laRegione
Ciclismo
12.07.21 - 19:46

Pogacar e le domande scomode: ‘Le comprendo e le accetto’

Nel secondo e ultimo giorno di riposo del Tour prima del gran finale, lo sloveno saldamente in maglia gialla ha risposto a chi lo accusa di giocare sporco

pogacar-e-le-domande-scomode-le-comprendo-e-le-accetto

A sei giorni dall'arrivo di Parigi, il Tour de France è saldamente nelle mani di Tadej Pogacar, che domani dopo il secondo e ultimo giorno di riposo concesso alla carovana in quel di Andorra si lancerà nell'ultima settimana di gara – in gran parte sui Pirenei e con una cronometro in programma sabato – con oltre 5 minuti di margine nella classifica generale sui suoi inseguitori, guidati nell'ordine dal colombiano Rigoberto Uran (a 5'18"), dal danese Jonas Vingegaard (5'32") e dall'ecuadoriano Richard Carapaz (5'33"). Un vantaggio quello del campione in carica che non si vedeva da vent'anni a questo punto della corsa e che ha inevitabilmente sollevato alcuni dubbi sull'integrità del 22enne sloveno.

«Sono domande scomode ma non sono arrabbiato, perché la storia del ciclismo non è certo immacolata e comprendo totalmente il motivo di tutti questi interrogativi – ha spiegato il corridore della Uae Emirates in conferenza stampa –. Non mi sono preparato le risposte, amo andare in bici e poco importa ciò che implica, lo accetto».

La maglia gialla ha poi spiegato perché ha deciso di non pubblicare i dati relativi alle sue prestazioni... «Condividerli può influenzare la corsa a livello tattico, ad esempio le squadre avversarie possono vedere quali sono i tuoi limiti su determinati terreni».

Reduce da una seconda settimana di gara passata (comprensibilmente) più a difendersi che ad attaccare, il trionfatore della Liegi-Bastongne-Liegi non si sente ancora al riparo da brutte sorprese... «Corro prendendo tappa dopo tappa. Se ho un'occasione per guadagnare tempo sui miei avversari, provo a sfruttarla, ma bisogna fare attenzione in quanto basta una giornata no per trasformare una tappa qualsiasi in complicata o decisiva. In ogni caso inizio la terza settimana con molta fiducia».

 

 

 

 

Unico possibile "scoglio" all'orizzonte dello sloveno, la fragilità della sua squadra, la Uae, indebolita ulteriormente dalla caduta del polacco Majka e che domenica ha lasciato da solo il suo capitano quando all'arrivo mancavano ancora 45 chilometri, mentre ad esempio Carapaz attorno a sé aveva ancora tre compagni della Ineos. Questi ultimi cercheranno sicuramente di mettere in difficoltà il leader del Tour già a partire dalla giornata di martedì, con l'arrivo di Saint-Gaudens. Mercoledì e giovedì poi i due traguardi in salita sul Col du Portet e a Luz Ardiden, quest'ultimo preceduto dalla scalata del Tourmalet dal versante classico di Sainte Marie de Campan. Difficoltà che Pogacar sembrerebbe in grado superare amministrando energie e vantaggio in classifica, anche se dopo aver messo le mani sull'edizione 2020 ribaltando la classifica nella penultima tappa (la crono a La Planche des Belles Filles) soffiando la maglia al connazionale Roglic, è il primo a sapere che al Tour non si può mai abbassare la guardia.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
8 ore
‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’
A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
MOUNTAIN BIKE
23 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
1 gior
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
1 gior
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
1 gior
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
1 gior
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
1 gior
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
2 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
© Regiopress, All rights reserved