laRegione
il-valzerino-di-coltrane-trasfigurazione-del-jazz
John Coltrane con Duke Ellington, anno 1967 (Keystone)
(Aspettando) Generi di conforto
30.04.21 - 12:000

Il 'valzerino' di Coltrane, trasfigurazione del jazz

Dall'archivio di un appassionato di musica, dal 1965 in Belgio, ‘My favourite things’ per tutti i discepoli

Ci sono un prima e un dopo il momento in cui John Coltrane prese questo valzerino, ‘My favorite things’, per trasfigurarlo in uno dei brani cardini del suo repertorio. Come avviene in certi snodi della storia, in questo caso della musica. Anzi, diciamo che John Coltrane trasfigurò il jazz in un prima e un dopo di sé. E i discepoli a bocca aperta a guardare in su, come il giorno che Cristo fece lo stesso con la propria persona. (e.f. - gennaio 2008)

Ogni venerdì, 24 ore prima del podcast, recuperiamo 'pillole' dell'Erminio Ferrari appassionato di musica contenute in 'Generi di conforto', rubrica apparsa su laRegione Ticino tra il 2007 e il 2009 e dalla quale il podcast prende il nome.

Come, dove, quando

Scritta nel 1959, esplosa come Christmas Song, ‘My Favorite Things’ è un brano composto da Richard Rodgers e Oscar Hammerstein II per il musical ‘The Sound of Music’ (in italiano, ‘Tutti insieme appassionatamente’). La mutazione in standard del jazz si deve al sassofonista John Coltrane, che ne fece il proprio cavallo di battaglia agli inizi degli anni sessanta. Affezionato al brano, scevro dalle implicazioni commerciali da musical hollywoodiano dello stesso, Coltrane arrivò a dichiarare: «Credono che sia una mia composizione, ma non lo è. Comunque vorrei tanto averla scritta io».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS (Aspettando) Generi di conforto
(Aspettando) Generi di conforto
1 sett
Il blues, quando l’esistenza è la colonna sonora di se stessa
Dall'archivio di un appassionato di musica, Robert Pete Williams in 'Scrap Iron Blues'
(Aspettando) Generi di conforto
3 sett
Il seme africano fecondò un canto e quel canto divenne il blues
Dall'archivio di un appassionato di musica: Cassandra Wilson in ‘Redemption Song’ di Bob Marley
(Aspettando) Generi di conforto
1 mese
Grazie Bach, e grazie Mstislav Rostropovich
Dall'archivio di un appassionato di musica: ‘Prelude from Bach Cello Suite No.1 BWV 1007’
(Aspettando) Generi di conforto
1 mese
Come un ubriaco in un coro di mezzanotte
Dall'archivio di un appassionato di musica, Leonard Cohen in ‘Bird On The Wire', canto di rinascita
(Aspettando) Generi di conforto
1 mese
Van Morrison, dare senso a ciò che pesa
Dall'archivio di un appassionato di musica, 'Just Like A Woman‘ e 'Satisfied’, il nordirlandese al meglio
(Aspettando) Generi di conforto
1 mese
Le otto battute di un genio ben temperato
Dall'archivio di un appassionato di musica: Oscar Peterson in 'C Jam Blues', la storia del jazz seduta al pianoforte
(Aspettando) Generi di conforto
2 mesi
Il Novecento, storia d'abissi e di grandezze
Dall'archivio di un appassionato di musica: Richard Strauss, Vier Letzte Lieder (dir. Georg Solti, soprano Lucia Popp)
(Aspettando) Generi di conforto
2 mesi
Odetta sul treno per la libertà
Dall'archivio di un appassionato di musica: Odetta, 'The Midnight Special'
(Aspettando) Generi di conforto
2 mesi
Dodici battute per uscirne vivi
Dall'archivio di un appassionato di musica: John Lee Hooker, 'Never get out of these blues alive'
(Aspettando) Generi di conforto
3 mesi
Lo smalto e la ruggine, l'amore e la perdita
Dall'archivio di un appassionato di musica: Nina Simone, 'If You Knew'
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile