laRegione
15.12.21 - 10:36
Aggiornamento: 15:55

Tendenze Google, Sommer il più ‘cercato’ in Svizzera nel 2021

Pubblicato il report annuale: nelle ricerche a livello mondiale poca pandemia e tanto cricket. Ma mai come nel 2021 si è chiesto a Google ‘come guarire’

tendenze-google-sommer-il-piu-cercato-in-svizzera-nel-2021
Keystone

Il coronavirus nel 2021 non è stato, per la popolazione mondiale, la principale fonte di domande a cui trovare risposta sul web, almeno stando al report annuale di Google “Year in Search” sulle tendenze principali di ricerca nel 2021. Gli utenti di internet a livello globale, infatti, hanno concentrato le proprie ricerche su un argomento la cui portata, probabilmente, è poco evidente alle nostre latitudini ma che coinvolge, numericamente, milioni di persone nel mondo: il cricket. Infatti, fra i “top trend”, ovvero gli argomenti che hanno avuto il maggior incremento nelle ricerche in un anno (ma, attenzione, non le parole più cercate in termini assoluti), ai primi due posti troviamo “Australia vs India” e “India vs England”, ovvero due dei match più importanti dell’anno giocati dalla fortissima Nazionale indiana: risultato che, senza dubbio, riflette anche l’enorme influenza del bacino di utenti web indiano, composto da centinaia di milioni di persone, visto che al terzo posto della classifica troviamo poi “Ipl”, ovvero l’Indian Premier League, la lega principale di cricket del Paese. “Euro 2021W si piazza solo al quinto posto, preceduto da “Nba”: la Top Ten, nettamente orientata allo sport, è completata da Copa América (calcio), ancora cricket con India vs Australia e T20 World Cup (la Coppa del mondo di cricket). Solo al nono e decimo posto troviamo termini di altro ambito con “Squid Game”, la popolarissima serie coreana di Netflix, al nono posto e a chiudere “Dmx”, il rapper morto in aprile per un attacco di cuore provocato probabilmente da un’overdose.

È invece nelle ricerche degli “How-To”, ovvero del “come fare a...” che la pandemia ritorna a far capolino, con un aspetto, potremmo dire, più “esistenziale” che medico: “Quest’anno, il mondo ha cercato ‘come guarire’ come mai prima d’ora”, dichiara Google nel suo Popup Magazine. Stesso discorso per “come confortare qualcuno” e “come chiedere aiuto”, che hanno raggiunto il loro massimo volume di ricerca da sempre. Ciò che è confermato anche dalle ricerche sulla sanità mentale in generale, anche queste ai loro massimi livelli da quando esiste il motore di ricerca. “Volontario per la vaccinazione” è invece il termine più cercato a livello mondiale per quanto riguarda le opportunità di volontariato.

Cosa cercano gli svizzeri su Google?

In Svizzera, invece, l’Europeo di calcio è stato al centro delle ricerche su Google, con “Euro 2021” al primo posto delle tendenze di ricerca, seguito da Corona Schweiz, e nuovamente da ricerche di ambito sportivo come “Champions League”: “Squid Game” si piazza al sesto posto, mentre a chiudere la Top Ten è Christian Eriksen, il calciatore danese vittima di un malore durante gli Europei e il cui nome compare al primo posto delle ricerche per quanto riguarda le personalità internazionali. A dominare invece la classifica dei personaggi svizzeri più di tendenza su Google è la Nati: 9 posti su 10 sono infatti occupati da giocatori rossocrociati, con il portierone Yann Sommer in testa seguito da Xherdan Shaqiri e dalla campionessa olimpica Belinda Bencic.

A Google, poi, vengono spesso poste anche delle domande dirette a cui l’intelligenza artificiale del motore di ricerca fornisce dei link in cui trovare le risposte: qui è il coronavirus a detenere il primo posto fra i quesiti posti (tutti in lingua tedesca) con “quanto dura un tampone PCR”, seguito da una domanda che potrebbe gettare qualche ombra sulla conoscenza del nostro Paese da parte dei suoi cittadini: “Quanti cantoni ha la Svizzera”. Dopo il dubbio geografico, però, rispunta ancora la pandemia con il quesito “quanto dura il coronavirus”.

Il motore di ricerca di Mountain View è usato anche per risolvere dei dubbi, non proprio esistenziali ma senz’altro di vita comune: “Cosa cucino oggi?” è infatti la domanda posta dal maggior numero di utenti in Svizzera, seguita da “cosa fare se si ha una cistite” e da “cos’è Hollywood”. Infine, nella categoria “do-it-yourself”, ovvero le guide e tutorial per imparare a fare qualcosa, domina la cucina, con “preparare il gelato da soli” seguito da “preparare i ravioli in casa” e “fare le patatine fritte in casa”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Tecnologia
TECNOLOGIA
1 sett
L’essere umano sempre al centro
L’intelligenza artificiale a 25 anni dalla prima sfida vinta da un computer contro un campione del mondo di scacchi
Tecnologia
2 sett
Facebook, via dai profili preferenze religiose e politiche
Dal primo dicembre il social cambia in favore della privacy
Tecnologia
2 sett
Musk riammette Trump su Twitter, ma lui resta su Truth
Il nuovo patron del social network ha riattivato l’account dell’ex presidente Usa dopo un sondaggio fra gli utenti
Tecnologia
2 sett
Mentre Twitter e Meta licenziano, TikTok continua ad assumere
La piattaforma cinese è impegnata in un piano triennale di reclutamento di circa 3’000 ingegneri nelle sue sedi in tutto il mondo
Tecnologia
1 mese
Google parlerà tutte le lingue, pure quelle delle... catastrofi
Sono i tre passi avanti del motore di ricerca fra i più utilizzati al mondo: dall’inclusione alle allerte a una maggiore risoluzione dei video
Social
1 mese
Instagram nel caos, profili sospesi e followers spariti
Diversi utenti hanno segnalato la sospensione dei propri account e la perdita dei followers
TECNOLOGIA
1 mese
L’informatica per il benessere
I sistemi informatici possono migliorare non solo la produttività, ma anche il benessere delle persone
Tecnologia
1 mese
Dopo il down mondiale, WhatsApp torna a funzionare
I messaggi stanno ripartendo dopo l’interruzione di un paio d’ore di questa mattina
Tecnologia
1 mese
Whatsapp non funziona: impossibile inviare e ricevere messaggi
La popolare app di chat è in down dalle 8.45 circa. Ignote le cause e la durata del disservizio
Tecnologia
1 mese
Con il 2024 stesso caricabatterie per tutti i telefonini
Dalla primavera 2026, l’obbligo fra gli Stati membri dell’Unione europea si estenderà ai computer portatili
© Regiopress, All rights reserved