laRegione
marlene-l-antimilitarista-canta-seeger
Marlene Dietrich (Keystone)
05.02.21 - 12:00
Aggiornamento : 15:14

Marlene l'antimilitarista canta Seeger

Dall'archivio di un appassionato di musica: Marlene Dietrich canta 'Where have all the flowers gone' (live nel 1963)

di Erminio Ferrari

Può una vecchia attrice col toupé, tutta fasciata in lustrini e brillanti ispirare qualcosa che non sia la Jessica di Roger Rabbit, o un dorato e bensì grottesco viale del tramonto? Può, se è Marlene Dietrich che canta (a.d. 1963) Where have all the flowers gone, autentico e sovrano inno del grande Pete Seeger contro l’insensatezza della guerra. L’espressione teatrale e le guance scavate di Marlene Dietrich fanno il resto. (e.f.) ottobre 2007 

Ogni venerdì, 24 ore prima del podcast, recuperiamo 'pillole' dell'Erminio Ferrari appassionato di musica contenute in 'Generi di conforto', rubrica apparsa su laRegione Ticino tra il 2007 e il 2009 e dalla quale il podcast prende il nome.

Come, dove, quando

'Where Have All the Flowers Gone?' (Dove sono finiti tutti i fiori) è un brano folk antimilitarista scritto dal cantautore e folk-singer statunitense Pete Seeger, con interventi successivi sul testo del folk-singer Joe Hickerson. Scritta nel 1956, la canzone è divenuta manifesto pacifista negli anni Sessanta. Le versioni più note sono quelle di Joan Baez, Peter, Paul and Mary e The Kingston Trio.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
erminio ferrari generi di conforto marlene dietrich pete seeger
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS (Aspettando) Generi di conforto
(Aspettando) Generi di conforto
11 mesi
Keith Jarrett, la musica risuona di sé e noi di lei
Dall'archivio di un appassionato di musica: Keith Jarrett, ‘Solo concert’
(Aspettando) Generi di conforto
11 mesi
Lo strazio di un amore arreso all'ombra
Dall'archivio di un appassionato di musica: Jessye Norman, ‘Il lamento di Didone’
(Aspettando) Generi di conforto
11 mesi
Quel secondo movimento che volge la pena in coscienza
Dall'archivio di un appassionato di musica: Carlos Kleiber, Beethoven sinfonia N.7, Op.92
(Aspettando) Generi di conforto
11 mesi
Leon Gieco e l'insegnamento del canto
Dall'archivio di un appassionato di musica, 'Solo le pido a diòs': correva l'anno 1978...
(Aspettando) Generi di conforto
1 anno
Il blues, quando l’esistenza è la colonna sonora di se stessa
Dall'archivio di un appassionato di musica, Robert Pete Williams in 'Scrap Iron Blues'
(Aspettando) Generi di conforto
1 anno
Il 'valzerino' di Coltrane, trasfigurazione del jazz
Dall'archivio di un appassionato di musica, dal 1965 in Belgio, ‘My favourite things’ per tutti i discepoli
(Aspettando) Generi di conforto
1 anno
Il seme africano fecondò un canto e quel canto divenne il blues
Dall'archivio di un appassionato di musica: Cassandra Wilson in ‘Redemption Song’ di Bob Marley
(Aspettando) Generi di conforto
1 anno
Grazie Bach, e grazie Mstislav Rostropovich
Dall'archivio di un appassionato di musica: ‘Prelude from Bach Cello Suite No.1 BWV 1007’
(Aspettando) Generi di conforto
1 anno
Come un ubriaco in un coro di mezzanotte
Dall'archivio di un appassionato di musica, Leonard Cohen in ‘Bird On The Wire', canto di rinascita
(Aspettando) Generi di conforto
1 anno
Van Morrison, dare senso a ciò che pesa
Dall'archivio di un appassionato di musica, 'Just Like A Woman‘ e 'Satisfied’, il nordirlandese al meglio
© Regiopress, All rights reserved