laRegione
Nuova Zelanda
14.12.21 - 10:06
Aggiornamento: 15:59

Pagato da no-vax per farsi vaccinare al posto loro

Fino a 10 dosi in un giorno. È accaduto in Nuova Zelanda, dove per vaccinarsi bastano nome, data di nascita e indirizzo. E nessun documento d’identità

Ats, a cura de laRegione
pagato-da-no-vax-per-farsi-vaccinare-al-posto-loro
Keystone
Moltiplicato per dieci

Un uomo in Nuova Zelanda si sarebbe fatto pagare per ricevere il vaccino anti-Covid al posto di persone no-vax e sarebbe arrivato a farsi iniettare dieci dosi in un solo giorno. È quanto riporta il Guardian riferendo che le autorità sanitarie hanno già aperto un’indagine sulla vicenda.

In Nuova Zelanda, come nella maggior parte del mondo, il vaccino si può prenotare su un sito, in farmacia, presso il proprio medico o presentandosi direttamente nei centri di vaccinazione. La differenza con gli altri Paesi è che bisogna solo fornire nome, data di nascita e indirizzo di residenza ma nessun documento d’identità. Secondo la ricercatrice dell’università di Auckland Helen Petousis-Harris, a parte questioni legali, l’uomo non rischia niente dal punto di vista della salute. “Sappiamo che dosi più elevate di vaccino provocano le solite reazioni scatenate dai vaccini, febbre, mal di testa e dolori. Può darsi che domani questa persona sarà un po’ di cattivo umore”, ha riferito la ricercatrice, raccontando che non è la prima volta che qualcuno si fa pagare per ricevere il vaccino anti-Covid al posto di qualcun altro.

La Nuova Zelanda ha un’alta percentuale di vaccinati e prevede di raggiungere l’obiettivo del 90% della popolazione prima di Natale. Tuttavia c’è una piccola e rumorosa minoranza di no-vax che continua a fare resistenza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Curiosità
Curiosità
5 gior
Il digestivo? Te lo porta Bella, il robot-cameriere
Un po’ attrazione e un po’ supporto al personale in carne e ossa. A Losanna a fare lo slalom tra i tavoli di un ristorante c’è anche lei
Curiosità
5 gior
Trent’anni racchiusi nello spazio di 160 caratteri
Il 3 dicembre 1992 veniva trasmesso il primo Sms della storia. Un servizio sempre memo utilizzato, ma che non dovrebbe sparire
Curiosità
1 sett
Anche quest’anno, è Whamageddon: in fuga da ‘Last Christmas’
È partita ieri la tradizionale ‘sfida’ social che consiste nell’evitare di ascoltare il celebre brano dei Wham per tutto il periodo natalizio
Curiosità
1 sett
Dal forno all’Unesco: la baguette Patrimonio dell’Umanità
Il celebre sfilatino francese, insieme alle competenze artigianali e la cultura a riguardo, è stato inserito nella lista del patrimonio immateriale
Video
Curiosità
1 sett
Madre Natura contro Babbo Natale: ‘Basta consumismo!’
Il servizio postale norvegese Posten ha pubblicato uno spot natalizio che evidenzia l’impatto della stagione dei regali sul cambiamento climatico
Video
Curiosità
1 sett
Mamma scimpanzé si ricongiunge al suo cucciolo
Il piccolo era stato isolato per problemi respiratori. Il video del primo abbraccio fra madre e figlio
Curiosità
2 sett
Scoperto il messaggio in bottiglia più antico del mondo
Il rinvenimento è avvenuto sotto il pavimento d’una casa scozzese. Il foglietto è datato 6 ottobre 1887
Curiosità
2 sett
Suor Cristina lascia la vita consacrata e continua con la musica
L’ex religiosa vinse The Voice Italia nel 2014. Ha duettato con artisti del calibro di Ricky Martin e Kylie Minogue.
Curiosità
2 sett
Cos’hanno in garage i calciatori? Dipende dal ruolo
Analizzate le preferenze di 305 giocatori di 45 Nazionali: gli attaccanti amano le auto veloci, robusti Suv per portieri e difensori
Curiosità
3 sett
Hanno Fifa dei gay? Un bacio in attesa del Qatar
Nuova provocatoria opera di Andrea Villa, lo street artist ribattezzato il Banksy torinese: protagonisti Thierry Henry e Cristiano Ronaldo
© Regiopress, All rights reserved