laRegione
facebook-chiude-un-occhio-per-i-vip
(Keystone)
14.09.21 - 07:36
Aggiornamento: 11:16
Ats, a cura de laRegione

Facebook chiude un occhio per i Vip

Secondo un’inchiesta del Wall Street Journal, la società ha creato un programma che esenta le celebrità dal rispetto degli standard di comportamento sul social

Mark Zuckerberg ha affermato pubblicamente che Facebook consente ai suoi oltre tre miliardi di utenti di parlare sullo stesso piano delle élite della politica, della cultura e del giornalismo e che i suoi standard di comportamento si applicano indistintamente a tutti.

Ma il Wall Street Journal rivela che non è così e che in privato la società ha creato un programma, “Xcheck”, che esenta milioni di celebrità da alcune o da tutte le regole, un privilegio di cui molti abusano.

Il programma, spiega il quotidiano, era inteso inizialmente come strumento di controllo di qualità per azioni prese contro account di alto profilo ma sino allo scorso anno proteggeva almeno 5,8 milioni di Vip dall‘applicazione delle contromisure di Fb. Alcuni utenti sono in una ’white list’, che li rende immuni dalle azioni della compagnia, mentre ad altri è consentito postare materiale che viola le norme in attesa di un esame dei dipendenti Fb che spesso non arriva mai.

A volte, secondo i documenti visionati dal Wsj, XCheck ha protetto figure pubbliche i cui post contenevano molestie o incitamento alla violenza, come nel 2019 quando fu consentito alla star del calcio Neymar di mostrare a decine di milioni di fan foto di una donna nuda che lo accusava di stupro, prima che il contenuto fosse rimosso da Facebook.

“Non stiamo facendo davvero quello che diciamo di fare pubblicamente", ammette uno studio confidenziale, definendo le azioni della società una “rottura di fiducia” e ammonendo che "a differenza del resto della nostra comunità, queste persone possono violare i nostri standard senza alcuna conseguenza”. Nel descrivere il sistema, scrive il Wsj, Fb ha fuorviato non solo l’opinione pubblica ma anche il suo Oversight Board, un organismo che la piattaforma social ha creato per garantire la responsabilità della compagnia nel far rispettare le sue regole.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
facebook wall street journal
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Tecnologia
Tecnologia
2 gior
L’ingegneria degli anticorpi
Costruire anticorpi su misura per combattere ogni tipo di virus. Un lavoro di collaborazione tra tecnologia e ingegneria
Tecnologia
3 sett
Mercedes richiama un milione di auto per problemi ai freni
Si tratta di modelli risalenti agli anni dal 2004 al 2015 delle serie ML e GL SUV, nonché della monovolume di lusso Classe R
Tecnologia
1 mese
I Pink Floyd sbarcano su TikTok
I brani della storica band potranno essere usati per la creazione di video sulla piattaforma. Il gruppo userà il social per postare contenuti video unici
Tecnologia
1 mese
‘Digita il codice...’: arriva un’altra truffa su WhatsApp
Una semplice procedura consente ai malintenzionati di ‘rubare’ l’account sfruttando i codici per l’inoltro chiamata e sms se il numero è occupato
TECNOLOGIA
1 mese
La tecnologia dietro un farmaco
Le simulazioni al computer sempre più cruciali per individuare e testare i medicinali
Tecnologia
1 mese
Attacchi informatici, il pericolo emergente sono i cryware
Si tratta di una forma di offensiva che prende di mira i portafogli di criptovalute
Tecnologia
1 mese
Facebook, in 3 mesi interventi su 1,8 miliardi di contenuti spam
In aumento anche gli interventi su contenuti di violenza, 21,7 milioni in un trimestre rispetto ai 12,4 milioni del trimestre precedente
Tecnologia
2 mesi
Pubblicità ovunque, anche negli ‘Shorts’ di YouTube
La piattaforma sta sperimentando banner anche nel formato di video brevi
Tecnologia
2 mesi
TikTok è l’app più scaricata da inizio 2022, Twitter sedicesima
Il social network della cinese ByteDance ha superato quota 3,5 miliardi di download nel mondo. Seguono a distanza Instagram, Facebook, WhatsApp e Telegram
TECNOLOGIA
2 mesi
Automatizzazione ad ogni costo?
L’ingegneria informatica davanti alla sfida tecnologica ed etica della sua pervasività
© Regiopress, All rights reserved