laRegione
Cameroon
3
Serbia
3
fine
(1-2)
Corea del Sud
Ghana
14:00
 
Basket
10.02.21 - 22:42
Aggiornamento: 23:00

Una Sam un po' spocchiosa piega un buon Lugano

All'Elvetico i Tigers ci mettono cuore e grinta per colmare il divario tecnico ma alla fine devono arrendersi 81-74 alla superiorità di Mladjan e compagni

di Dario 'Mec' Bernasconi
una-sam-un-po-spocchiosa-piega-un-buon-lugano

Un derby piacevole, quello che ha chiuso la seconda fase del campionato e che Massagno si è aggiudicato in trasferta 81-74. Piacevole grazie alla verve di un indomito Lugano e a una scialba prestazione della Sam, un po’ troppo spocchiosa e che come tale ha giocato con sufficienza, conscia della propria forza.

Gubitosa deluso dall'atteggiamento, Cabibbo loda i suoi

Un atteggiamento che ha deluso, in primis, il suo coach... «Abbiamo giocato in maniera inguardabile a partire dalla fine del primo quarto, con una difesa molle e un attacco senza logiche, dove ognuno si sentiva di inventare qualcosa – ha spiegato Robbi Gubitosa –. Per fortuna Dusan (Mladjan, ndr) ha fatto la sua parte e anche Molteni è stato tra i pochi che hanno lottato su ogni pallone. Faccio i complimenti al Lugano per come ha tenuto il campo con grinta e orgoglio. Adesso prendiamoci questa pausa della nazionale per resettare tutto e ripartire come basket comanda».

In casa Tigers i volti sono soddisfatti perché, pur senza Aw e Steinmann, i bianconeri hanno lottato dall’inizio alla fine, recuperando più volte e andando avanti per diversi minuti, con un parziale di 9-0 del quale essere felici... «Abbiamo dato tutto, pur con i nostri limiti tecnici e di effettivo – il commento del tecnico Salvatore Cabibbo –. Ho visto bene i giovani, in campo per tanti minuti, capaci di fare la loro parte. Una sconfitta che era annunciata ma che abbiamo esorcizzato con carattere e determinazione, mettendo spesso in difficoltà la Spinelli e costringendola a giocarsela fino alla fine con i migliori uomini in campo».

Mladjan-Molteni tengono a galla la Spinelli, tutti bravi i bianconeri

Tutto vero. Non basta ovviamente l’attenuante delle assenze di Marko Mladjan e di Slockar per giustificare la prestazione di Massagno. Eppure la partenza era stata al top, con subito cinque triple (2 di Nottage e 3 di Mladjan) a portare avanti la squadra, 17-24 al 7’. Divario sceso a +5 alla prima pausa (22-27). Secondo quarto dei bianconeri, che infilano un 15-0 (41-32 al 6’), malgrado due timeout chiesti da Gubitosa e sentiti anche in Val Colla. Nulla, se non un 7-2 per chiudere la prima parte di gara sul 48-44.

Il 52 pari lo firma Williams al 3’ della seguente frazione. Poi il Lugano subisce la difesa a zona dei cugini e dal 55 pari si va sul 57-66 con i rientro di Dusan in campo (60-66 all’ultima pausa). Nel quarto conclusivo, due triple del solito Mladjan portano il +10 (64-74). I bianconeri non ci stanno e firmano un 7-0 che porta lo score sul 71-76, con la terza tripla di un ritrovato Stevanovic. Ma la Sam resta in controllo e non succede più nulla fino al 74-81 finale.

Se in casa Sam il duo Mladjan-Molteni ha portato di peso i suoi, con qualche spunto del debuttante Williams e di Nottage all’inizio (poco efficienti gli altri), in casa bianconera sono tutti o quasi da elogiare. Nikolic il solito guerriero ovunque sul campo, Stevanovic finalmente concreto con 20 punti è da record personale, Jackson 14 assist e una buona difesa, Louissant fra pasticci e palle perse resta comunque positivo con 17 punti e Kovac, 27 minuti di campo, bravo con 4 rimbalzi, 3 offensivi e una buona difesa. Mina, Bracelli, Togninalli e Dell’Acqua tutti in campo per almeno sei minuti. Un applauso anche a loro che stanno crescendo bene.

 

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
8 min
Amichevole a Menaggio per il Bellinzona
Incontro fissato per mercoledì 30 novembre alle ore 19
Qatar 2022
31 min
Folle pareggio fra Camerun e Serbia
Il 3-3 finale tiene lontani entrambi dalla Svizzera nella classifica del gruppo G
Calcio
3 ore
Heiko Vogel direttore sportivo del Basilea
Ritorno sulle rive del Reno per il 47enne ex allenatore
Qatar 2022
15 ore
Un missile di Fullkrug tiene in corsa i tedeschi
Finisce in parità la sfida più attesa tra una Spagna che dovrà stare attenta al Giappone e una Germania che si gioca tutto con il Costarica
Sci
17 ore
Wendy, il gran giorno è arrivato. Ma lo deve condividere
Sulle nevi del Vermont la svittese centra infine un trionfo nello slalom che inseguiva da una vita. A far festa con lei, però, c’è anche Larson
Qatar 2022
17 ore
Senza Neymar l’esame di maturità di Yakin
Il tecnico rossocrociato, che 15 mesi fa allenava ancora in Challenge League, contro il Brasile non disporrà di Okafor
Qatar 2022
18 ore
Davies illude il Canada, Kramaric lo elimina
La Croazia rimonta grazie soprattutto a una doppietta della punta dell’Hoffenheim
IL DOPOPARTITA
19 ore
Un weekend in bianco: ‘Restiamo positivi, meritavamo di più’
L’Ambrì rende nuovamente la vita dura allo Zurigo, che però trova il modo di spuntarla. ‘La fortuna? Non è stata dalla nostra, ma bisogna anche cercarla’
QATAR 2022
20 ore
Belgio sconfitto, a Bruxelles scoppiano disordini
La polizia è intervenuta con cannoni ad acqua per disperdere i tifosi facinorosi. Le autorità hanno chiesto alla popolazione di non recarsi in centro
QATAR 2022
20 ore
‘Battere il Brasile? Non mi stupirebbe’
Nestor Subiat fiducioso sulle qualità della Nazionale svizzera. ‘E per l’Argentina il Mondiale inizia adesso’. Il ricordo del 1994 e di Andres Escobar
© Regiopress, All rights reserved