laRegione
ecosistema-piu-ricco-con-le-carcasse-delle-prede-dei-lupi
Curiosità
10.09.20 - 16:180

Ecosistema più ricco con le carcasse delle prede dei lupi

Uno studio del Wsl sui terreni del Parco di Yellowstone

Forse non sono belle da vedere, ma le carcasse di animali predati di lupi hanno un'influenza significativa sull'ecosistema. È quanto emerge da uno studio, "unico nel suo genere", condotto da ricercatori dell'Istituto federale di ricerca per la foresta, la neve e il paesaggio (Wsl). Sotto un bisonte, ad esempio, proliferano batteri e funghi ben diversi da quelle dei wapiti, che favoriscono la crescita di piante nettamente più ricche di sostanze nutritive rispetto a quelle presenti accanto alle carcasse.

Un team del Wsl sotto la direzione di Anita Risch, assieme a colleghi americani dell'Università del Minnesota, ha esaminato il terreno del celebre Parco di Yellowstone e in particolare l'ecosistema sotto le carcasse di animali.

Dallo studio è risultato pure che "la varietà microbica sotto le prede è inferiore rispetto a quella del terreno circostante, poiché predominano i microbi specializzati nella decomposizione che soppiantano altri batteri", si legge in una nota odierna.

Non è stato invece possibile misurare i cambiamenti nel tempo delle comunità microbiche. Per motivi di sicurezza, infatti, i ricercatori hanno potuto esaminare soltanto carcasse risalenti a più di 40 giorni prima. In caso contrario, il rischio di incappare in un grizzly sarebbe stato eccessivo, spiega il Wsl nel comunicato.

Secondo Risch, si tratta del primo studio su grande scala condotto in natura che si occupa della composizione delle comunità microbiche sotto le carcasse. "Nell'ambiente, gli animali morti rappresentano, per così dire, delle isole, in corrispondenza delle quali le sostanze nutritive si concentrano e la biodiversità nel suolo cambia", sottolinea Risch, che nel Parco nazionale ha esaminato complessivamente 19 prede di lupi assieme al coautore dello studio Joseph Bump dell'Università del Minnesota.

TOP NEWS Curiosità
Curiosità
3 gior
Vietnam, profilattici usati pronti al... riuso
La polizia vietnamita ne ha sequestrati 320mila. Arrestata una donna, pagata 17 centesimi di dollaro per ogni chilo di merce
Curiosità
2 sett
L'Everest in bicicletta del frontaliere Roberto Pasqualin
Il comasco, autista delle Arl, con la sua bici ha scalato 23 volte il Sighignola: 253 chilometri con un dislivello di 9'300 metri
Curiosità
2 sett
Strappata la camicia a Salvini: 'Me la ricompro, ma il rosario?'
Il leader della Lega oggetto delle 'attenzioni' di una giovane donna in Toscana. Dai primi accertamenti, non si tratterebbe di un gesto programmato.
video
Curiosità
3 sett
Bimba di tre anni prende il volo con aquilone e fa... il giro della rete
È capitato in occasione di un festival nella cittadina di Nanlioao, a Taiwan. La bambina di tre anni rimane impigliata, e ritrova la mamma dopo una trentina di secondi.
Curiosità
1 mese
Il Covid ha rallentato il sovrasfruttamento della Terra
Quest'anno, la data dell'Overshoot Day, quando le risorse prodotte dal pianeta sono esaurite, è arrivata tre settimane in ritardo rispetto al 2019
Curiosità
1 mese
Sorprese dal primo ritratto 3D di un embrione di dinosauro
I piccoli di una specie di titanosauri avevano caratteristiche facciali ben diverse dagli adulti, come un corno usato per uscire dall'uovo
Curiosità
1 mese
Francia, bacchettati i gendarmi anti-topless
Hanno chiesto a delle ragazze a Sainte-Marie-la-Mer, nei Pirenei Orientali, di coprirsi anche se in Francia abbronzarsi a seno nudo è legale
Curiosità
1 mese
I capelli degli australiani contro la marea nera alle Mauritius
A donare la materia prima saranno i parrucchieri. Serviranno a riempire le barriere galleggianti che bloccano la propagazione del greggio.
Curiosità
1 mese
Il camoscio dell’Appennino rischia l’estinzione entro il 2070
Uno studio delle università di Siena e Pavia individua la causa nel riscaldamento globale, che raziona le risorse alimentari
Curiosità
1 mese
Focolaio di Covid-19 in resort nudisti, cento positivi
Allarme in una struttura sulla costa mediterranea della Francia. la situazione è definita “preoccupante” dalle autorità sanitarie locali.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile