laRegione
14.06.22 - 05:30
Aggiornamento: 17.06.22 - 00:01

Polo sportivo degli eventi, ora è ‘un appalto totale’

Mentre nell’aria si sente già odor di Mondiali di calcio, a Lugano acque agitate per il Pse, ma anche per il concerto di Fabri Fibra

polo-sportivo-degli-eventi-ora-e-un-appalto-totale

Polo sportivo degli eventi, la palla rischia di passare dall’ambito giudiziario. Perché la Hrs Real Estate Sa, società che ha ricevuto mandato di costruire il Pse, ha escluso dai lavori i progettisti Giraudi Radczuweit, cosa che, di fatto, trasforma il tutto in un appalto totale. E cosa contro cui i progettisti sono pronti a battersi per vie legali.

In Commissione ‘Giustizia e diritti’ è ancora tensione alle stelle sulla mancata successione della dimissionaria pp Lanz. Intanto, il pg Andrea Pagani dice a ‘laRegione’: ‘Non chiederò un pp straordinario, ma questo sistema di nomina è al capolinea’.

"Sarebbe troppo ingenuo pensare infatti che i Mondiali siano soltanto una fiera del muscolo e della performance: le implicazioni che orbitano attorno al mondo del pallone vanno ben al di là di questo. Il calcio, specie a certi livelli, non è mai un’isola, è invece sempre emanazione del contesto sociale, storico e politico in cui è inserito". Considerazioni, queste, esternate da Stefano Marelli nel commento odierno. Commento nel quale, oltre ad accennare all’evento che accenderà i riflettori sul Qatar in dicembre, si torna anche a parlare delle recenti prestazioni della nostra Nazionale in Nations League.

Roberto Scarcella ci racconta invece di Tim Van Rijthoven, l’ultimo degli outsider dello sport, vincitore domenica del torneo di Hertogenbosch contro Medvedev dopo 7 anni senza vincere una partita. Ma la lista ei campioni inattesi è lunga. VI ricordate dell’uomo che stese a sorpresa Mike Tyson? E la Danimarca del ’92? E Steven Bradbury?

Il collettivo femminista Io l’8 ogni giorno ha chiesto l’annullamento del concerto di Fabri Fibra a Lugano il prossimo 6 aprile, perché "inneggia e incita alla violenza sulle donne". L’intento delle femministe è provocare una reazione affinché la società si interroghi sulla natura e la pericolosità dei contenuti che vengono promossi negli spazi pubblici.

Buona lettura

Leggi anche:

‘Il Pse? Lo hanno trasformato in appalto totale’

Il pg Pagani: ‘Questo sistema di nomina è al capolinea’

Salvezza possibile in Nations, ma già si pensa ai Mondiali

La sinfonia di Van Rijthoven, l’ultimo degli outsider

Fabri Fibra a Lugano: ‘Si legittima la violenza sulle donne’

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved