laRegione
Giappone
0
Costa Rica
1
fine
(0-0)
CICLISMO
24.06.21 - 17:28
Aggiornamento: 17:49

Il giallo sloveno non piace alla Ineos

Scatta sabato il Tour de France numero 108, con Pogacar e Roglic favoriti. Ma lo squadrone britannico con ci sta e cala il poker di capitani

il-giallo-sloveno-non-piace-alla-ineos
Primoz roglic e Tadej Pogacar

Lo scorso settembre era finita con la vittoria di Tadej Pogacar sulla Planche des Belles Filles al penultimo giorno, quando il giovane fenomeno sloveno aveva sfilato la maglia gialla dalle spalle del connazionale Primoz Roglic che l'aveva indossata per 11 giorni. Sabato da Brest scatterà l'edizione 108 di un Tour de France che dovrebbe riproporre la sfida tra l'uomo della Uae Emirates e quello della Jumbo. Con la sicura intrusione nella lotta per il successo finale dei corridori della Ineos, di norma la squadra da battere, ma nel 2020 penalizzata dalla controprestazione di Egan Bernal.

Dopo un anno nel quale è stata corsa tra agosto e settembre, la Grande Boucle torna quest'anno in una collocazione più consona, per quanto il via verrà dato con una settimana d'anticipo per evitare la concomitanza con i Giochi olimpici di Tokyo. Ormai lontani i tempi in cui i primi dieci giorni di corsa erano riservati alla pianura e agli sprinter, gli organizzatori hanno proposto per il 2021 un percorso movimentato sin dalle giornate iniziali, con le prime due frazioni costellate di gran permi della montagna di terza e quarta categoria. Nel complesso, vi saranno 8 tappe pianeggianti, 5 di media montagna, 6 di montagna e 58 km da percorrere a cronometro (divisi in due giorni). Rispetto alla consuetudine, le ultime asperità saranno proposte già alla quart'ultima frazione, con il Tourmalet e la saluta a Luz-Ardiden. Per chiudere, due frazioni pianeggianti e, il penultimo giorno, la seconda prova contro il tempo. In totale, gli arrivi in salita saranno soltanto tre, uno nelle Alpi (Tignes), due nei Pirenei (Col du Portet e Luz-Ardiden). Nel complesso, le salite non mancheranno, con 5 colli catalogati hors-catégorie e 13 di prima categoria (vi risparmiamo la pletora di quelli di seconda, terza e quarta categoria). Quest'anno la corsa procederà in senso antiorario, per cui verranno affrontate dapprima le Alpi e in seguito i Pirenei e sarà proprio al confine con la Spagna che la corsa si deciderà.

Pogacar e Roglic hanno corso poco

Come detto, a Brest si apre la caccia a Tadej Pogacar. Lo sloveno parte ancora con i favori del pronostico, dopo un inizio di stagione esaltante con le vittorie all'Uae Tour, alla Tirreno - Adriatico e alla Liegi e uno stage in altura prima della partecipazione al Giro di Slovenia (vinto pure quello), meno impegnativo del Delfinato che molti aspiranti alla maglia gialla hanno posto in calendario. In totale, ha accumulato soltanto 29 giorni di competizione. Assetato di rivincita, Primoz Roglic sarà l'avversario più temibile, anche se il capitano della Jumbo, per scelta non gareggia più dal 25 aprile (soltanto 17 giorni fino a ora), per cui il suo stato di forma è tutto un mistero e andrà affinato con il passare dei chilometri.

Se i principali favoriti rimangono i due sloveni, la Ineos giunge alla Grande Boucle con l'intenzione di riprendersi il titolo. Non con Bernal, quest'anno dirottato con successo sul Giro, ma con quattro corridori potenzialmente tutti capitani: Richard Carapaz, Geraint Thomas, Richie Porte e Tao Geoghegan Hart. Il più in forma sembra essere Carapaz, recente trionfatore del Tour de Suisse, ma a stabilire la gerarchia sarà la strada e quando i giochi si faranno seri, qualcuno di loro dovrà per forza sacrificarsi a favore di chi dimostrerà di stare meglio.

Due anni fa Julian Alaphilippe, con 14 giorni in giallo e il quinto posto finale, aveva fatto sognare una Francia che aspetta di trionfare sotto l'Arco di Trionfo dal lontano 1985 (quinto successo di Bernard Hinault). Il campione del mondo in carica non è propriamente uno scalatore, ma ha dimostrato di possedere classe e inventiva, per cui vale la pena tenerlo in considerazione, soprattutto in un'edizione che presenta pochi arrivi in salita.

Occhio anche al colombiano Miguel Angel Lopez che alla Movistar potrà contare sull'aiuto di Alejandro Valverde, Enric Mas e Marc Soler, mentre voce in capitolo potrebbero averla anche Michael Woods (Israel), Estean Chaves e Simon Yates (BikeExchance), Rigoberto Uran (Education First), Jakob Fuglsang (Astana). Al via ci saranno pure due grandi rivali dell'ultimo decennio: Chris Froome (quattro volte vincitore) e Nairo Quintana (due volte secondo e una volta terzo). Per il britannico, il 2021 è sin qui stato un calvario, costellato di ritardi abissali e ritiri. Il keniano bianco non ha mai recuperato dalla caduta del 2019 al Delfinato e non è più in grado di puntare al quinto trionfo. Il colombiano, invece, potrebbe riservare qualche sorpresa, limitatamente alle tappe, ma pure per lui le stagioni passano e, per quanto possa ancora ambire a un piazzamento nella top 10, non sembra più in grado di lottare per un posto sul podio.

Sei svizzeri al via

Saranno sei gli svizzeri al via: Marc Hirschi, Stefan Küng, Stefan Bissegger, Reto Hollenstein, Michael Schär e Silvan Dillier. Hirschi sarà al servizio di Pogacar, ma avrà senza dubbio l'opportunità di ritagliarsi lo spazio necessario per cercare di bissare il successo ottenuto lo scorso anno a Sarran Corrèze, al termine della 12ª frazione. Küng e Bisegger punteranno alle due cronometro in programma e chissà che una vittoria nel primo dei due appuntamenti tic-tac, nel quinto giorno di corsa, non possa permettere di tornare a vestire una maglia gialla che in campo elvetico manca dal 2015 (Fabian Cancellara).

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
11 min
Il Costarica batte il Giappone e riapre il gruppo E
I nipponici, che all’esordio avevano superato la Germania, vengono beffati a 10’ dal termine (1-0) dal solo tiro subito
BASKET
36 min
Lugano a valanga per la quarta vittoria
I Tigers mettono sotto lo Swiss Central e in campo si rivede, seppure in modo parziale, anche Ross
Hockey
14 ore
Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions
I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
QATAR 2022
14 ore
Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina
Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince
QATAR 2022
17 ore
Doppietta di Mbappé, la Francia è agli ottavi
Battuta una Danimarca che ha saputo rispondere alla strapotenza transalpina, ma che dovrà giocarsi la qualificazione contro l’Australia
QATAR 2022
20 ore
La Polonia vince, l’Arabia Saudita si mangia le mani
La compagine europea in rete con Zielinski e Lewandowski, quella asiatica domina ma sbaglia un rigore con Al Dawsari. Szczesny migliore in campo
QATAR 2022
23 ore
All’Australia basta un gol di Duke
Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
1 gior
Finali stregate, due medaglie d’argento per la Svizzera
Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne battute dalla Danimarca, il team di Yannick Schwaller superato dalla Scozia
Video
Qatar 2022
1 gior
Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta
Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
1 gior
Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista
Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
© Regiopress, All rights reserved