laRegione
BASKET
07.03.21 - 12:37

Il Lugano esce alla distanza contro il Nyon

I Tigers fanno il vuoto nel secondo tempo. Nessun problema per la Sam Massagno a Basilea

il-lugano-esce-alla-distanza-contro-il-nyon

Sabato da bottino pieno per Lugano e Spinelli: i bianconeri hanno vinto in casa contro il Nyon, la Sam ha battuto Basilea in trasferta.

La partita fra Lugano e Nyon non è stata certamente ad alti contenuti tecnici, ma le aspettative di vittoria espresse venerdì da coach Cabibbo si sono verificate e questo è ciò che più conta. I bianconeri hanno schierato anche Marco Portannese, approdato in settimana ed è stato certamente un valore aggiunto – 16 punti e 6 rimbalzi –, pur con i limiti legati alla lunga inattività e alla non conoscenza della squadra. Però avere una rotazione di spessore è stato importante, anche per le precarie condizioni di Louissant, e lo si è visto chiaramente dalla marea di errori commessi – 0/4 al tiro, zero rimbalzi e due palle perse – cifre inusuali per lui. Anche Steinmann sta attraversando un periodo difficile per diversi acciacchi che ne limitano il rendimento, non certamente la volontà per ogni minuto che sta in campo: 9 punti, 4 rimbalzi. In queste condizioni è emerso, dopo un avvio difficile il duo Aw – Nikolic, 21 punti e 6 rimbalzi il primo, 28 punti e 15 rimbalzi il secondo, unitamente a un Jackson che si è svegliato nel secondo quarto con 10 punti, 16 in totale e 3 rimbalzi e ben 10 assist.

Partita dalle porte aperte per tutto il primo tempo: 24-26 alla prima pausa. Poi N’Doye ha portato di peso i suoi a suon di triple con i bianconeri a sprofondare fino a -8, 32-40 al 4’. Sul 38-45 al 7’, finalmente i Tigers hanno cominciato a difendere: 14-0 di parziale e pausa lunga avanti di 3, 56-53.  Nel terzo quarto il Lugano ha fatto il vuoto portandosi a +15 al 6’ e toccando il +18, 78-60 al 29’42”: 22-10 il parziale nel quarto.

 Il Nyon ha provato a risalire, tornando a -9, 84-75 al 5’, ma il Lugano ha controllato, allungano fino al 97-83 finale.

«Abbiamo pagato un po’ gli allenamenti monchi fatti in settimana, ma la reazione mi è piaciuta e abbiamo sviluppato anche belle azioni collettive – il commento di Cabibbo –. Dobbiamo riprenderci però anche in difesa se vogliamo vincere con maggior tranquillità».

Per la Spinelli la trasferta a Basilea è stata una formalità: il 9-25 dopo 10 minuti è l’eloquente entrata in materia per cui tutto è scivolato via senza sussulti, pur con le assenze di Andjelkovic e Marco Mladjan. Gubitosa ha dato minuti a tutti e tutti hanno timbrato il cartellino dei punti, con il solito Dusan Mladjan a infilare 30 punti con un complessivo 66% al tiro. Williams 11 punti, Nottage 14 gli altri in doppia cifra, Mentre Molteni l’ha realizzata ai rimbalzi 11. Il messaggio in vista delle Final Four del prossimo weekend è lanciato: mai più brutte sconfitte come quella contro l’Olympic.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
3 ore
Elvedi e Sommer non si sono allenati
Entrambi raffreddati alla vigilia di Svizzera-Serbia, hanno saltato la seduta di giovedì
I mondiali dal divano
9 ore
I segreti dei suoi occhi
Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie
QATAR
16 ore
In campo c’è solo l’Argentina, avanti con Mac Allister e Alvarez
Szczesny il migliore di una Polonia che passa per il rotto della cuffia. Al Messico non basta il 2-1 sull’Arabia Saudita
FREESTYLE
19 ore
Marco Tadé infortunato in Finlandia durante un allenamento
Il 26enne ticinese, già rimpatriato e ospedalizzato a Lugano, ha subito la rottura di quattro costole, di una clavicola e la perforazione di un polmone
QATAR 2022
20 ore
L’Australia raggiunge la Francia negli ottavi di finale
I ‘socceroos’ superano una deludentissima Danimarca con un gol di Leckie. Nell’altra partita, vittoria inutile della Tunisia
Calcio
21 ore
Pelé di nuovo ricoverato
O’Rey, che è malato di cancro, sarebbe in condizioni critiche
CICLISMO
22 ore
Morto Davide Rebellin, investito in bicicletta da un camion
Il dramma nel comune di Montebello Vicentino. Il 51enne italiano aveva chiuso la carriera nel 2022, dopo aver vinto Freccia (3 volte), Liegi e Amstel
Qatar 2022
22 ore
In silenzio Xhaka e Shaqiri
L’Asf, per evitare qualsiasi polemica coi serbi, impedisce di parlare ai due protagonisti della sfida di quattro anni fa
SCI ALPINO
23 ore
La lotta di Eliasch sui diritti tv potrebbe sfociare in crisi
Il nuovo presidente Fis intende centralizzarli, ma deve lottare contro l’opposizione di federazioni potenti come quelle svizzera, austriaca e tedesca
Calcio
1 gior
Il futuro della Juve fra rischi, Agnelli ed ex bandiere
Dopo le dimissioni del presidente e dell’intero CdA, per il club bianconero si apre un’era fitta di interrogativi
© Regiopress, All rights reserved