laRegione
15.10.21 - 13:48
Aggiornamento: 14:12

La miopia nei bimbi è favorita dagli smartphone

Ben 33 studi ne confermano l’insorgenza precoce: ‘Metà della popolazione mondiale ne soffrirà entro il 2050’

la-miopia-nei-bimbi-e-favorita-dagli-smartphone
‘Per lunghi periodi ininterrotti e a distanze di visualizzazione inferiori rispetto ai libri’

La miopia insorge sempre più precocemente e va di pari passo con un maggior utilizzo, sin da piccoli, di smartphone e tablet. A togliere gli ultimi dubbi su come la vista dei bambini sia negativamente influenzata dai ‘digital device’, di cui in pandemia si è fatto largo uso, è una analisi comparativa di 33 studi, pubblicata sulla rivista Lancet Digital Health.

“La miopia è in aumento in tutto il mondo, e la metà della popolazione mondiale ne soffrirà entro il 2050”. Questa tendenza, scrivono gli autori, “è stata accompagnata da una riduzione dell’età d’insorgenza, un’accelerazione del tasso di progressione, che preannunciano un aumento del carico globale di miopia elevata e delle sue complicanze nei prossimi decenni”. È probabile “che l’epidemia di miopia sia guidata dall’esposizione a fattori di rischio durante l’infanzia, presenti in società sempre più urbanizzate”, come “il tempo insufficiente trascorso all’aperto e il troppo tempo dedicato alle attività che impongono una messa a fuoco da vicino”.

Attraverso una ricerca sulla letteratura scientifica, i ricercatori dell’Università di Melbourne e della National University of Singapore, hanno identificato 3’325 articoli, di cui 33 sono stati inclusi nella revisione sistematica, anche se molto eterogenei fra loro in base alla dimensione del campione (tra 155 e 19’934 persone), e all’età media dei partecipanti (3-16 anni). Il tempo di visualizzazione del dispositivo era significativamente associato a un rischio del 30% di sviluppare miopia, che saliva all’80% se veniva utilizzato spesso anche il pc.

I bambini, spiegano i ricercatori, “utilizzano smartphone e tablet per lunghi periodi ininterrotti e a distanze di visualizzazione inferiori rispetto ai libri”. Questi risultati sono ancor più importanti perché “arrivano dopo che milioni di bimbi in tutto il mondo hanno trascorso gran parte delle loro giornate svolgendo didattica a distanza a causa della chiusura delle scuole durante la pandemia”, commenta uno degli autori, Rupert Bourne, professore di oftalmologia presso l’Anglia Ruskin University.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Tecnologia
Tecnologia
6 ore
Va usato diversamente! Tecnologie e usi inattesi
Le Big Tech sono in difficoltà anche perché gli utenti non sempre si comportano come le aziende sperano. Come spesso accade.
TECNOLOGIA
4 sett
Tecnologia: un’alleata, non una nemica
Prudenza e regole, ma non sprechiamo l’immenso potenziale che il digitale offre all’educazione e alla crescita
Tecnologia
1 mese
L’ondata Covid in Cina? Una minaccia per Apple
Gli analisti temono per il trimestre in corso un calo dei ricavi sotto i 123,9 miliardi di dollari dello scorso anno
Tecnologia
1 mese
Twitter, nuove regole per bloccare l’incitamento all’odio
Il social annuncia che i tweet con parole vietate o di incitamento all’odio verranno valutati in base al contesto e penalizzati nella diffusione
Tecnologia
1 mese
Twitter avvia da domani gli abbonamenti premium
Da domani con 8 dollari al mese (11 su iPhone) sarà possibile ottenere la famosa (o famigerata) spunta blu e modificare i tweet già pubblicati
TECNOLOGIA
2 mesi
L’essere umano sempre al centro
L’intelligenza artificiale a 25 anni dalla prima sfida vinta da un computer contro un campione del mondo di scacchi
Tecnologia
2 mesi
Facebook, via dai profili preferenze religiose e politiche
Dal primo dicembre il social cambia in favore della privacy
Tecnologia
2 mesi
Musk riammette Trump su Twitter, ma lui resta su Truth
Il nuovo patron del social network ha riattivato l’account dell’ex presidente Usa dopo un sondaggio fra gli utenti
Tecnologia
2 mesi
Mentre Twitter e Meta licenziano, TikTok continua ad assumere
La piattaforma cinese è impegnata in un piano triennale di reclutamento di circa 3’000 ingegneri nelle sue sedi in tutto il mondo
Tecnologia
2 mesi
Google parlerà tutte le lingue, pure quelle delle... catastrofi
Sono i tre passi avanti del motore di ricerca fra i più utilizzati al mondo: dall’inclusione alle allerte a una maggiore risoluzione dei video
© Regiopress, All rights reserved