laRegione
Vaduz
Wil
20:15
 
Bologna
1
Spezia
0
2. tempo
(1-0)
Lecce
Salernitana
20:45
 
Bienne
Langnau
19:45
 
Friborgo
Davos
19:45
 
Lugano
Ajoie
19:45
 
Zugo
Berna
19:45
 
Kloten
0
Zurigo
1
1. tempo
(0-1)
TIRI LIBERI
01.06.21 - 17:00
Aggiornamento: 18:31

Il 3x3 è divertente, ma il basket vero è un'altra cosa

Non sarà questo sport, nel quale la Svizzera è rimasta esclusa dalle Olimpiadi, a salvare la palla a spicchi dai suoi mali

il-3x3-e-divertente-ma-il-basket-vero-e-un-altra-cosa

E così il sogno di arrivare alle olimpiadi con la squadra svizzera di 3x3 è finito lo scorso weekend con la sconfitta delle elvetiche nei quarti di finale. Un’uscita che fa il pari con quella degli uomini, già definita da tempo oramai. Quando, più di un anno fa, Swiss Basketball aveva lanciato con grande entusiasmo lo slogan “Road to Tokyo”, avevamo segnalato che la concorrenza si sarebbe svegliata, dopo l’inserimento del 3x3 quale disciplina olimpica. Infatti, le nostre due Nazionali stavano abbastanza bene nel ranking europeo, ma erano chiaramente avvantaggiate dal fatto che molte nazioni che vanno per la maggiore non si erano ancora cimentate. Quando avevamo scritto queste considerazioni, eravamo stati tacciati di disfattismo, quando era in effetti una chiara e semplice lettura della realtà. Oggi ne abbiamo avuto la conferma e siamo fuori dalle prossime Olimpiadi. Ciò non toglie che va dato conto della bella prestazione globale delle nostre due Nazionali che annoverano anche i ticinesi Nancy Fora e Wester Molteni fra i protagonisti. Per quanto riguarda il 3x3, rimaniamo dell’opinione che non è basket, ma un gioco spettacolare dove è protagonista il canestro e poi tanto “campetto” con le sue regole a misura di gioco, ma nulla di paragonabile con il 5x5. Sarà anche divertente, attira molta gente nelle piazze dove si organizzano i tornei, ma non diciamo che è un’anticamera del basket. Chiunque, e ne abbiamo parlato con almeno una decina di coach in attività, condividono il concetto che i 3x3 è uno sport da spiaggia e che trova le stesse differenze che passano dalla pallavolo al beach volley: ci si diverte a guardarli durante i pomeriggi di ozio estivo, magari si fa il tifo per i propri colori, ma poco ha a che vedere con un club e i suoi tifosi abituali. Quindi finiamola di spacciare il 3x3 come la panacea o il trampolino di lancio al basket o, come viene spesso scritto e ripetuto, un fattore di coinvolgimento per il basket.

Per convogliare nuovi addetti verso questo sport che difendiamo da una vita, occorre veramente che venga fatto un lavoro in profondità sia da parte della Federazione, sia da parte delle associazioni cantonali e, ovviamente, dei club. Il calo di aderenti è sintomatico, ma non strettamente legato al difficile periodo pandemico. È un calo legato a un minor interesse da parte di troppe società, allo scarso coinvolgimento delle scuole nell’insegnamento del basket, perché sport più complesso di tutti gli altri, e alla scarsa attitudine delle società ad andare a fare propaganda per incentivare le iscrizioni. Se pensiamo che sia Massagno, sia Lugano hanno un settore giovanile di oltre 200 aderenti ciascuno e in Ticino ci sono diverse società che lavorano bene, ci si chiede perché altrove non posa essere così. Anche se, occorre pur sottolinearlo, passare dai settori giovani alla prima squadra è un passo molto grande che coinvolge il futuro di giocatrici e giocatori, la concorrenza di altri richiami, sociali e non, e una mancanza di prospettive reali. Elementi sui quali sarebbe bene si riflettesse in modo serio e non si facessero solo programmi a iosa senza reali e concrete soluzioni.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
volley
3 min
Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby
Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
CALCIO
1 ora
‘Ci ho sperato, ma si capiva che la china portava al fallimento’
Miodrag Mitrovic deluso e arrabbiato per la fine dell’Fc Chiasso: ‘Qualcuno, per assurdo, in questa situazione ci ha pure guadagnato’
CALCIO
2 ore
La pazienza è la virtù dei forti
Il Lugano ospita il Grasshopper. Croci-Torti: ‘Sarà una sfida logorante, non dovremo perdere la testa se le cose non dovessero funzionare subito’
Basket
3 ore
Le speranze della Sam in un weekend tutto da gustare
Al via un Final Four di Montreux ricco di sorprese, con Thabo Sefolosha in campo ma senza l’Olympic e il massagnese Roberto Kovac. Gubitosa: ‘No comment’
Calcio
12 ore
‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’
A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
MOUNTAIN BIKE
1 gior
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
1 gior
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
1 gior
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
1 gior
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
1 gior
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
© Regiopress, All rights reserved