laRegione
Cameroon
3
Serbia
3
2. tempo
(1-2)
Atletica
29.06.21 - 11:15
Aggiornamento: 16:56

Petrucciani inarrivabile, Del Ponte vola... verso Tokyo

Sono ben cinque le medaglie raccolte dai ticinesi ai Campionati svizzeri assoluti di Langenthal

petrucciani-inarrivabile-del-ponte-vola-verso-tokyo
L'arrivo dei 100 m (Keystone)

Sole e temperature estive hanno accompagnato la tre giorni di gare dei Campionati svizzeri assoluti di Langenthal, manifestazione perfettamente organizzata che ha portato al Ticino cinque preziose medaglie. Chi vince e convince è ancora una volta Ricky Petrucciani (Lc Zurigo) che domina i 400 m e conquista il suo terzo titolo nazionale consecutivo all’aperto migliorando il suo record personale e record ticinese assoluto di 21 centesimi, portandolo a 45’’69. Un’altra eccellente prova che conferma lo stato di forma dell’atleta ticinese potremo rivedere ai prossimi Campionati europei U23 di Tallin a fianco del compagno Filippo Moggi (Lc Zurigo), purtroppo assente ai nazionali.

Prova superlativa anche per Ajla Del Ponte (Us Ascona) che si è dovuta inchinare solo alla primatista nazionale Mujinga Kambundji, ma che dopo un inizio di stagione poco convincente ha saputo rifarsi e nell’atto finale dei 100 m ha centrato in 11’’07 la sua miglior prestazione di sempre, nonché tempo ampiamente al di sotto dello standard olimpico richiesto. Kambundji ha dal canto suo terminato 'solo' in 11’’05, ma commettendo un errore nella fase di partenza che ha rischiato di costarle il titolo nazionale.

L’oro di Petrucciani e l’argento di Del Ponte sono stati accompagnati da altre tre preziose medaglie di bronzo conquistate nella giornata di domenica. Dal settore lanci brillano le prestazioni di Gian Vetterli (Us Ascona) e Giada Battaini (Us Capriaschese) rispettivamente nel lancio del disco e nel getto del peso. Vetterli, beffato proprio nell’ultima prova, ha sferrato l’attrezzo fino a 51,31 m, mentre Battaini ha firmato un’eccezionale prova con la misura di 12,95 m, valsale anche il record ticinese U20. Miglior risultato stagionale anche per Emma Piffaretti (Us Ascona), che sulla pedana bernese è riuscita a mettere a segno un miglior balzo di 6,13 m fatto segnare al primo tentativo e valsole la medaglia di bronzo.

Buona anche la prova di Mattia Tajana (Ga Bellinzona), che alle spalle di un ritrovato Kariem Hussein conclude la finale dei 400 hs al quinto rango in 51’’65, migliorando il 51’’82 corso nelle qualifiche il giorno precedente. Per Hussein miglior tempo stagionale con 48’’84 e soprattutto standard per i Giochi olimpici.

Settimo rango per Roberto Delorenzi (Us Capriaschese) che si migliora nuovamente sui 5'000 m, terminando con il tempo di 14’43’’87. Sulla stessa distanza in progresso anche Tommaso Marani (Sa Lugano), che rimane appena al di sopra del muro dei 15’ con 15'02’’91.

Tra gli altri ticinesi al via, ottima prova anche per Desirée Regazzoni (Fg Malcantone), che si migliora nei 200 m col record personale di 24’’73, purtroppo non sufficiente per l’accesso alla finale. Record personale anche per Emma Lucchina (Vigor Ligornetto), che conclude la prova dei 1'500 m in 4’31’’14, rimanendo la prima esclusa dall’atto conclusivo.

Il prossimo appuntamento in Ticino è previsto per il 3 di luglio a Biasca per il Magnus Jump Meeting e alcune gare di contorno.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
2 ore
Heiko Vogel direttore sportivo del Basilea
Ritorno sulle rive del Reno per il 47enne ex allenatore
Qatar 2022
14 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
16 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
17 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
17 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
18 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
19 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
20 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
Qatar 2022
20 ore
Marocco troppo forte per il Belgio
Dopo il pareggio coi croati vicecampioni del mondo, i magrebini colgono la posta piena coi Diavoli rossi
Qatar 2022
22 ore
Bandiera del Kosovo nello spogliatoio serbo: ‘Fifa ipocrita’
Criticata dal governo della Serbia la decisione di avviare un procedimento disciplinare contro la locale Federcalcio per il vessillo esposto ai Mondiali
© Regiopress, All rights reserved