laRegione
decima-edizione-la-solita-emozione-che-serata
Atletica
15.09.20 - 22:310

Decima edizione, la solita emozione: 'Che serata!'

Del Ponte: 'Ho battuto la Schippers'. Petrucciani: 'Che sensazione correre accanto a Van Niekerk'. Gli organizzatori: 'Che fatica, ma ne è valsa la pena'

Era la sua gara, era la più attesa e la sua vittoria, che il pubblico del Comunale aspettava, è puntualmente arrivata. Ajla Del Ponte si è imposta nei 100 metri della decima edizione del Galà dei Castelli con il tempo di 11’’18 davanti a Kristal Awuah e Amy Hunt. Un risultato, quello dell'atleta valmaggese, cercato e voluto fortemente fin dalle falcate iniziali. «Dal primo passo non volevo più vedere nessuno, e ci sono riuscita - commenta Ajla al termine della sua prova -. Posso ritenermi estremamente soddisfatta, soprattutto perché ho avuto la capacità di rimanere lucida. Ho ricevuto una carica fortissima dal pubblico e questo mi ha aiutato». Una gara di alto livello, resa possibile anche dalla presenza di nomi altisonanti. «Ho saputo solo ieri che Dafne Schippers avrebbe corso i 100 e non i 200. Senza di lei sarebbe stato diverso, mi sarei sentita più 'sola'. Invece, dato che lei mi aveva battuto nelle ultime due gare, stasera ero ancora più determinata a prendermi la rivincita in casa».  

Ottima prova anche per l'altro beniamino del Comunale, Ricky Petrucciani, capace di far registrare il proprio miglior tempo nei 400 metri, percorsi in 46’’15 e chiusi in quarta posizione. «Sono molto contento della mia prova, considerando anche la concorrenza con cui mi sono dovuto misurare - afferma lo sprinter onsernonese -. Sono davvero felice di aver centrato di nuovo il mio record personale qui a Bellinzona. Gli spettatori si sono dimostrati ancora una volta determinanti, soprattutto nell'ultimo rettilineo».

Competere con un recordman a livello mondiale come Wayde Van Niekerk rappresenta un'ottima opportunità di crescita. «A un certo punto l'ho superato e dopo venti metri l'ho visto sfrecciare come un fulmine. Gareggiare contro questi atleti fa capire quanto manchi ancora per giungere al loro livello, anche se mi sento molto più vicino rispetto all'anno scorso. Mi auguro, lavorando, di riuscire ad arrivare sullo stesso piano». Prossimo impegno per Petrucciani i Campionati svizzeri di staffetta in programma per domenica.

Alessandro Lafranchi: 'Raggiunto il top e ci sono le premesse per mantenerlo'

«Siamo contentissimi, è stato uno sforzo enorme ma la soddisfazione è ancora più grande». Sì, il Galà dei Castelli ce l'ha fatta, grazie all'encomiabile lavoro del presidente del comitato organizzatore Alessandro Lafranchi e di tutto il suo team (compresi i circa 150 volontari impegnati allo stadio Comunale), la decima edizione della manifestazione si è rivelata l'ennesima serata di grande atletica all'ombra dei castelli, con tanti saluti al Covid che è solo riuscito a rallentarne la corsa (inizialmente il meeting era in programma lo scorso 25 maggio), ma non a frenarla.

«Quando a maggio abbiamo deciso di rinviarlo e provare a organizzarlo comunque invece che annullarlo come hanno fatto tanti altri meeting, non ci rendevamo bene conto di cosa ci aspettava – prosegue Lafranchi –. Abbiamo dovuto parlare con il Cantone e il Comune di Bellinzona, elaborare il protocollo di protezione, dividere lo stadio in settori, decidere a chi e come distribuire i biglietti e molto altro. Sono tutte cose che prendono tempo ed energie e che si sono sommate alle "solite" incombenze. Però come detto ne è valsa la pena, anche grazie all'eccezionale lavoro di tutti i volontari è stata davvero una bella serata, con grandi risultati e tante emozioni».

A proposito di emozioni, in dieci anni di Galà (la prima edizione nel 2011) il presidente "decano" ne ha vissute parecchie... «Quella più forte me l'ha regalata il 9"97 di Asafa Powell nel 2015, ma ricordo anche la partecipazione di Kemboi nei 3'000 siepi o ancora Lolo Jones nei primi anni e tutti gli altri campioni come la stessa Schippers. Così come è sempre un'emozione particolare ammirare i migliori atleti rossocrociati e i nostri ticinesi, cresciuti costantemente, proprio come il meeting».

Una crescita che ha portato l'appuntamento bellinzonese a un livello tale che alzare ancora l'asticella è quasi impossibile... «Con il budget attuale siamo arrivati al top, più di così è davvero difficile fare. Lo step successivo sarebbe assumere delle figure professionali e professioniste, quindi pagate (a differenza di quanto avviene ora per l'intero comitato, ndr) per occuparsi dell'organizzazione, ma per farlo abbiamo bisogno di un ulteriore innesto di capitali. In ogni caso siamo orgogliosi del livello raggiunto e sarebbe già bello riuscire a mantenerlo, magari – ma le premesse ci sono tutte – per altri dieci anni».

SPORT: Risultati e classifiche

SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
7 ore
Genoa, anche Behrami tra i positivi al Covid-19
C'è anche il suo nome nella lista aggiornata dei giocatori del club ligure che hanno contratto il virus
Football americano
8 ore
Primo rinvio causa coronavirus in Nfl
Dopo l'annuncio della positività di otto persone (tre giocatori e cinque membri dello staff) dei Titans, salta la partita con gli Steelers
Hockey
9 ore
Il Lugano riparte dalla Cornèr Arena e contro lo Zurigo
La stagione dei bianconeri inizierà domani sera in casa contro i Lions. Chiesa: 'Un’ottima prova per valutare il nostro livello'
Hockey
11 ore
È l'unione a far decollare i Razzi ticinesi
Nonostante le incognite legate alla situazione sanitaria i Rockets si apprestano fiduciosi a iniziare (venerdì) la loro quinta stagione in Swiss League
Ciclismo
13 ore
Marc Hirschi inarrestabile, sua la Freccia Vallone
Fresco del bronzo mondiale, il 22enne bernese della Sunweb ha conquistato allo sprint una delle classiche delle Ardenne
Hockey
13 ore
'Questo è tutto un altro Ambrì di quello che avevo lasciato'
Quattro anni dopo aver salutato la Leventina, Daniele Grassi torna alla Valascia. E si pregusta il 'derby' personale contro il Berna
Tennis
14 ore
Roland Garros, Wawrinka promosso al terzo turno
Il vodese ha concesso un set (il terzo) al tedesco Dominik Koepfer, sconfitto però con un eloquente 6-3 6-2 3-6 6-1
Tennis
16 ore
Il Roland Garros di Serena Williams è già finito
I dolori a un tendine d'Achille hanno costretto la 39enne statunitense a dichiarare forfait prima del secondo turno contro la bulgara Pironkova
MOUNTAIN BIKE
23 ore
Tre titoli in tre settimane, Filippo Colombo è pronto
Coppa del mondo, Mondiali ed Europei (al Monte Ceneri) in breve successione. Il ticinese del Team Absalon: 'Ci mancano i punti di riferimento'
TENNIS
1 gior
Roland Garros, Verdasco vuol essere risarcito
Escluso da Parigi dopo essere stato trovato positivo al Covid, lo spagnolo è indignato per la controprova negata. 'Una mancanza di rispetto'
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile