laRegione
Giappone
0
Costa Rica
0
2. tempo
(0-0)
CICLISMO
30.05.21 - 18:15

Caruso ci prova fino in fondo, ma la rosa resta a Bernal

Il colombiano vince il suo primo Giro d'Italia. Per la Svizzera due successi di tappa (Mäder e Schmid), il Premio fuga (Pellaud) e il 34. posto di Badilatti

caruso-ci-prova-fino-in-fondo-ma-la-rosa-resta-a-bernal

Egan Bernal ha vinto l'edizione 104 del Giro d'Italia. Il colombiano della Ineos succede nell'albo d'oro al compagno di squadra Tao Geoghegan Hart e fa sua la seconda grande corsa a tappe dopo il Tour de France 2019. Nell'ultima frazione, una cronometro di 30,3 km tra Senago e Milano vinta dall'italiano FIlippo Ganna, Bernal ha chiuso al 24º posto con un ritardo di 1’53” da Ganna. Il suo principale avversario in classifica generale, Damiamo Caruso, trionfatore della frazione che sabato ha portato da Verbania all'Alpe Motta, attraverso il Ticino, la Mesolcina, il San Bernardino e lo Spluga, gli ha rosicchiato 30”, ma non ha certo potuto recuperare l'intero svantaggio. Si è comunque assicurato un'inattesa seconda posizione a 1’29” dalla maglia rosa. Sul podio anche il britannico Simon Yates, finito in 55º rango a 2’45”, ma comunque in grado di difendere il terzo posto dall'assalto del russo Vlasov e del portoghese Almeida, ottimo quinto della cronometro.

Irresistibile nelle prime due settimane, Bernal ha vinto la nona e la sedicesima frazione (Campo Felice e Cortina d'Ampezzo) ed ha avuto solo un leggero calo nella settimana conclusiva con qualche difficoltà a Sega di Ala (fondamentale l'apporto del compagno di squadra Daniel Martinez).

L'arrivo di Milano ha premiato Filippo Ganna che ha preceduto il francese Cavagna di 12” e l'italiano Affini di 13”. Detto della maglia rosa finita sulle spalle di Bernal, per quanto riguarda le altre maglie, Peter Sagan si è aggiudicato quella ciclamino, lo stesso Bernal si è portato a casa quella bianca di miglior giovane, mentre il migliore scalatore è risultato Geoffrey Bouchard.

La Svizzera torna a casa con le vittorie di tappa di Gino Mäder (6ª) e Mauro Schmid (11ª), con il Premio fuga assegnato all'inesauribile Simon Pellaud (all'attacco anche sabato lungo le strade ticinesi e mesolcinesi) e con il buon 34º posto finale (a 1h51’47”) del poschiavino Matteo Badilatti.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
13 ore
Un buon Ambrì cede alla distanza contro gli Zsc Lions
I biancoblù disputano due tempi di buon livello ma sprecano un doppio vantaggio, mentre i padroni di casa si affidano alle fiammate e al powerplay
QATAR 2022
13 ore
Il genio di Messi tiene in vita l’Argentina
Al 69’ una rete da fuori area della Pulce stende il Messico (nel finale il raddoppio di Fernandez). Ma l’Albiceleste ancora non convince
QATAR 2022
16 ore
Doppietta di Mbappé, la Francia è agli ottavi
Battuta una Danimarca che ha saputo rispondere alla strapotenza transalpina, ma che dovrà giocarsi la qualificazione contro l’Australia
QATAR 2022
19 ore
La Polonia vince, l’Arabia Saudita si mangia le mani
La compagine europea in rete con Zielinski e Lewandowski, quella asiatica domina ma sbaglia un rigore con Al Dawsari. Szczesny migliore in campo
QATAR 2022
22 ore
All’Australia basta un gol di Duke
Grazie a una strenua difesa la Nazionale dell’Oceania resiste al tentativo di rimonta di una Tunisia che è quasi fuori dal Mondiale
CURLING
23 ore
Finali stregate, due medaglie d’argento per la Svizzera
Agli Europei di Östersund, Silvana Tirinzoni e compagne battute dalla Danimarca, il team di Yannick Schwaller superato dalla Scozia
Video
Qatar 2022
1 gior
Spogliatoio lasciato come... nuovo: il Giappone incanta
Dai tifosi ai giocatori nipponici il grande senso civico dimostrato nel ripulire spalti e cabine prima e dopo la vittoria contro la Germania
i mondiali dal divano
1 gior
Ipercinetico Armando: fenomenologia di un telecronista
Fra metafore, immagini, neologismi e modi di dire, Ceroni tramanda ai posteri un modo di fare giornalismo sportivo singolare e (forse) sottovalutato
il dopopartita
1 gior
Sarebbe servita una terza fase ‘e più velocità’
Dopo quattro vittorie di fila e una buona prima metà di gara, il Lugano ritorna a perdere a Friborgo. Marco Müller: ‘Entrambe le squadre brave in difesa’.
IL DOPOPARTITA
1 gior
Il ritorno della sconfitta. ‘Avessimo dato il 5% in più...’
Johnny Kneubuehler e un venerdì a secco di gol e di punti, con il portiere del Bienne Harri Säteri assoluto protagonista. ‘È frustrante perdere così”
© Regiopress, All rights reserved