laRegione
TIRI LIBERI
16.03.21 - 17:47

Con 30 punti dagli stranieri, vincere diventa difficile

I motivi della sconfitta della Spinelli Massagno nella finale della Sbl Cup giocata domenica contro Ginevra

con-30-punti-dagli-stranieri-vincere-diventa-difficile

Riandiamo alla finale della Sbl Cup di domenica fra Spinelli Massagno e Lions di Ginevra. Una partita persa in malo modo dai ragazzi di Gubitosa, con un crollo verticale nell’ultimo quarto, all’immagine di un parziale di 19-0 per i Lions fra il 2’ e l’8’ dell’ultimo quarto. Un vuoto inimmaginabile dopo i primi tre quarti di gara, dove la Sam ha giocato alla pari contro i ginevrini, trovando spesso anche vantaggi di 4-5 punti, mai incrementati però anche dopo un paio di possessi o tre. Mettiamoci pure la precarietà di Marko Mladjan, schierato malgrado i dolori alla schiena per complessivi 13 minuti, e la condizione fisica precaria di Slokar, 17’ di campo, a scusante di rotazioni incomplete dal punto di vista dell’efficienza della squadra, ma sono due fattori che non hanno deciso la gara. Perché, a nostro modo di vedere, la Sam vista contro il Neuchâtel in semifinale è stata un vero assieme per la quasi totalità della gara e si è imposta con autorevolezza. Contro Ginevra, il cui spessore tecnico e mentale è superiore, la Spinelli ha giocato alla pari, sfruttando al meglio le caratteristiche dei suoi uomini, con un gioco abbastanza lineare in attacco e una discreta difesa, ottima quella che ha messo la museruola a Derksen per oltre metà gara, tenendolo a zero punti.

Il crollo della squadra ticinese è avvenuto nell’ultimo quarto dove sono cambiate alcune cose: Derksen, che aveva infilato 5 punti nell’ultimo minuto del terzo quarto, ha ritrovato punti, favorendo anche il gioco dei compagni sotto le plance. In difesa Ginevra ha chiuso ancor di più gli spazi, rendendo nullo l’apporto di Dusan Mladjan, zero punti nel secondo tempo contro i 19 a metà gara. Poi la Sam ci ha messo del suo con un Nottage a perdersi in unitili palleggi per 17-20 secondi, prima di mettere in condizione i compagni di tirare: e spesso, troppo spesso, erano tiri sulla sirena e quindi ad alta percentuale di errori. Ai pasticci di Nottage, troppo individuali, si sono aggiunti altri fattori: Williams, 5 punti in 21 minuti e solo 4 tiri tentati, è stato nullo in attacco, e pensare che è stato preso proprio per il suo tiro; Chukwu, 5 punti, 6 rimbalzi e 4 stoppate, ha sofferto sotto canestro lo strapotere fisico dei vari Adam, Nzegue e Ivanov: avesse anche il fisico e mani come tenaglie non sarebbe da noi, ma qualcosa in più ci voleva. Slokar ha fatto molto e con la solita intelligenza, ma anche lui è stato fisicamente sovrastato. Salviamo a metà Dusan, bene Molteni e Andjelkovic. E se i tuoi stranieri mettono assieme 30 punti e quelli avversari 50, pensare di potercela sempre fare diventa complicato, soprattutto in una finale, per altro arbitrata molto bene da Clivaz, Michaelides e Pillet, a dimostrazione che se vogliono, ci sanno fare.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
2 ore
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera - Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
8 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
15 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
19 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
20 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
20 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
21 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
22 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
22 ore
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
1 gior
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved