laRegione
massagno-domina-il-terzo-derby-stagionale
BASKET
07.04.21 - 22:020

Massagno domina il terzo derby stagionale

Come da programma, la Spinelli ha superato un Lugano che ha comunque tenuto bene il campo, anche con alcuni giovani

Il terzo derby stagionale l’ha vinto la Spinelli secondo tutte le logiche del momento: da una parte una compagine costruita per il titolo, seppur ancora priva di Marko Mladjan, dall’altra una compagine in fase di rinnovamento legata anche a finanze non proprio eccelse (eufemismo), con Stevanovic ancora out. 

Ne è uscita una gara che non è stata a senso unico per il semplice fatto che la Sam non ha tenuto in campo i suoi migliori per più di una ventina di minuti. Ma anche Cabibbo non ha fatto fare gli straordinari ai suoi pezzi da novanta, Nikolic 19 minuti, Aw 20, Jackson 17, Steinmann 23. Insomma, spazio per tutti e si sono viste anche buone trame con i giovani in campo a tener testa agli avversari.

Dopo 2’31” Cabibbo era già al time out, quando il tabellone segnava un 11-2, con tre triple di Nottage, Mladjan e Molteni e una schiacciata di Chukwu. Risultato che è poi salito fino a +15 al 6’, 23-8 e a +18 al 9’, 29-11.

Chiusa la pausa a +14, 29-15, la Sam è rientrata in campo con sufficienza e i bianconeri non si sono fatti pregare infilando un 6-13, tornando così a -7, 35-28 al 4’. Gubitosa ha chiamato time out, ha alzato i toni e rimesso in campo il quintetto base: ne è scaturito un 14-0, 49-28 all’8’.

Chiusa metà gara sul 54-34, il terzo quarto è filato via liscio, con la Spinelli a toccare il +28, 69-41 al 5’, vantaggio mantenuto fino all’ultima pausa, 81-53. Nel quarto conclusivo, con quasi solo giovani in campo, i virgulti bianconeri hanno giocato con maggior tranquillità, recuperando fino a tornare a -17, 85-68 al 7’ per chiudere la contesa sul 91-75.

Non stiamo certamente a parlare di chi è stato meglio: diciamo che la Spinelli avrebbe potuto sommergere i cugini, ma il Lugano ha mostrato carattere e buone cose. Le percentuali sono state comunque eloquenti: la Spinelli ha tirato con il 72% da 2, 30/42, col 33% da 3, 9/27 e 4/5 nei liberi. I Tigers hanno avuto il 50% 19/38 da 2, il 30%, 8/26 da 3 e 13/19 nei liberi. Rimbalzi dominati dalla Sam, 40 a 28. La stranezza sono gli zero punti di Jackson, 0/6. Da segnalare anche i 13 punti e 5 rimbalzi di Patrik Kovac e i 12 punti di Massimiliano Dell’Acqua, 17 anni, entrambi per la prima volta in doppia cifra in serie A, e gli 8 punti di Togninalli.

«Risultato a parte, che onestamente era scontato, sono riuscito ad arrabbiarmi per alcuni atteggiamenti di sufficienza di certi giocatori – il commento di Gubitosa –, perché è in queste partite che deve emergere la voglia di dare il massimo, soprattutto per chi gioca meno».

«Sia chiaro, la Sam poteva distruggerci e l’avvio è stato un chiaro segnale – afferma Cabibbo –: Roby è stato generoso e ha fatto le sue rotazioni in misura maggiore rispetto al solito. Però sono molto soddisfatto da quanto hanno mostrato sul campo i miei ragazzi con una crescita mentale importante. Ora però voglio vederli giocare così anche con maggior pressione addosso, a cominciare da sabato contro il Boncourt. È anche pensando a questa importante gara che ho risparmiato energie a tutti. Vogliamo tornare a vincere in casa e i giurassiani sono un complesso che possiamo battere se sapremo giocare con grande intensità per 40 minuti».

Spinelli Massagno - Lugano 91-75

Massagno: D. Mladjan 15, Williams 2, Martino 8, Facchinetti 0, Molteni 7, Chukwu 8, Hüttenmoser 5, Nottage 22, Nguirane 11, Andjelkovic 13, Veri 0.

Lugano: Nikolic 8, Dell’Acqua 12, Jackson, Bracelli 7, Togninalli 8, Steinmann 17, Kovac 13, Aw 9, Gianinazzi 1, Lukic 0.

SPORT: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
7 ore
Il Lugano stringe i denti, vince e blinda la salvezza
I bianconeri battono il Losanna con un gol di Maric e raggiungono quota 40, considerata da Jacobacci la quota sicurezza. Ora possono pensare ai quarti di Coppa
Il tramonto della Valascia
9 ore
‘Questo stadio mancherà a tutti’
Un giornalista e un ex giocatore (pure nei panni dell'avversario) sfogliano l'ultima pagina dell'album
Hockey
23 ore
Alexandra e Tim, due bastoni e... una fattoria
Portiere delle Ladies lei, attaccante dei bianconeri lui: due carriere distinte ma con parecchi punti in comune
Hockey
1 gior
Il Lugano conosce il suo rivale: nei quarti sfida il 'Rappi'
Trascinati dal loro portiere Melvin Nyffeler, a sorpresa i sangallesi eliminano il Bienne nei pre-playoff di National League. Il Davos, invece, è sull'1-1
Calcio
1 gior
Tra Chiasso e Kriens finisce 0-0. Un'occasione sprecata
I rossoblù costretti al pareggio da una squadra lucernese scesa in Ticino per barricarsi. ‘Ma la stagione è ancora lunghissima‘, dice il rientrante Maccoppi
NUOTO
1 gior
Tre record ai Nazionali di Uster. E il Ticino fa la sua parte
Noé Ponti brilla ancora ai campionati svizzeri, polverizzando l'8'06''64 di Stefan Sigrist sugli 800 stile libero, che resisteva da dodici anni
Tennis
1 gior
A Bellinzona continua il sogno di Simona Waltert
La ventenne grigionese vince la sfida con la coriacea Jana Fett e si qualifica alle semifinali del torneo Itf W 60
Calcio
1 gior
Europei di calcio, dodici città pronte ad aprire al pubblico
In sospeso, oltre a quelle di Bilbao e Dublino, restano le sorti di Monaco e Roma. 'Hanno tempo fino al 19 aprile per informarci sui loro piani', dice l'Uefa
CICLISMO
1 gior
Doppietta Deceuninck con Honoré e Cerny
Al Giro dei Paesi Baschi la corsa si deciderà domani con sette salite in 112 km. Al comando sempre lo statunitense McNulty
CALCIO
1 gior
Lugano, c'è quel 2-0 da vendicare
I bianconeri ricevono il Losanna che a fine febbraio aveva dominato la sfida della Tuilière. Maurizio Jacobacci: ‘I presupposti sono diversi’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile