laRegione
Animali
10.11.21 - 16:48

Le strategie delle api per vivere in città

Per un’estate, i ricercatori hanno allestito hotel per api in aree verdi di Zurigo, Parigi, Anversa, Poznan e Tartu. È emerso che...

Ats, a cura de laRegione
le-strategie-delle-api-per-vivere-in-citta

Un team internazionale guidato dal ticinese Marco Moretti e da Joan Casanelles Abella, entrambi dell’Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (Wsl), ha esaminato di cosa si nutrono quattro specie diverse di api selvatiche in cinque città europee. Dallo studio pubblicato sulla rivista specializzata Journal of Applied Ecology è emerso che gli insetti sviluppano strategie differenti, tutte potenzialmente di successo. Per un’estate intera, i ricercatori hanno allestito degli hotel per le api in aree verdi di Zurigo, Parigi, Anversa (Belgio), Poznan (Polonia) e Tartu (Estonia). In questo modo hanno raccolto complessivamente 464 campioni di pollini, dai quali hanno potuto risalire al nutrimento degli imenotteri.

L’hylaeus communis si è dimostrato essere il meno selettivo: si è nutrito di 81 specie vegetali di 32 diverse famiglie. I ricercatori hanno pure constatato che a seconda della densità urbana esso cambia la propria dieta da pollini erbacei a pollini di alberi. “Ciò dimostra che il mantenimento di una vegetazione variata, soprattutto cespugli e alberi, è decisiva per garantire il nutrimento delle larve delle nostre api selvatiche”. Da studi precedenti era emerso che l’urbanizzazione favorisce le specie più generaliste. Ma ora i ricercatori hanno dimostrato che possono avere successo anche altre strategie. Rispetto all’hylaeus communis, altre specie quali l’osmia cornuta e l’osmia bicornis hanno gusti un po’ più “difficili”: anche loro hanno visitato diverse piante, ma la maggior parte del nettare nei loro nidi proveniva solo da poche. I pollini prediletti provenivano da cespugli e alberi. Il chelostoma florisomne è risultato la specie più schizzinosa; il suo cibo preferito sono fiori come i ranuncoli e i denti di leone. Anche la forte ‘specializzazione’ si è dimostrata un successo quando simili fiori erano molto diffusi nelle città.

Il fatto che le piante fossero indigene o no non è sembrato avere alcuna influenza sui gusti delle api, scrive il Wsl. Più importanti sono risultate caratteristiche come il contenuto nutritivo dei pollini, la forma del fiore e il periodo di fioritura. Le specie di api più generaliste potrebbero quindi perfino approfittare del fatto che nelle città crescono sia piante locali che esotiche.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Curiosità
Video
Curiosità
2 gior
Madre Natura contro Babbo Natale: ‘Basta consumismo!’
Il servizio postale norvegese Posten ha pubblicato uno spot natalizio che evidenzia l’impatto della stagione dei regali sul cambiamento climatico
Video
Curiosità
2 gior
Mamma scimpanzé si ricongiunge al suo cucciolo
Il piccolo era stato isolato per problemi respiratori. Il video del primo abbraccio fra madre e figlio
Curiosità
4 gior
Scoperto il messaggio in bottiglia più antico del mondo
Il rinvenimento è avvenuto sotto il pavimento d’una casa scozzese. Il foglietto è datato 6 ottobre 1887
Curiosità
1 sett
Suor Cristina lascia la vita consacrata e continua con la musica
L’ex religiosa vinse The Voice Italia nel 2014. Ha duettato con artisti del calibro di Ricky Martin e Kylie Minogue.
Curiosità
1 sett
Cos’hanno in garage i calciatori? Dipende dal ruolo
Analizzate le preferenze di 305 giocatori di 45 Nazionali: gli attaccanti amano le auto veloci, robusti Suv per portieri e difensori
Curiosità
1 sett
Hanno Fifa dei gay? Un bacio in attesa del Qatar
Nuova provocatoria opera di Andrea Villa, lo street artist ribattezzato il Banksy torinese: protagonisti Thierry Henry e Cristiano Ronaldo
Curiosità
1 sett
‘Convertito’ da un articolo, restituisce 19 reperti d’arte
L’uomo, un collezionista dell’Illinois, ha deciso di ‘fare la cosa giusta’ dopo aver letto un servizio dedicato al traffico illegale di beni culturali
Curiosità
2 sett
Finalmente un... porto sicuro per Tatoosh
Da due anni sul mercato (al prezzo di 90 milioni di dollari), il superyatch del cofondatore di Microsoft Paul Allen ha trovato un acquirente
Curiosità
2 sett
Designer crea le prime scarpe da tennis per cavalli
L’idea folle è di Marcus Floyd, un artista americano originario del Kentucky. Il nome delle sneaker? Horse Kicks vendute al prezzo di ben 1’200 dollari
Curiosità
3 sett
La madre era la colf, lei acquista la villa milionaria
Una quarantenne californiana, figlia di una donna di servizio, dopo aver fatto carriera quale design influencer compra la casa dei sogni
© Regiopress, All rights reserved