laRegione
Wil
FC Stade Ls Ouchy
17:30
 
jeremy-desplanches-testa-bassa-e-pedalare
Argento mondiale nel 2019
Nuoto
23.09.20 - 14:190
Aggiornamento : 17:39

Jérémy Desplanches: ‘Testa bassa e pedalare’

Il ginevrino campione europeo dei 200 misti di stanza a Lione scalpita, ma l'obiettivo sono i Giochi: 'Lavoro per le Olimpiadi, ma intanto le gare mi mancano’

Morde il freno, Jérémy Desplanches. Il campione europeo dei 200 misti lotta contro l'incertezza di una stagione monca, con gli occhi già puntati ai Giochi olimpici di Tokyo. «A testa bassa, senza alzare gli occhi», spiega il ginevrino, impegnato negli allenamenti che lo dovranno condurre ai suoi primi appuntamenti stagionali, «i Campionati di Francia (dal 10 al 13, ndr) e quelli svizzeri, le cui date sono ancora da fissare».

«L'attesa della prossima gara - prosegue Desplanches - un po' pesa. Amo la competizione, è il motivo per cui nuoto. L'unico aspetto positivo di questa lunga fase è la possibilità di essere liberi da impegni da sabato pomeriggio a lunedì mattina. Ne approfitto per organizzare delle cose con gli amici, visto che normalmente non ne avrei il tempo, né le energie».

Anche la sua compagna, Charlotte Bonnet, è una nuotatrice di livello mondiale. È anche sua compagna di allenamento. Un vantaggio o un ostacolo in più? «Siamo entrambi persone molto semplici, sappiamo benissimo che non possiamo fare niente contro questa situazione. Siamo sempre sulla stessa lunghezza d'onda, nei momenti belli come in quello meno positivi».

Un ritmo da tenere per un anno intero

Il suo coach (Fabrice Pellerin, ndr) ha forse elaborato un programma di allenamenti più  "divertente", al fine di rendere meno monotona la routine? «Non posso dire di avere questa impressione, no. Al contrario, direi che abbiamo molto lavoro da fare. L'allenamento è la cosa più importante, siamo qui per questo. In situazioni normali, a metà settembre avremmo appena ripreso dopo le vacanze. Stavolta invece siamo già a buon livello. Teniamo la testa sul manubrio senza alzare lo sguardo. Mentalmente non è semplice, perché è un ritmo che dobbiamo tenere per un anno intero, fino ai Giochi. Ma le Olimpiadi sono il mio sogno, quindi va bene così».

Il loro svolgimento, però, non è certo. Riesce a proiettare il lavoro a quell'evento senza cattivi pensieri? «Sì. Se dovessi riempire la testa di pensieri e dubbi, non riuscirei a concentrarmi sul mio obiettivo. Parto dal principio che i Giochi si svolgeranno nelle date previste (23 luglio-8 agosto, ndr). Ci saranno nuovi avversari da battere, ma conto di riuscire a brillare grazie a tutti gli sforzi che sto facendo».

‘Coach mentale? L'idea non mi entusiasma’

Ha un crono di riferimento per la 200 mista? «Un 2'00''13 nuotato a tutta, a fine luglio, in occasione di una gara alla quale avevano preso parte anche molti ragazzini. Non è stata un'esperienza molto incoraggiante. Avevamo ripreso da poco, non avevo mai nuotato a tutta velocità più di 50 metri. È stata molto dura riprendere il ritmo dopo i due mesi di confino. Abbiamo ripreso dalla base, avevamo paura di infortunarci».

In un'intervista alla "Tribune de Genève" ha evocato la possibilità di affidarsi a un preparatore mentale... «Non l'ho ancora fatto. È un'eventualità che a volte torna d'attualità, ma non mi entusiasma. Non saprei come affrontare una seduta, non saprei cosa dire. E non ho nemmeno voglia che qualcuno torvi che ho dei problemi (ride, ndr). Al momento non sento di avere delle debolezze particolari».

‘Ma cosa combinano i nostri dirigenti?’

Molte discipline si sono rimesse in moto. Calcio, tennis, atletica. Restando all'acqua, ci sono stati gli Europei di canoa -kayak, presto ci saranno quelli di canottaggio. Il nuoto, per contro, è ancora fermo al palo. La sua disciplina è la grande perdente di questa crisi sanitaria? «Senza voler polemizzare, mi domando cosa stiano combinando i nostri dirigenti. Non si muove niente. La federazione internazionale (Fina, ndr) continua ad annullare meeting, e non ha nulla in programma fino a gennaio. Temo che giochi un ruolo la mancanza di mezzi finanziari».

Per quale motivo non prenderà parte all'edizione 2020 dell'International Swimming League, la lega professionistica creata lo scorso anno a margine degli eventi Fina? «Mi hanno contattato molto squadre, ma ho rifiutato. Lo scorso anno gli impegni erano per periodi corti. Quest'anno la formula è stata modificata, avrei dovuto partire per più di un mese. Non sarebbe possibile, in quanto il mio coach deve restare a Lione per occuparsi di tutti i miei compagno di società. Sul piano tecnico, non avrebbe potuto avere il controllo. Ecco perché stavolta è preferibile rinunciare, anche se mi dispiace farlo. E che dire di un'eventuale positività al Covid-19? Non si sa cosa potrebbe succedere. Però è peccato, perché quest'anno la Swimming League si preannuncia geniale».

Nuotare in vasca corta è un'opzione per un lavoro finalizzato alla competizione? «La detesto (ride, ndr), ma ci devo passare. Lo devo fare e lo farò».

 

SPORT: Risultati e classifiche

SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
GALLERY
Hockey
17 ore
Zaccheo Dotti: 'Dovremmo riuscire noi a fare il primo gol'
All'Ambrì non sono bastati i passi avanti rispetto a martedì. 'In powerplay o a 5 contro 5 le reti devono arrivare', spiega il difensore biancoblù
Hockey
17 ore
'La 'bolla'? Dovesse ricapitarci, sappiamo cosa ci aspetta'
Per Serge Pelletier l'esperienza degli scorsi giorni non è stata tutta negativa. 'Abbiamo dimostrato che si può tornare subito vincenti'
Gallery
Hockey
18 ore
Il Lugano ricomincia con due punti: Davos k.o. all'overtime
Alla Cornèr Arena Arcobello risolve tutto nel prolungamento, e i bianconeri inaugurano il post-quarantena con una vittoria
Hockey
18 ore
L'Ambrì resiste metà partita ma è costretto ancora alla resa
Seconda sconfitta consecutiva per i biancoblù contro i vodesi, nuovamente trascinati da Malgin e Bertschy. Leventinesi traditi dal power-play
Hockey
20 ore
La Regio League si sgancia: in pausa tutti i dilettanti
In Svizzera si ferma tutto l'hockey non professionistico, dalla MySportsLeague fino ai settori giovanili. 'In un simile contesto proseguire non è più possibile'
CICLISMO
23 ore
Giro, ad Asti successo ceco nella tappa della discordia
La terz'ultima tappa va a Cerny, mentre il vallesano Pellaud è ottavo e Keldermann resta in rosa. Mentre non si spegne la polemica: 'Qualcuno pagherà'
Basket
1 gior
A Nosedo la Sam ospita il temibile Neuchâtel
Massagno in campo domani contro la squadra di Goethals: Gubitosa: ‘Una delle migliori squadre del campionato’
Hockey
1 gior
Riecco le porte chiuse, ma l'hockey continua. 'Così fino al 2'
Nonostante quarantene e nuove restrizioni, come la National League anche la Swiss League andrà avanti lo stesso. 'Seguiamo gli sviluppi con inquietudine'
Calcio
1 gior
Un Lugano 'aggressivo e propositivo', finché si può
In un clima sempre più incerto i bianconeri domani ospitano la capolista San Gallo, che negli ultimi 4 scontri diretti ha rifilato loro ben 12 gol
Calcio
1 gior
Rinviata Winterthur-Chiasso, ‘leoni’ in isolamento
Nel frattempo è stata riscontrata anche la positività di un componente dello staff tecnico dei rossoblù, ma la squadra prosegue gli allenamenti
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile