laRegione
ATLETICA
02.07.21 - 16:13
Aggiornamento: 18:09

La Cannabis ferma l'americana Richardson: niente Olimpiadi

La ventunenne texana, sesta donna più veloce al mondo, per ora è stata sospesa un mese. Ma secondo l'Usada verrà stralciata dalle liste dei Trial

la-cannabis-ferma-l-americana-richardson-niente-olimpiadi
Sembrava un bel sogno, invece... (Keystone)

Sha'Carri Richardson, una delle grandi favorite per il podio ai Giochi di Tokyo dopo il 10''72 sui 100 piani nel mese di aprile, che l'ha portata a diventare la settima donna più veloce del mondo, può già sin d'ora mettere una croce sull'edizione 2021 dei Giochi olimpici. Le indiscrezioni dei media americani hanno infatti trovato conferma: la velocista è stata trovata positiva alla Cannabis ai Trial statunitensi, dove aveva staccato la qualificazione con il tempo di 10''86, ciò che ha costretto l'agenzia antidoping americana (Usada) a far scattare una sospensione di un mese in via cautelare, a partire dal 28 giugno. Le gare di atletica alle Olimpiadi di Tokyo cominciano il 30 luglio, quindi nel caso in cui l'Usada e l'Ama, l'agenzia mondiale antidoping, decidessero di non inasprire la pena, teoricamente la Richardson avrebbe ancora una chance. Tuttavia, stando a quanto riporta l'emittente statunitense Cnn, l'Usada afferma che «i risultati agonistici della Richardson ottenuti il 19 giugno, compresa la sua qualificazione olimpica, sono stati cancellati». In altre parole, essendo stata stralciata dalle liste dei Trial, la ventunenne texana può già sin d'ora considerarsi fuori dai Giochi. Al massimo, l'americana può sperare di poter comunque volare in Giappone, per scendere in pista con le altre ragazze della staffetta, ma senz'altro non era quello ciò a cui lei ambiva...

Dopo aver subito reagito su Twitter alle prime indiscrezioni dei media con un enigmatico «Sono umana», lasciando intendere che l'uso di Cannabis era evidentemente a fini personali e non di doping, la Richardson nel frattempo ha già esposto la sua tesi difensiva: avrebbe assunto stupefacenti «in uno stato psicologico di dolore» per la morte della madre. 

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
2 ore
Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions
I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
QATAR 2022
2 ore
Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina
Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince
QATAR 2022
5 ore
Doppietta di Mbappé, la Francia è agli ottavi
Battuta una Danimarca che ha saputo rispondere alla strapotenza transalpina, ma che dovrà giocarsi la qualificazione contro l’Australia
QATAR 2022
8 ore
La Polonia vince, l’Arabia Saudita si mangia le mani
La compagine europea in rete con Zielinski e Lewandowski, quella asiatica domina ma sbaglia un rigore con Al Dawsari. Szczesny migliore in campo
QATAR 2022
11 ore
All’Australia basta un gol di Duke
Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
12 ore
Finali stregate, due medaglie d’argento per la Svizzera
Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne battute dalla Danimarca, il team di Yannick Schwaller superato dalla Scozia
Video
Qatar 2022
14 ore
Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta
Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
19 ore
Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista
Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
1 gior
Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’
Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
1 gior
Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’
Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
© Regiopress, All rights reserved