laRegione
l-intervista-del-1995-a-lady-d-frutto-di-un-raggiro
Diana Spencer (foto: Ap, Bbc Panorama)
20.05.21 - 16:23
Aggiornamento : 17:23

L'intervista del 1995 a Lady D? Frutto di un raggiro

Per ottenerla, il giornalista Martin Bashir le avrebbe mostrato falsi documenti su fantomatici controlli e iniziative spionistiche attribuite alla famiglia reale

Ats, a cura de laRegione

La storica intervista concessa nel 1995 alla BBC dalla principessa Diana, nella quale Lady D fece clamorose rivelazioni sulla sua crisi matrimoniale con l'erede al trono Carlo, fu frutto di “un inganno” ordito ai suoi danni dal giornalista Martin Bashir. Lo ha stabilito un'inchiesta condotta da lord Dyson, stando alle anticipazioni del rapporto finale. Il raggiro fu realizzato attraverso falsi documenti – mostrati alla stessa Diana e a suo fratello, per alimentarne il risentimento – su fantomatici controlli e iniziative spionistiche attribuite alla famiglia reale nei suoi confronti.

Nel rapporto – al cui giudizio la Bbc, nei suoi vertici attuali e in quelli di allora, ha già fatto sapere di rimettersi completamente – l'emittente pubblica britannica e Bashir (dimessosi di recente dall'azienda dopo un lungo periodo di assenza a causa di una grave malattia) vengono accusati di aver “mancato al dovere di rispettare gli elevati standard d'integrità e competenza” richiesti loro. E si dispone l'obbligo di scuse formali, assieme a quello di riparare per quanto possibile al misfatto.

Al conte Charles Spencer, fratello di Diana e intermediario dell'intervista, furono tra l'altro mostrati documenti bancari “fabbricati” ad arte e destinati a far credere che la corte avesse finanziato le presunte attività spionistiche a danno della consorte infelice dell'erede al trono.

Bashir ha immediatamente reagito con un comunicato in cui esprime rammarico e si cosparge il capo di cenere. Mentre il conte Spencer – che da tempo invocava trasparenza sull'accaduto al pari di William e Harry, i figli di Carlo e Diana – ha anticipato l'uscita del rapporto Dyson pubblicando su Twitter una foto familiare giovanile con la sorella in bianco e nero, corredata da una breve chiosa - “Certi legami vanno molto indietro del tempo” - come a voler rendere omaggio sia a Lady D sia a quest'atto di giustizia, pur tardivo, rispetto alla strumentalizzazione mediatica della sua vicenda.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diana intervista lady d martin bashir
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Curiosità
Animali
1 gior
Il Bärenland dà il benvenuto agli orsi Sam e Jamila
Dopo un viaggio di due giorni dalla Macedonia, i due fratelli di 18 anni sono arrivati ad Arosa (Gr)
Curiosità
2 gior
Figlia di Putin sta con Zelensky, ma non il presidente ucraino
È Igor, è un ballerino ed è stato direttore del Balletto di Monaco
Curiosità
3 gior
La Chaux-de-Fonds capitale del clitoride
Questa domenica la città orologiera si riempirà di eventi in occasione della Giornata internazionale dedicata all’organo femminile
Curiosità
6 gior
Australia: azzannato da un coccodrillo, si libera lottando
L’uomo ha subito ferite al braccio, alle mani e a una gamba e ora si trova in ospedale ‘in condizioni stabili’
Curiosità
1 sett
Ecco le carte da gioco con i generali russi ricercati
L’iniziativa che prende spunto dal mazzo ideato vent’anni fa dagli Stati Uniti in occasione della guerra in Iraq
Curiosità
1 sett
Palla da baseball firmata da Zelensky battuta a 50mila dollari
Il presidente ucraino l’aveva autografata in occasione di una visita a New York nel 2019. Parte del ricavato sarà devoluta ai soccorsi
Curiosità
1 sett
Moleskine come opere d’arte, 75 agendine in mostra a New York
L‘iconico taccuino italiano rivisto attraverso la creatività degli artisti nella ‘Moleskine Detour New York’
Curiosità
2 sett
Presto diremo addio alle password online
Apple, Google e Microsoft uniscono le forze per nuove modalità di autenticazione
Curiosità
3 sett
Disagi tutto l’anno: nuova caserma per le Guardie Svizzere
D‘inverno fredda e umida, d’estate la chiamano ‘California’. Presto una struttura con più comfort e adeguata a ospitare i 135 ‘angeli custodi’ del Papa
Curiosità
3 sett
Dopo quasi quarant’anni le altalene torneranno a Mantova
A seguito di una serie di incidenti, nel 1985 erano state bandite da tutti i parchi giochi del comune. Ora quell’ordinanza è stata revocata
© Regiopress, All rights reserved