laRegione
21.10.22 - 05:30
Aggiornamento: 14:16

Allora vale tutto

La candidatura di Boris Bignasca al Consiglio di Stato è la dimostrazione del fatto che alla Lega il rispetto per le istituzioni interessa poco o nulla

allora-vale-tutto
Ti-Press

Dal punto di vista puramente elettorale, è possibile che la scelta leghista si riveli vincente: candidare come terzo nome per il Consiglio di Stato Boris Bignasca – con quel cognome lì – può servire a galvanizzare i simpatizzanti. Si sventa anche così, l’assalto dell’Udc alla diligenza sovran-populista: risvegliando i nostalgici di "quando c’era il Nano", nel cui immaginario pulsa una Lega (ovviamente fiabesca) più di lotta che di governo.

Solo che Bignasca è anche quello di TiSin. E la formichina sarà pure ripetitiva, per carità, ma le pare quantomeno bislacco che un deputato faccia di tutto per aggirare, da pseudosindacalista, la legge sul salario minimo che lui stesso aveva approvato in Gran Consiglio. Che poi potrebbe essere qualsiasi altra legge, e Bignasca potrebbe rappresentare un qualunque altro partito e non averla neppure votata: semplicemente, non puoi screditare in modo così sfrontato l’istituzione nella quale sei imbullonato. Se poi, quando ti sgamano mentre cerchi di dartela a gambe, ti candidano pure all’esecutivo, beh: allora vale tutto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
23 ore
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
23 ore
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
1 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
2 gior
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
2 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
3 gior
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
5 gior
Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas
La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
Il commento
6 gior
Razzismo e negazionismo: ho sognato che era tutto vero
Qualche considerazione – onirica e no – partendo dal documentario ‘Je suis noires’, della regista svizzera Rachel M’Bon
IL COMMENTO
6 gior
Sentenze, audit (Unitas)... opacità di Stato
Nonostante sia ancorata a una legge cantonale, la trasparenza resta in diversi casi l’eccezione
IL COMMENTO
1 sett
Sementina fra condanna, debolezze e rimedi
Dopo la prima tappa in Pretura penale, il caso potrebbe proseguire in Appello. Sul piano cantonale s’impone un’ampia analisi delle lacune
© Regiopress, All rights reserved