laRegione
Estero
14.10.21 - 13:46
Aggiornamento: 15:09

Non sono le ossa del beato Bertrando, ma quelle di due donne

Delusione tra i fedeli di Fontaniva, Padova: è questo l’esito delle analisi effettuate da esperti dopo la traslazione dei resti

Ats, a cura de laRegione
non-sono-le-ossa-del-beato-bertrando-ma-quelle-di-due-donne
Custodite nell’altare del Duomo, risalivano comunque a un’epoca precedente

Amara sorpresa a Fontaniva, centro della provincia di Padova dove è forte la venerazione del beato Bertrando, pellegrino tedesco vissuto nella seconda metà del XII secolo e patrono della città: le ossa a lui attribuite e custodite nell’altare del Duomo sono risultate di un’epoca precedente e, soprattutto, sarebbero appartenenti a due donne. È questo l’esito delle analisi effettuate da esperti dopo la traslazione dei resti – un cranio e altre ossa – avvenuta a settembre, nell’ambito del Giubileo dedicato al Beato. Le analisi del Dna datano le ossa dal 1030 al 1170, ben prima dell’epoca in cui visse Bertrando, e soprattutto il sesso femminile.

La comunicazione è stata data la scorsa settimana dal parroco del Duomo, don Andrea Mazzon, che però ha confermato la devozione per il beato, al quale il Duomo è stato intitolato già dal 1262 – 40 anni dopo la sua morte – e che contrassegna la cultura, l’identità e molte iniziative di Fontaniva.

Le ossa vennero poste sull’altare del Duomo nel 1423, anno in cui è possibile sia avvenuto lo ‘scambio’ con i resti femminili; secondo gli esperti, le reliquie autentiche potrebbero trovarsi invece nella tomba della famiglia Da Fontaniva, situata in un’altra parte del Duomo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Curiosità
Curiosità
6 gior
Il digestivo? Te lo porta Bella, il robot-cameriere
Un po’ attrazione e un po’ supporto al personale in carne e ossa. A Losanna a fare lo slalom tra i tavoli di un ristorante c’è anche lei
Curiosità
6 gior
Trent’anni racchiusi nello spazio di 160 caratteri
Il 3 dicembre 1992 veniva trasmesso il primo Sms della storia. Un servizio sempre memo utilizzato, ma che non dovrebbe sparire
Curiosità
1 sett
Anche quest’anno, è Whamageddon: in fuga da ‘Last Christmas’
È partita ieri la tradizionale ‘sfida’ social che consiste nell’evitare di ascoltare il celebre brano dei Wham per tutto il periodo natalizio
Curiosità
1 sett
Dal forno all’Unesco: la baguette Patrimonio dell’Umanità
Il celebre sfilatino francese, insieme alle competenze artigianali e la cultura a riguardo, è stato inserito nella lista del patrimonio immateriale
Video
Curiosità
2 sett
Madre Natura contro Babbo Natale: ‘Basta consumismo!’
Il servizio postale norvegese Posten ha pubblicato uno spot natalizio che evidenzia l’impatto della stagione dei regali sul cambiamento climatico
Video
Curiosità
2 sett
Mamma scimpanzé si ricongiunge al suo cucciolo
Il piccolo era stato isolato per problemi respiratori. Il video del primo abbraccio fra madre e figlio
Curiosità
2 sett
Scoperto il messaggio in bottiglia più antico del mondo
Il rinvenimento è avvenuto sotto il pavimento d’una casa scozzese. Il foglietto è datato 6 ottobre 1887
Curiosità
2 sett
Suor Cristina lascia la vita consacrata e continua con la musica
L’ex religiosa vinse The Voice Italia nel 2014. Ha duettato con artisti del calibro di Ricky Martin e Kylie Minogue.
Curiosità
2 sett
Cos’hanno in garage i calciatori? Dipende dal ruolo
Analizzate le preferenze di 305 giocatori di 45 Nazionali: gli attaccanti amano le auto veloci, robusti Suv per portieri e difensori
Curiosità
3 sett
Hanno Fifa dei gay? Un bacio in attesa del Qatar
Nuova provocatoria opera di Andrea Villa, lo street artist ribattezzato il Banksy torinese: protagonisti Thierry Henry e Cristiano Ronaldo
© Regiopress, All rights reserved