laRegione
sulle-alpi-e-possibile-avvistare-il-grifone
Il grifone ha un'apertura alare fra i 230 e i 265 cm
Curiosità
16.07.19 - 13:540

Sulle Alpi è possibile avvistare il grifone

Fino a vent'anni fa era un ospite raro, ma grazie alla reintroduzione in Francia, anche in Svizzera è possibile avvistarlo

Gli escursionisti hanno attualmente buone possibilità di osservare dei grifoni nelle Alpi svizzere. Ospiti rari fino a 20 anni fa, i loro avvistamenti estivi sono diventati sempre più numerosi grazie alla reintroduzione in Francia.

L'effettivo di questi rapaci è raddoppiato nelle montagne francesi negli ultimi anni, arrivando a 2'000 coppie. In Svizzera si aggirano una cinquantina di esemplari.

La regione friburghese del Kaiseregg è fra le zone più frequentate da questi uccelli dall'aspetto tipico dell'avvoltoio, si legge in un comunicato della Stazione ornitologica svizzera di Sempach (Lucerna).

Il grifone, con un'apertura alare che arriva a 2,6 metri, è nettamente più grande dell'aquila reale e un po' più piccolo del gipeto barbuto. Questi rapaci cercano il nutrimento in gruppo e vederli volare in circolo tutti insieme è considerato uno spettacolo impressionante.

Una visita al sito Vogelwarte, per saperne di più

Un tempo, quale consumatore di carogne, il grifone non aveva una buona fama. Tuttavia, nella nostra società attuale è in atto un cambiamento e in numerose regioni questo affascinante rapace è di nuovo in aumento.

Per poter penetrare meglio all'interno delle carcasse, il capo e il lungo collo del grifone sono ricoperti solo da una rasa lanugine, mentre il collare di penne alla base del collo impedisce al resto del corpo di sporcarsi.

Gli uccelli perlustrano sistematicamente una regione senza perdere d'occhio i loro conspecifici o altri uccelli alla ricerca di cibo come nibbi, corvi imperiali o capovaccai. In questo modo i grifoni trovano molte carcasse in tempi sorprendentemente brevi anche su terreni accidentati.

TOP NEWS Curiosità
Curiosità
2 gior
Gallo canta all'alba, 166 euro di multa al padrone
Costa cara al suo proprietario l'abitudine di ‘Carlino’. La sindaca del comune del Lodigiano: sanzione ‘inevitabile’, le norme vanno rispettate.
Curiosità
2 gior
Api da miele selvatiche, prima app per censimento
Ideata dalla Fondazione Mach, servirà a raccogliere dati per capire la distribuzione e la sopravvivenza dell'insetto in Europa.
Curiosità
2 gior
Sette aquile Bonelli in Sardegna per ripopolare isola
Provengono dalla Spagna nell'ambito del progetto ‘Aquila a-Life’. Nell'isola si erano estinte probabilmente negli anni Novanta.
Curiosità
2 gior
Tutti i benefici dell'avere un gatto per amico
Antistress e toccasana, affermano numerosi studi. Domani è la giornata mondiale dedicata al felino.
Curiosità
6 gior
Allo Zoo di Zurigo è morto il leopardo delle nevi
Villy aveva 17 anni ed era malato da tempo. Era arrivato nella città sulla Limmat nel 2006 dallo zoo di Tallinn, in Estonia
Curiosità
1 sett
Chi è molto pessimista muore prima
È la conclusione di uno studio australiano. In gioco aspetti biologici, ma anche psicologici, sociali o personali.
Curiosità
1 sett
Ridere è utile contro lo stress, basta un sorriso
Lo affermano ricercatori dell'Università di Basilea. Le donne sorridono più sovente degli uomini.
Curiosità
1 sett
False informazioni Covid: Instagram censura Madonna
Dopo Andrea Bocelli, anche l'ex material girl dice la sua sul virus: 'Il vaccino esiste', e cita la dottoressa Stella Immanuel (quella del Dna alieno...).
Foto e Video
Vaud
1 sett
Un giovane leone allo zoo di Servion
È arrivato oggi Makuti. In agosto il parco zoologico del canton Vaud dovrebbe accogliere anche una leonessa
Curiosità
1 sett
Uno dei nemici maggiori per i cetacei? L'uomo
Gli animali rimangono in particolare intrappolati nelle reti da pesca oppure ingeriscono plastica
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile