laRegione
Basket
11.05.21 - 12:42
Aggiornamento: 15:07

Il derby Sam-Tigers dà il via ai giochi che contano

Iniziano domani i play off, con tre squadre favorite nella corsa al titolo: Ginevra, Massagno e Olympic. Ma attenzione alle sorprese.

il-derby-sam-tigers-da-il-via-ai-giochi-che-contano
Ti-Press
Via ai play off con il derby Sam Massagno-Lugano Tigers

Iniziano domani sera i play off di serie A e c’è un derby tutto da vedere. Si sa che i play off azzerano quanto fatto in stagione, per ciò che riguarda le possibilità di arrivare al titolo. Lo fanno fino a un certo punto, ovviamente; sebbene in passato qualche sorpresa non sia mancata. Pensare, però, che nel nostro basket, che viaggia a tre velocità, ci possano essere scossoni epocali, mi sembra un viaggio nell’assurdo. Il campionato se lo giocano in tre: Ginevra, Massagno e Olympic (in ordine alfabetico). Alle altre restano le briciole; con la sfida fra Neuchâtel e Monthey sì equilibrata, ma con i neocastellani favoriti, se avranno un minimo di continuità sull’arco delle due o tre sfide.

Veniamo al derby, scaturito dall’inopinata sconfitta della Spinelli a Monthey nell’ultima giornata. Vediamo quali possono essere le componenti e lo facciamo senza scomodare Gubitosa e Cabibbo che, nelle tre precedenti sfide, hanno sempre affermato i medesimi concetti. In casa massagnese Gubitosa sostiene, da sempre, che il derby è una gara speciale, nella quale i ticinesi si esaltano. Una lotta stracittadina (non me ne voglia il sindaco Bruschetti) a suo dire molto sentita, soprattutto fra dirigenti e tifosi di vecchia data. “Il Lugano è una buona squadra, indicava Gubitosa, che sa esprimere un buon gioco e inoltre Cabibbo prepara sempre qualche sorpresa: noi vogliamo mettere in campo il nostro carattere, per uscire da tre pesanti sconfitta e rilanciarci”.

In casa bianconera Cabibbo non è mai stato da meno: “la Sam è molto più forte di noi, è una squadra completa, soprattutto col rientro di Marko Mladjan, e ha un cambio efficace per ogni ruolo. Noi siamo questi: fra pandemia e infortuni siamo arrivati al sesto posto, che poteva benissimo essere il quinto con un pizzico di maturità in più. Dovremo essere bravi a contenerli e a giocarci con intelligenza ogni pallone”.

Questi leit motiv espressi nei mesi passati, ben si applicano alla situazione attuale e domani avremo in campo due squadre certamente motivate, ma con un divario tecnico evidente. Divario che, forse o almeno in parte, può essere ridotto dall’atteggiamento mentale di chi va in campo. La Spinelli ha bisogno di ritrovare il suo gioco e il carattere difensivo, con uno sviluppo dell’attacco più collettivo. La comprensione degli errori commessi nei precedenti match e l’innesto più concreto di Padgett, dovrebbero essere due fattori decisivi sull’esito del match. Massagno deve giocare di squadra per sfruttare le individualità, non il contrario; e, soprattutto, deve controllare i rimbalzi per evitare secondi tiri spesso ferali.

Il Lugano ha come arma la combattività dei giovani Kovac, Dell’Acqua, Togninalli e Mina. Se i recuperati Nikolic e Steinmann, oltre a un ritrovato Stevanovic, viaggeranno sui massimi livelli, con Jackson e Aw più incisivi in attacco si potrà stare vicini ai cugini. E a quel punto, chissà...

Vedremo dunque che tipo di derby sarà e il fatto che potranno esserci 50 tifosi, è già un qualcosa rispetto ai precedenti deserti.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
TIRI LIBERI
10 min
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
CALCIO
1 ora
Fissata la prima amichevole, sabato il Lugano ospita il Monza
La compagine di Serie A a Cornaredo dalle 14.00. Oggi l’inizio della prevendita (agibili solo tribuna principale e spalti)
Qatar 2022
16 ore
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
16 ore
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
17 ore
Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping
Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
19 ore
Ai rigori vince la Croazia
I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
QATAR 2022
19 ore
Tutti i numeri di Kylian Mbappé
Il 24enne francese sta riscrivendo una parte dei libri di storia del calcio. È il primo giocatore ad aver totalizzato 9 reti mondiali ad appena 23 anni
QATAR 2022
21 ore
Santos non si sbilancia, mezz’ora di parole senza concetti
Il tecnico del Portogallo non fornisce indicazioni sullo status di Cristiano Ronaldo, che molti lusitani vorrebbero vedere in panchina
QATAR 2022
22 ore
Achraf Hakimi e un derby tra calcio e politica
Il laterale del Psg e del Marocco è nato a Getafe ed è cresciuto al Real Madrid: ‘Ma giocare per il Marocco non ha prezzo’
Nuoto
22 ore
Anche a Coira il Ticino c’è, e non teme confronti
Ai Campionati giovanili nazionali a squadre le formazioni della Svizzera italiana fanno incetta di podi, facendo addirittura ‘en-plein’ al maschile
© Regiopress, All rights reserved