laRegione
S.Gallo
3
Basilea
0
2. tempo
(1-0)
Lakers
4
Losanna
5
fine
(2-0 : 1-4 : 1-0 : 0-0 : 0-1)
la-dakar-si-chiude-con-l-ennesimo-lutto-morto-cherpin
Motori
15.01.21 - 11:340
Aggiornamento : 17:58

La Dakar si chiude con l'ennesimo lutto: morto Cherpin

Durante l'ultima tappa che ha incoronato Benavides nelle moto e Peterhansel nelle auto è giunta la notizia del decesso (il 76esimo) del centauro francese

La maledizione della Dakar purtroppo ha colpito anche l'edizione 2021 della grande corsa quest'anno disputata nel deserto dell'Arabia Saudita. È morto infatti il pilota francese 52enne Pierre Cherpin che, in sella a una Husqvarna, partecipava alla sua quarta Dakar. Cherpin era caduto il 10 gennaio scorso, in occasione della settima tappa, riportando gravi ferite alla testa (fortissimo trauma cranico). Dopo un primo intervento chirurgico a Gedda, il centauro transalpino stamattina è stato trasportato d'urgenza a Lille in Francia per una nuova operazione, ma è morto durante il viaggio aereo, proprio nei minuti conclusivi dell'ultima tappa, con arrivo a Gedda. La Dakar nell'edizione 2020 era stata fatale ad altri due motociclisti, Paulo Gonçalves ed Edwin Straver, e con Pierre Cherpin allunga il suo nero elenco di vittime fino ad avvicinare quota 80: sono 76 complessive, di cui 31 fra piloti e navigatori e fra questi 23 motociclisti.

Nelle moto il successo finale è andato all'argentino Kevin Benavides, su Honda. Per Benavides è la prima affermazione alla Dakar, mentre per la Casa di Tokyo è il bis della vittoria ottenuta lo scorso anno con Ricky Brabec. Nell'ultima frazione è riuscito a controllare agevolmente il britannico Sam Sunderland (Ktm), che era il suo avversario più pericoloso, terminando al secondo posto. Nella generale, quindi gloria per Benavides e secondo Brabec (4'56"), per una doppietta Honda che mancava dal 1987 (Cyril Neveau-Edi Orioli) e maturata grazie a ben 9 successi su 12 tappe. Per Sunderland, trovatosi nella scomoda posizione di dover fare da apripista nella tappa finale, il 12° posto di giornata e il 3° nella generale a 15'57".

Nessuna sorpresa nell’ultima frazione nemmeno tra le auto: la vittoria finale è infatti andata a Stephane Peterhansel, campione di costanza nell’edizione di quest’anno e vincitore per la quattordicesima volta (record assoluto aggiornato) del rally-raid, conquistato per l’ottava volta nella categoria auto, a trent’anni esatti dalla Parigi-Tripoli-Dakar vinta nel 1991 sulle due ruote, in sella alla Yamaha. ‘Mister Dakar’, alfiere del team X-Raid Mini Jcw assistito dal navigatore Edouard Boulanger, non ha dovuto forzare nella frazione che ha riportato i piloti a Jeddah due settimane dopo il prologo nella seconda città più popolosa dell’Arabia Saudita: a vincere la tappa infatti è stato il compagno di squadra Carlos Sainz, che ha sigilalto in questo modo il terzo posto assoluto e il quinto podio in una corsa che ha vinto per tre volte nella sua carriera, l’ultima lo scorso anno. Nulla da fare per l’unico pilota che, almeno sulla carta, avrebbe potuto impensierire Peterhansel per la vittoria finale, Nasser Al-Attiyah (Toyota Gazoo Racing): il qatariota ha rosicchiato 40” al francese, troppo poco rispetto al quarto d’ora che aveva ancora da recuperare. Ad Al-Attiyah resta comunque la soddisfazione del nono podio in carriera alla Dakar (tre le vittorie) e del più alto numero di tappe vinte fra le auto nell'edizione appena conclusa, ben sei su tredici (prologo compreso).

SPORT: Risultati e classifiche

SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Altri sport
9 ore
Lo sport sballottato da un anno di pandemia
Riviviamo a grandi linee quanto successo nel mondo sportivo dalle prime decisioni per contrastare il coronavirus nel febbraio 2020 a oggi
Sci
9 ore
Lara Gut-Behrami trionfa in Val di Sassa
La ticinese si è imposta nella discesa femminile. Secondo posto per Corinne Suter. Terza Kira Weidle
Calcio
16 ore
Reto Ziegler, USAto sicuro per il Lugano
Il 35enne ex internazionale elvetico, reduce dall'esperienza oltreoceano, è pronto ad aiutare i bianconeri (in emergenza difesa) già da domani a Losanna
Gallery
Hockey
1 gior
All'ultimo respiro, l'Ambrì Piotta stende il Rapperswil
I biancoblù sconfiggono la loro bestia nera. Ma perdono già nel corso del primo tempo Julius Nättinen
Hockey
1 gior
A Lugano la vendetta è un piatto che va servito di venerdì
Il giorno dopo, Boedker e compagni si rifanno con veemenza sul Servette: doppiette per il danese e per Fazzini e reti di Arcobello, Lajunen e Bürgler
Basket
1 gior
Via alla terza fase del massimo campionato
La Spinelli ospita, domani alle 17.30 a Nosedo, il Boncourt. Il Lugano alla stessa ora sarà ospite della capolista Ginevra
Calcio
1 gior
Ottavi di Europa League, lo Young Boys pesca l'Ajax
Avversario abbordabile per i campioni svizzeri negli ottavi di finale. Intrigante la sfida tra Manchester Unitde e Milan
Gallery
Sci alpino
1 gior
Per Lara Gut-Behrami vittoria e sorpasso in vetta alla generale
La ticinese ha vinto la prima delle due libere in Val di Fassa scavalcando Petra Vlhova in testa alla classifica generale di Coppa del mondo
Calcio
1 gior
L'Yb a Leverkusen festeggia il biglietto per gli ottavi
I gialloneri di Gerardo Seoane vincono anche la sfida d'andata in Europa League, mettendo sotto il Bayern di nuovo grazie a un gol di Siebatcheu
VOLLEY
1 gior
Lugano ancora sconfitto: il Nuc è in semifinale
Nulla da fare per le ragazze di Lacerda, battute tre set a zero sul campo di un lucido Neuchâtel dalla maggior esperienza
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile