laRegione
basket-olympic-favorito-starwings-ospiti-con-merito
Keystone
La gioia dello Starwings per la qualificazione alla finale contro Olympic
Tiri liberi
25.05.21 - 12:35
Aggiornamento: 16:20

Basket: Olympic favorito, Starwings ‘ospiti’ con merito

Domani il via alla sfida al meglio delle cinque partite per l'assegnazione del titolo svizzero. I pronostici dicono Friborgo, ma attenzione ai basilesi.

Domani inizia l’ultimo atto del campionato, con la prima sfida fra Olympic e Starwings. Si giocherà al meglio delle cinque, con tutte o quasi le incognite del caso. Perché il caso, diciamo così, si chiama Starwings: ottavi in stagione, sono stati capaci di battere due a uno Ginevra e due a zero Neuchâtel; inanellando quattro vittorie consecutive contro la prima e la quarta della stagione regolare.

Prima di addentrarci in considerazioni, diamo onore a questa squadra basilese che, con una panchina ristretta, un roster certamente non da urlo e stranieri di basso costo, è riuscita a fare un vero miracolo sportivo. Il basket non è il calcio nel quale un ‘gollonzo’ basta a una squadra nettamente inferiore per buttar fuori squadre blasonate. Nel basket di canestri ce ne sono tanti e le azioni si susseguono più o meno velocemente: basta, è vero, l’ultimo canestro per vincere; ma dall’avversario devi essere al massimo a due punti.

Il fatto che gli Starwings abbiano eliminato squadre che costano almeno tre volte tanto, è un segnale che – dal mio punto di vista – evidenzia la pochezza tecnica del nostro basket, il quale parte dalla gestione delle partite alle qualità mentali dei giocatori, ancor prima di quelle tecniche. I flop ginevrini e neocastellani hanno messo in luce i limiti di chi sta in panca, inutile negarlo. Basilea ha fatto il suo compitino con molta determinazione: sempre con la difesa a zona, gioco controllato, ritmo adeguato ai suoi pochi mezzi, schemi elementari e anche un pizzico di fortuna. Le avversarie, pur disponendo di panchine lunghe e di nazionali, oltre a stranieri di livello superiore, si sono perse. Non hanno saputo mettere ritmo alle partite, non hanno saputo attaccare la zona con un minimo di logica, non hanno costretto ai falli i contendenti e hanno sprecato non poco. Si può anche accettare di perdere una partita, ma due di fila ci sembra veramente troppo; pur, lo ribadiamo, con tutto il rispetto per la squadra basilese. Gli Starwings, in cinque gare hanno tirato mediamente con oltre il 51% di riuscita; cifra importante, ma nemmeno astronomica, riuscendo anche a contenere il divario di palle perse e rimbalzi.

Quello che “non esiste” è che gli Starwings hanno sempre giocato con soli sei giocatori, più un paio di minuti per il settimo; mentre le avversarie hanno schierato fino a dieci giocatori. Risulta evidente che chi sta in panchina e prepara le partite in settimana quando e come vuole (visto che a Ginevra sono tutti professionisti e a lo è Neuchâtel oltre metà squadra), non è riuscito nella sfida successiva alla prima sconfitta a trovare le soluzioni adeguate per far valere il maggior tasso tecnico e numerico della sua squadra.

Domani, dunque, inizia la serie finale con l’Olympic chiaramente favorita. C’è da pensare che Aleksic (il quale, contro le difese a zona fatica da una vita a trovare le soluzioni adeguate), abbia avuto modo di lavorare in maniera mirata. Ma anche l’Olympic in stagione ha avuto problemi a Basilea: che la storia si possa ripetere, sarebbe un'ulteriore conferma che il nostro basket è veramente di livello molto scarso, checché ne pensino coloro che lo vedono con un futuro roseo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
basket campionato finale olympic starwings tiri liberi titolo svizzero
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
tennis
3 ore
Stan Wawrinka subito eliminato a Montreal
Il vodese si arrende in tre set 3-6 6-3 3-6 al finlandese Ruusuvuori nel primo turno del torneo canadese
HOCKEY
10 ore
Dopo la sospensione per Covid, riparte il Mondiale U20
La Svizzera di Marco Bayer a Edmonton per riallacciare i fili di una competizione fermata lo scorso dicembre. Presenti i ticinesi Zanetti e Biasca
mountain bike
1 gior
Filippo Colombo splendido secondo a Mont Ste. Anne
Il ticinese si arrende soltanto al francese Titouan Carod. Nino Schurter è sesto. Tra le donne successo di Jolanda Neff.
gallery
la ricorrenza
1 gior
Con il parkour ‘da diciotto a ottantacinque sport’
Gioventù e Sport celebra il cinquantesimo anniversario organizzando a Tenero un campo per settecento giovani e inaugurando una nuova disciplina
CALCIO
1 gior
Europa o Super League, la musica non cambia
A quattro giorni dalla sconfitta contro il Beer Sheva, il Lugano cede a Cornaredo anche contro il Lucerna
calcio
1 gior
Il Bellinzona espugna il Principato
A Vaduz Pollero regala i tre punti ai granata, che riscattano così la sconfitta casalinga contro lo Stade Losanna
MOTOMONDIALE
1 gior
Bagnaia trionfa in Inghilterra
A Silverstone, Pecco ha preceduto Viñales e Miller. Ottavo Quartararo, fuori Zarco
calcio
2 gior
‘Un piacere affrontare ricordi e amici’
Il Vaduz di Alessandro Mangiarratti accoglie il Bellinzona. ‘Diversi tifosi mi hanno scritto che verranno a vedere la partita’
BASEBALL
3 gior
Consigli per gli acquisti? Una figurina da sette milioni
Una foto del 1909 di Honus Wagner, l’Olandese volante, stella del baseball d’inizio Novecento, venduta a 7,5 milioni di dollari. ‘È arte, è storia!’
CICLISMO
3 gior
Dylan Teuns fa le valigie: subito alla Israel-Premier Tech
Vincitore della Freccia vallone ad aprile, il trentenne belga cambia squadra a stagione in corso, in partenza dalla Bahrain-Victorius
© Regiopress, All rights reserved