laRegione
Keystone
Tecnologia
20.12.18 - 16:320

Facebook sui dati ai big della tecnologia: 'Solo col permesso'

Il social network chiarisce: 'Nessuna terza parte poteva leggere messaggi privati senza permesso'

Il giorno dopo l'inchiesta del New York Times che ha raccontato come Facebook abbia dato accesso ai dati degli utenti ai big della tecnologia, la società interviene con nuovi chiarimenti, concentrati sulla funzione messaggi.

Spiega che Spotify, Netflix, Dropbox e Bank of Canada – con cui aveva stretto delle partnership – erano a conoscenza dell'integrazione della funzione di messaggistica di Facebook con i servizi di queste società, per cui era necessario anche un permesso degli utenti.

“Nessuna terza parte – specifica Facebook – poteva leggere messaggi privati senza permesso. Queste funzioni erano sperimentali e sono stati chiuse da circa tre anni”. “Abbiamo lavorato a stretto contatto con quattro partner – aggiunge – per integrare le funzionalità di messaggistica nei loro prodotti in modo che le persone potessero inviare messaggi ai loro amici di Facebook. Queste partnership sono state concordate tramite ampie negoziazioni e documentazione”.

Sul blog ufficiale di Facebook, Ime Archibong, Vice presidente della Product Partnerships della società spiega come queste integrazioni potevano avvenire. “Gli utenti – dice – potevano inviare messaggi ai propri amici su ciò che stavano ascoltando su Spotify o guardando su Netflix, condividere cartelle su Dropbox o ricevere ricevute dai trasferimenti di denaro tramite l'app Royal Bank of Canada. Queste esperienze sono state discusse pubblicamente. Ed erano disponibili solo quando gli utenti effettuavano l'accesso ai servizi con Facebook”.

“Per poter scrivere un messaggio ad un amico di Facebook da Spotify, ad esempio, bisognava fornire a Spotify l''accesso alla scrittura'", aggiunge il manager, specificando che eliminare “un messaggio da Spotify, voleva dire eliminarlo anche da Facebook”. “Nessuna terza parte poteva leggere i messaggi provati ai tuoi amici senza il permesso. In molte notizie è stato scritto che davamo accesso ai partner ai messaggi privati, cosa non corretta“, conclude al società.

Tags
permesso
facebook
messaggi
spotify
accesso
società
utenti
poteva leggere
terza parte
nessuna
TOP NEWS Tecnologia
© Regiopress, All rights reserved