laRegione
uno-dei-nemici-maggiori-per-i-cetacei-l-uomo
Ap
Curiosità
28.07.20 - 11:190

Uno dei nemici maggiori per i cetacei? L'uomo

Gli animali rimangono in particolare intrappolati nelle reti da pesca oppure ingeriscono plastica

Un quarto dei cetacei spiaggiati lungo le coste italiane negli ultimi anni è morto per cause imputabili all'uomo: soprattutto intrappolamento nelle reti abbandonate o in quelle illegali (come le spadare), ma anche contaminazione da plastica.

Fra le cause naturali, preoccupa la diffusione del virus del morbillo dei cetacei. Lo rivela una ricerca commissionata da Greenpeace all'Università di Padova sulle principali cause di spiaggiamento dei cetacei lungo le coste italiane e diffusa oggi in occasione della Giornata mondiale per la conservazione della natura.

Nei giorni scorsi le spadare hanno intrappolato ben due capodogli al largo delle Eolie. L'84% di questi grandi cetacei spiaggiati tra il 2008 e il 2019 aveva nel proprio stomaco frammenti di plastica, con il ritrovamento straordinario di ben 22 chili in una femmina spiaggiata a Olbia a inizio 2019. La causa sono i grandi teli usati per l'agricoltura, le buste, i filamenti derivati dalla frammentazione della plastica, che si accumulano nei loro stomaci.

Anche se non uccidono i cetacei, li debilitano, alterando la loro funzionalità intestinale, facendoli faticare per nutrirsi e favorendo l'emergere di altre problematiche. Preoccupa i veterinari anche un virus, quello del morbillo dei cetacei, che dopo gravi epidemie di stenelle tra il 1990 e il 2008 sembra adesso riemergere tra diverse specie, soprattutto associato ad altri stress ambientali. Cinque dei sei capodogli spiaggiati nell'estate 2019 sono risultati positivi al virus. Quest'ultimo inoltre sta facendo il "salto di specie" (come il Sars-CoV-2), arrivando a lontre di fiume e foche.
 
 

TOP NEWS Curiosità
Curiosità
1 gior
Scalano il Pizzo Badile: record per due bambini inglesi
L'alpinista Leo Houlding ha scalato la vetta - fra Valtellina e Val Bregaglia - con la moglie Jessica e i piccoli Freya (7 anni) e Jackson (3 anni)
Curiosità
5 gior
Gallo canta all'alba, 166 euro di multa al padrone
Costa cara al suo proprietario l'abitudine di ‘Carlino’. La sindaca del comune del Lodigiano: sanzione ‘inevitabile’, le norme vanno rispettate.
Curiosità
5 gior
Api da miele selvatiche, prima app per censimento
Ideata dalla Fondazione Mach, servirà a raccogliere dati per capire la distribuzione e la sopravvivenza dell'insetto in Europa.
Curiosità
5 gior
Sette aquile Bonelli in Sardegna per ripopolare isola
Provengono dalla Spagna nell'ambito del progetto ‘Aquila a-Life’. Nell'isola si erano estinte probabilmente negli anni Novanta.
Curiosità
5 gior
Tutti i benefici dell'avere un gatto per amico
Antistress e toccasana, affermano numerosi studi. Domani è la giornata mondiale dedicata al felino.
Curiosità
1 sett
Allo Zoo di Zurigo è morto il leopardo delle nevi
Villy aveva 17 anni ed era malato da tempo. Era arrivato nella città sulla Limmat nel 2006 dallo zoo di Tallinn, in Estonia
Curiosità
1 sett
Chi è molto pessimista muore prima
È la conclusione di uno studio australiano. In gioco aspetti biologici, ma anche psicologici, sociali o personali.
Curiosità
1 sett
Ridere è utile contro lo stress, basta un sorriso
Lo affermano ricercatori dell'Università di Basilea. Le donne sorridono più sovente degli uomini.
Curiosità
2 sett
False informazioni Covid: Instagram censura Madonna
Dopo Andrea Bocelli, anche l'ex material girl dice la sua sul virus: 'Il vaccino esiste', e cita la dottoressa Stella Immanuel (quella del Dna alieno...).
Foto e Video
Vaud
2 sett
Un giovane leone allo zoo di Servion
È arrivato oggi Makuti. In agosto il parco zoologico del canton Vaud dovrebbe accogliere anche una leonessa
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile