uno sguardo al futuro: quali sono gli obiettivi societari? «Nell’arco di due anni puntiamo a portare i giocatori dell’U18 in prima squadra e a passare i 100 iscritti nel settore giovanile. Questo, già entro il prossimo anno».

Il presidente Schümperli pone molto l’accento sul futuro della società, con la speranza che il rugby diventi sempre più popolare tra i giovani, non solo in Ticino, ma in tutta la Svizzera. A livello mondiale, del resto, la popolarità della disciplina è enorme. I risultati della più grande ricerca di mercato condotta in 36 nazioni sulla popolarità del rugby svelano che, stando ai dati raccolti dai sondaggi effettuati da Nielsen Sports nel novembre 2017, c’è stato un incremento degli appassionati per la palla ovale del 24% dal 2013, per un totale di 793 milioni di persone che seguono il rugby a livello globale. Sono invece 9,1 milioni i praticanti, un numero che comprende sia chi gioca con regolarità, sia chi lo pratica saltuariamente.

SPORT: Risultati e classifiche

SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
2 ore
L’Ambrì senza Conz per almeno un mese
Il portiere ha subito un infortunio a causa di uno scontro nel corso della partita casalinga disputata sabato scorso contro gli ZSC Lions.
Basket
4 ore
È di nuovo tempo di Olympic-Sam, ma stavolta in Coppa
Domani, per gli ottavi di finale, il Massagno rende visita al Friborgo nella replica del big-match di domenica. Lugano ospite del Morges
Hockey
7 ore
National League e Swiss League impongono il 2G
Per assistere alle partite sarà necessario essere vaccinati o guariti dal Covid–19
Hockey
9 ore
Hcap, 2G per tutte le partite casalinghe
Alla Gottardo Arena potranno accedere solo i tifosi vaccinati o guariti
Hockey
1 gior
‘Occasione ghiotta per tornare a vincere’
Zaccheo Dotti lancia la sfida al Langnau. ‘Le prestazioni ci sono, la differenza la fanno i dettagli’
Gallery
Nuoto
1 gior
‘Svizzeri’ a squadre, sul podio Lugano e A-Club
Ai Campionati giovanili di Losanna quarto posto per la Turrita. Quinta la Nuoto Sport Locarno, ottavi i ragazzi di A-Club. Al femminile, ottava la Num
Minifootball
1 gior
Due su due per il Trevano e primato in classifica
Battuto anche il Kriens: i luganesi comandano la Prima Lega. Coach Demartini: ‘Ma non rilassiamoci: pensiamo già alla prossima sfida’
Gallery
Calcio
1 gior
Young Boys, vincere e sperare. Proprio come il Milan
Per accedere agli ottavi di Champions League i campioni svizzeri devono battere il Manchester United e sperare che il Villarreal superi l’Atalanta
Giornalisti sportivi
1 gior
Dall’Atsg 10’000 franchi a favore di Aiuto Sport Ticino
Premio Giuseppe Albertini a Giotto Morandi del Grasshopper, riconoscimento al Merito sportivo a Enzo Filippini e Boris Angelucci
Tiri liberi
1 gior
La triste coperta corta delle Tigri bianconere
La scialba prova contro il Monthey ha messo una volta di più a nudo i limiti di un Lugano costretto a... fare le nozze coi ‘fichi secchi’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile