laRegione
Sempre se stessa, ma migliore in tutto: la Serie 3 nuova generazione cresce anche nell’armonia di design
Auto e moto
19.07.19 - 06:000

BMW Serie 3

L’ultima generazione della berlina bavarese si inserisce nel solco della tradizione, ma spicca per la maturità di design.

Sette generazioni contribuiscono a confermare la Serie 3 come uno dei capisaldi della marca bavarese, con l’attuale nuova serie, integralmente nuova, all’inizio della commercializzazione. E la 320d xDrive protagonista del test pare anticipare proprio la “buona stella” del modello, permettendo di assaporare con evidenza il salto di qualità. Partendo dal design, con un’immagine al tempo stesso personale, armonica e con proporzioni degne di dimensioni più ariose. Crescono gli ingombri, con 70 mm guadagnati in lunghezza che arriva a ben 4,71 metri; senza contare passo, larghezza e carreggiate, tutti maggiorati. Il nuovo telaio comporta una riduzione di peso con baricentro più basso, maggior rigidità, distribuzione dei pesi ottimale al 50:50 tra i due assali ed aerodinamica più efficiente, con Cx di 0,23; al debutto gli ammortizzatori con tecnologia “lift-related” con differenti valori di smorzamento in base al movimento della ruota, che contribuiscono all’eccellente versatilità tra assorbimento e sportività.
Tutto questo, al volante, offre una percezione diretta: la Serie 3, anche da guidare, è un reale passo avanti. Spicca la notevole armonia di comportamento, passando dalla guida dolce e docile a quella più sportiva e dinamica, che è la “firma” del modello; un equilibrio che accoglie e poi accompagna la marcia sino ai limiti di aderenza. Con un controllo intuitivo e incisivo – la stessa sterzata è piuttosto diretta e sensibile – mette in mostra le grandi doti di telaio: il rollio appare infatti pressoché nullo, assecondando inserimenti in curva particolarmente rapidi, l’appoggio diretto sulle ruote esterne e la sensazione di notevole aderenza, in ogni frangente. Aiuta l’assetto regolabile, anche se l’auto è notevolmente dinamica in comfort pur offrendo un assorbimento di pregio, così come la trazione integrale, resa ulteriormente rapida ed efficace nel distribuire la spinta su ciascuna ruota.
Eccelle il “solito” cambio automatico a otto rapporti, capace di una modalità sportiva mordente, mentre il 2 litri turbodiesel da 190 cv e 400 Nm (da 1’750 giri) sfrutta la doppia turbina per offrire una risposta “elettrica” per reattività, vantando una sonorità rotonda e molto piacevole insieme ad un notevole allungo ai regimi più elevati.
Il telaio della Serie 3 è tuttavia concepito per ben altre potenze, lasciando così desiderare un’ulteriore iniezione di cavalli che la vettura pare chiedere con decisione. La rapidità in accelerazione è in ogni caso notevole, 6,9 secondi da 0 a 100 km/h, mentre i consumi sono molto bassi: nel nostro test su percorso misto, la media è sempre stata al di sotto dei 6 litri/100 km.
Gli ausili attivi di ultima generazione completano al meglio il quadro di questa nuova Serie 3, attraverso un funzionamento dei vari sistemi decisamente avanzato, preciso ed affidabile. Chi desidera vedere davvero lontano anche di notte troverà utili gli esclusivi abbaglianti laser con portata di oltre 500 metri, mentre gli indecisi in manovra potrebbero beneficiare della funzione di ripetizione automatica degli ultimi 50 metri percorsi, questa volta in retromarcia: per non dover fare inversione nei tratti più angusti erroneamente già percorsi. A bordo, lo spazio in più, specie dietro, si traduce in un’abitabilità apprezzabile e ben bilanciata tra le due file di sedili, mentre la postura di guida sportiva, tendenzialmente bassa ed allungata, contribuisce alla sensazione di sportività di marca e modello. Il cruscotto è digitale, seppur non configurabile a piacimento come su altre marche, mentre lo schermo centrale da 10,25” accetta i comandi sia al tatto sia tramite la grande rotella sulla consolle centrale con superficie tattile per inserire più agevolmente le lettere; continua a mancare il protocollo di interfaccia Android, per scelta della Casa. Adeguata alla “missione” anche la cubatura del vano di carico, 480 litri ampliabili abbattendo il divano posteriore, di suo frazionato in tre parti (40/20/40) includendo dunque anche il passaggio centrale per oggetti lunghi; manca però il kit di riparazione sulle versioni con pneumatici runflat, mentre con il ruotino di scorta la capienza effettiva scende a 365 litri.

Scheda Tecnica

Modello BMW Serie 3
Versione 320d xDrive MSport
Motore 4 cilindri, turbodiesel, 2.0 litri
Potenza, coppia 190 cv, 400 Nm
Trazione integrale
Cambio automatico
Massa a vuoto 1’655 kg
0-100 km/h 6,9 secondi
velocità massima 233 km/h
Consumo medio 4,8-4,5 l/100 km (omologato)
Prezzo da 56’250 franchi
La compri se... in una berlina ami la guida incisiva, sportiva ma equilibrata, dal bilanciamento sopraffino
Potrebbe interessarti anche
Tags
serie
litri
km
modello
bmw
guida
metri
bmw serie
telaio
TOP NEWS Auto e moto
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile