laRegione
Lugano
2
S.Gallo
3
2. tempo
(1-2)
Verso un anno di transizione (Ti-Press)
Basket
31.05.20 - 08:000

Mille incognite sotto le plance per la Sam

Aspettando le direttive della Federazione, Robbi Gubitosa tratteggia quello che sarà il futuro del Massagno

Malgrado la pandemia che gli ha tolto la possibilità di vincere qualcosa con il suo Massagno - perché lo scorso campionato la squadra era da top-3 -, Robbi Gubitosa è un allenatore sereno. E quando, dopo anni a costruire, ti ritrovi con le ali tarpate da fattori extrasportivi, il rammarico è lecito. Il campo aveva detto che la Spinelli era stata costruita bene e, al netto degli infortuni, in grado di giocarsela sino alla fine. Ora si tratta di guardare avanti, anche se le incognite rimangono alla base di qualsiasi discorso. «Non sappiamo niente e non si possono ipotizzare strategie e date, come è logico che sia in questo momento. Giustamente siamo tutti concentrati sull’aspetto della salute e quindi va bene così», sottolinea il tecnico della Sam. Nulla però impedisce di fare ipotesi... «Su questo piano, la società punta a una stagione di transizione. Abbiamo già confermato tutti i nostri giocatori svizzeri e avremo anche il recupero di Grüninger a tempo pieno. Quindi siamo orientati per avere uno o due stranieri, considerando comunque Slokar uno straniero per modo di dire, visto che vive qui».

Favorevole all’abolizione del 3+1? «Certamente. Non ha senso pagare quattro giocatori per averne tre in campo. O tre o quattro, anche se egoisticamente a me andrebbero bene anche solo due stranieri. Ma ovviamente il basket ha chiare esigenze e gli stessi sponsor sono più disposti quando si garantiscono visibilità e spettacolo». Una soluzione autarchica, diciamo così; dettata in particolare dalle incertezze? «Bisogna chiedersi chi sarà ancora disposto a investire cifre importanti quando non si sa nulla del futuro: non è chiaro, a tutt’oggi, se la stagione avrà inizio a ottobre o se avrà altre date, ma la società non può aspettare la fine di settembre per essere assemblata. Occorre quindi che Swiss Basket prenda delle decisioni nelle prossime settimane e formuli alcune ipotesi, oltre a definire il numero degli stranieri e la formula del campionato. Tutte incognite che pesano parecchio sulle strategie di un club».

Nonostante ciò, il mercato degli svizzeri ha già avuto alcuni scambi importanti... «È vero, ma riguarda due squadre: Ginevra e Olympic, le due società che hanno i maggiori mezzi finanziari. E, qui, non si parla dei soli svizzeri: è probabile che Touré si trasferisca in riva al Lemano (così come fatto da Jurkewiecz, lasciate le sponde della Sarine). Il Friborgo, dal canto suo, è intenzionato a confermare Aw che, con l’arrivo di Cotture, comporrà la coppia degli svizzeri più forte sotto le plance. Ma queste due società, con questo continuo scambio dei pezzi grossi svizzeri, sono anche quelle che hanno fatto lievitare i costi degli svizzeri stessi, in pratica escludendo dal mercato quasi tutte le altre avversarie. Forse solo il Neuchâtel ha i mezzi per contrastarle, ma tutte le altre, noi compresi, certamente no».

Assicurandovi i fratelli Mladjan la scorsa stagione, voi siete fuori dal giro? «Certamente, questo è un aspetto importante in più, e recuperando Grüninger abbiamo un’ulteriore rotazione di spessore. Si tratterà quindi di capire che scelte saranno fatte dalla Federazione e anche dalle altre società, ma ribadisco la nostra volontà di iniziare la stagione con non più di due stranieri». Ciò significa che il vostro mercato varierà a dipendenza dei risultati? «Dipenderà anzitutto dalle possibilità finanziarie: in seconda battuta si tratterà di capire come e in che modo aumentare il tasso tecnico per rapporto agli obiettivi prefissati». Ci sarà un mercato stranieri diverso? «La pandemia lascerà il segno anche in questo ambito, per cui si dovrà capire in quanti saranno sul mercato e a quali prezzi: è indubbio che si troveranno stranieri che costeranno la metà o un terzo dei migliori svizzeri, come sempre del resto. Chi pescherà bene sarà vincente senza fare follie».

Niente pubblico, niente stimoli

Avrebbe senso giocare a spalti vuoti? «Sarebbe un’assurdità: dato per scontato che non sono le entrate a farci ingrossare a dismisura gli incassi, considerata una frequenza molto modesta sulla media della stagione, giocare senza pubblico è come fare le amichevoli, proprio perché i giocatori devono avere il massimo degli stimoli e questi si trovano solo se c’è qualcuno che te li dà: non per nulla si afferma sempre che il pubblico, in certe sfide, è né più né meno il sesto uomo. Quindi, senza pubblico non avrebbe alcun senso giocare, e spero che a nessuno venga a farci simili assurde proposte».

Estate in stand by? «Forzatamente: non è il caso di fare voli pindarici o crearci fase illusioni. Noi abbiamo chiarezza sul nostro punto di partenza e poi vedremo se le varie indicazioni che arriveranno ci daranno degli input differenti. Per ora, tanta prudenza e rispetto per tutti e, una volta tornata la normalità, sempre che torni, molte cose si adegueranno».

SPORT: Risultati e classifiche

SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Atletica
6 min
Del Ponte e compagne tornano a volare al Letzigrund
A Zurigo la ticinese con Kambundji e Dietsche seconde nella 3x100 m degli Inspiration Games. La bernese anche terza nei 150 m, Sprunger seconda nei 300 h.
Hockey
1 ora
Ticino Rockets verso il decollo con rinnovato entusiasmo
La compagine di Swiss League, che tornerà sul ghiaccio il 3 agosto, conferma Sébastien Reuille e annuncia il ritorno dell'ex capitano Colin Fontana
CALCIO
2 ore
Lugano, esordio di Daniel Pavlovic
Per affrontare il San Gallo Maurzio Jacobacci deve fare a meno dell'indisponibile Fabio Daprelà. In attacco la coppia Janga - Gerndt
Atletica
4 ore
Con gli italiani il livello si alza e fioccano i primati
Successo per la serata di Bellinzona, con diversi record personali in un meeting organizzato dalla Sab arricchito dalla presenza di atleti della Penisola
SCI
5 ore
Di nuovo sulla neve tra sorrisi e speranze
Gli atleti rossocrociati di slalom e gigante si sono ritrovati sul ghiacciaio di Zermatt. Tanguy Nef: 'Finalmente un'estate intera di allenamento'
CALCIO
9 ore
Torna l'Europa, domani il sorteggio della Final 8
Inedito finale per Champions (dal 12 al 23 agosto a Lisbona) e Europa League (dal 10 al 21 agosto in Gemania). Basilea a un passo dai quarti
CICLISMO
9 ore
Dal 2021 Chris Froome vestirà la maglia della Israel Start-Up Nation
La Ineos non prolungherà il contratto, in scadenza a dicembre, con il quattro volte vincitore del Tour de France. Il quale ha subito trovato una nuova sistemazione
Altri sport
23 ore
La Federazione svizzera di ginnastica sospende Felix Stingelin
Dopo le accuse di maltrattamenti, mobbing e insulti la federazione ha deciso di sospendere il responsabile dello sport d’élite
Tennis
23 ore
Hüsler e In-Albon conquistano il torneo di Cadro
Si è chiuso dopo dieci giorni di partite lo Swiss Master organizzato dal tennista di casa Luca Margaroli. Tra le donne fuori in semifinale la ticinese Bandecchi
Calcio
1 gior
Il Lugano è pronto a difendere il suo fortino dal San Gallo
Domani i bianconeri ricevono il leader virtuale del campionato (1 punto in meno dall'Yb ma con una partita in meno) a Cornaredo, dove sono imbattuti da 7 partite
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile