laRegione
la-miopia-nei-bimbi-e-favorita-dagli-smartphone
‘Per lunghi periodi ininterrotti e a distanze di visualizzazione inferiori rispetto ai libri’
15.10.21 - 13:48
Aggiornamento : 14:12

La miopia nei bimbi è favorita dagli smartphone

Ben 33 studi ne confermano l’insorgenza precoce: ‘Metà della popolazione mondiale ne soffrirà entro il 2050’

La miopia insorge sempre più precocemente e va di pari passo con un maggior utilizzo, sin da piccoli, di smartphone e tablet. A togliere gli ultimi dubbi su come la vista dei bambini sia negativamente influenzata dai ‘digital device’, di cui in pandemia si è fatto largo uso, è una analisi comparativa di 33 studi, pubblicata sulla rivista Lancet Digital Health.

“La miopia è in aumento in tutto il mondo, e la metà della popolazione mondiale ne soffrirà entro il 2050”. Questa tendenza, scrivono gli autori, “è stata accompagnata da una riduzione dell’età d’insorgenza, un’accelerazione del tasso di progressione, che preannunciano un aumento del carico globale di miopia elevata e delle sue complicanze nei prossimi decenni”. È probabile “che l’epidemia di miopia sia guidata dall’esposizione a fattori di rischio durante l’infanzia, presenti in società sempre più urbanizzate”, come “il tempo insufficiente trascorso all’aperto e il troppo tempo dedicato alle attività che impongono una messa a fuoco da vicino”.

Attraverso una ricerca sulla letteratura scientifica, i ricercatori dell’Università di Melbourne e della National University of Singapore, hanno identificato 3’325 articoli, di cui 33 sono stati inclusi nella revisione sistematica, anche se molto eterogenei fra loro in base alla dimensione del campione (tra 155 e 19’934 persone), e all’età media dei partecipanti (3-16 anni). Il tempo di visualizzazione del dispositivo era significativamente associato a un rischio del 30% di sviluppare miopia, che saliva all’80% se veniva utilizzato spesso anche il pc.

I bambini, spiegano i ricercatori, “utilizzano smartphone e tablet per lunghi periodi ininterrotti e a distanze di visualizzazione inferiori rispetto ai libri”. Questi risultati sono ancor più importanti perché “arrivano dopo che milioni di bimbi in tutto il mondo hanno trascorso gran parte delle loro giornate svolgendo didattica a distanza a causa della chiusura delle scuole durante la pandemia”, commenta uno degli autori, Rupert Bourne, professore di oftalmologia presso l’Anglia Ruskin University.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bimbi miopia smartphone
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Tecnologia
Tecnologia
10 ore
‘Digita il codice...’: arriva un’altra truffa su WhatsApp
Una semplice procedura consente ai malintenzionati di ‘rubare’ l’account sfruttando i codici per l’inoltro chiamata e sms se il numero è occupato
TECNOLOGIA
4 gior
La tecnologia dietro un farmaco
Le simulazioni al computer sempre più cruciali per individuare e testare i medicinali
Tecnologia
5 gior
Attacchi informatici, il pericolo emergente sono i cryware
Si tratta di una forma di offensiva che prende di mira i portafogli di criptovalute
Tecnologia
1 sett
Facebook, in 3 mesi interventi su 1,8 miliardi di contenuti spam
In aumento anche gli interventi su contenuti di violenza, 21,7 milioni in un trimestre rispetto ai 12,4 milioni del trimestre precedente
Tecnologia
4 sett
Pubblicità ovunque, anche negli ‘Shorts’ di YouTube
La piattaforma sta sperimentando banner anche nel formato di video brevi
Tecnologia
1 mese
TikTok è l’app più scaricata da inizio 2022, Twitter sedicesima
Il social network della cinese ByteDance ha superato quota 3,5 miliardi di download nel mondo. Seguono a distanza Instagram, Facebook, WhatsApp e Telegram
TECNOLOGIA
1 mese
Automatizzazione ad ogni costo?
L’ingegneria informatica davanti alla sfida tecnologica ed etica della sua pervasività
Tecnologia
1 mese
Meno chat e più social: WhatsApp lancia Community
La nuova funzione permetterà di riunire un insieme di gruppi con simili interessi in un unico canale in cui gli amministratori possono inviare messaggi
Tecnologia
2 mesi
Internet Explorer va definitivamente in pensione fra tre mesi
Il popolare browser di Microsoft dal 15 giugno verrà sostituito, dove ancora impiegato, dal successore Edge, che resta tuttavia ancora poco utilizzato
TECNOLOGIA
2 mesi
Il metaverso, sogno oppure incubo?
Con la rubrica a cura dell’USI uno sguardo critico sul futuro preconizzato da Mark and friends
© Regiopress, All rights reserved