laRegione
Animali
28.10.21 - 10:58
Aggiornamento: 14:54

Ma quale killer, lo squalo bianco attacca l’uomo per errore

Quello del temibile protagonista del film ‘Lo squalo’ è un caso di errore d’identità. I ricercatori della Macquarie University di Sydney ne sono convinti

Ansa, a cura de laRegione
ma-quale-killer-lo-squalo-bianco-attacca-l-uomo-per-errore
‘Quella non è stata opera di un’elica, non è stato un fuoribordo né sono stati gli scogli e nemmeno Jack lo squartatore’

Ricercatori australiani hanno confermato che gli attacchi all’uomo del grande squalo bianco, temibile protagonista del film ‘Lo squalo’, sono quasi certamente un caso di errore d’identità. Il predatore dominante dei mari non è “un killer senza scrupoli”. E una migliore comprensione del perché attacca esseri umani potrà contribuire a ridurre gli attacchi, sostiene la responsabile del progetto, la biologa sensoriale Laura Ryan, della Macquarie University di Sydney. I risultati confermano quindi la teoria che i grandi squali bianchi non cercano attivamente gli umani come preda.

Nella ricerca pubblicata sulla rivista Royal Society Interface, gli studiosi hanno comparato riprese video di nuotatori, di surfisti distesi sulla tavola da ‘paddling’ (pagaiando con le mani), e di foche, dal punto di vista di un grande squalo bianco che guardasse da sotto in acqua. Tenendo conto di cosa uno squalo può vedere quando guarda una persona o una foca sullo sfondo del cielo, gli studiosi hanno concluso che né la silhouette né i movimenti sono indizi sufficienti perché li possa distinguere chiaramente. Inoltre, gli squali sono daltonici e non distinguono i colori.

Come parte dello studio, i ricercatori hanno calcolato l’acutezza visiva degli squali in base alla struttura della retina. E si sono concentrati specificamente sugli animali giovani, responsabili di un’ampia proporzione di attacchi all’uomo. I giovani hanno vista peggiore degli adulti, spiega Ryan. “Quando lo squalo cresce, l’occhio diventa più grande e può vedere con più dettagli”. La studiosa aggiunge che saranno necessarie altre ricerche su altre specie di squali coinvolti in attacchi a umani, come lo squalo toro e lo squalo tigre.

TOP NEWS Curiosità
Curiosità
2 gior
Il principino al compagno: ‘Stai attento, mio papà sarà re’
A rendere noto il divertente aneddoto, Katie Nicholl, firma del Daily Mail, nel suo ultimo libro ‘The New Royals’
Curiosità
4 gior
Gli anziani sempre più a ‘dieta’ di frutta e verdura
Il costo della vita mette a dura prova la terza e la quarta età, costrette a fare i conti con il proprio borsello e il carrello della spesa
Curiosità
5 gior
Il libro esplosivo che scuote la Gran Bretagna
Il 6 ottobre esce ‘Cortigiani, il potere nascosto dietro la Corona’ e già è atteso come l’ultimo scoop che coinvolge la famiglia reale inglese
Curiosità
1 sett
Le scarpe biodegradabili che si sciolgono in mare dopo tre mesi
Merito dei ricercatori dell’Università della California a San Diego e dei nuovi materiali plastici biodegradabili a base di schiume di poliuretano.
Curiosità
1 sett
Un turgoviese campione del mondo di volo in mongolfiera
Il sette volte campione svizzero e cinque volte campione europeo ha battuto un centinaio di concorrenti nella competizione tenutasi in Slovenia
Curiosità
1 sett
I defunti? Verranno trasformati in concime per campi
Non più solo sepoltura o cremazione, con il 2027 in California i morti potranno portare beneficio all’ambiente
Curiosità
1 sett
Dopo tre anni torna il cricket. Ed è subito ressa e... rissa
Caos in India per la prevendita in vista del primo match internazionale previsto il 25 settembre. Sette persone all’ospedale
Curiosità
1 sett
Scopre su Facebook di essere stata scambiata nella culla
La vicenda è venuta alla luce in Puglia dopo una milionaria richiesta di risarcimento da parte di due donne che nel 1989 furono protagoniste di un errore
Curiosità
1 sett
Crea drone rilevatore di mine antiuomo e vince 100mila dollari
Un diciassettenne ucraino ha sbaragliato 7’000 concorrenti arrivati da 150 Paesi: la sua ‘creatura’ sbaglia con un margine di due centimetri
Curiosità
1 sett
Una foto straordinaria? Guarda la ‘rottura’ della cometa
Gerald Rhemann è la vincitrice dell’Astronomy Photographer of the Year, il più grande concorso di astrofotografia al mondo
© Regiopress, All rights reserved