laRegione
27.01.22 - 05:30
Aggiornamento: 23:25

Livelli alle Medie, cala il sipario sulla proposta Bertoli

Il Gran Consiglio ticinese boccia la sperimentazione dopo lunga discussione. Nel calcio, invece, a Cornaredo ci si interroga sul nuovo presidente

livelli-alle-medie-cala-il-sipario-sulla-proposta-bertoli

Dopo una lunga e accesa discussione durata oltre tre ore, ieri sera il Gran Consiglio ha bocciato la sperimentazione per superare i livelli in terza media. Con 42 contrari (Plr, Lega, Udc, Mps) e 40 favorevoli (Ppd, Ps, Verdi, Pc, Più donne) cala così il sipario sulla proposta di Manuele Bertoli: ‘Deluso per la scuola’, dice il direttore del Dipartimento educazione, cultura e sport. E la decisione del Gran Consiglio è una sconfitta politica cocente per il direttore del Decs, che negli ultimi anni si è impegnato e speso a più riprese su questo tema.

Nell’edizione ordierna scopriremo pure chi è Philippe Regazzoni, il nuovo presidente dell’Fc Lugano. Una scelta inaspettata ma non per forza sbagliata quella della società calcistica basata a Cornaredo, il cui numero uno d’ora in poi sarà un imprenditore che è attinente di Balerna ma vive nella Goldküste zurighese, non parla italiano e neppure ha particolari legami con il Luganese o con il Ticino, dove non è nemmeno attivo in prima persona a livello professionale, in quanto Ceo di un’azienda legata a una compagnia giapponese leader nel campo della riassicurazione che ha sede a Zurigo

A Bellinzona, invece, sabato Ambrogio Sparagna porterà la sua Orchestra Popolare Italiana al Teatro Sociale – finalmente, viene da dire, visti i rinvii per pandemia – per un concerto a base di ‘gighe’, ’saltarelli’, ’ballarelle’, ’pizziche’, ‘tammurriate’ e seminali tarantelle, parte di quanto recuperato da virtuoso musicista ed etnomusicologo fin nelle viscere della musica tradizionale italiana.

Infine, nella Giornata della Memoria, ricorrenza celebrata ogni anno il 27 gennaio, vi parliamo dell’eccidio dimenticato di Babij Jar, una cava nella campagna circostante Kiev, in Ucraina, luogo di fucilazioni di massa da parte delle truppe naziste, che massacrarono oltre trentatremila ebrei.

Buona lettura.

Leggi anche:

Superamento dei livelli, bocciata la sperimentazione

Manuele Bertoli fiero, solitario y final

Goldküste o Sonnenstube, l’importante è l’Fc Lugano

Ambrogio Sparagna, la taranta come terapia di gruppo

Babij Jar, la Shoah a colpi di fucile

Potrebbe interessarti anche
© Regiopress, All rights reserved